Defense Satellite Communications System

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Defense Satellite Communications System
Immagine del veicolo
DSCS-3 1.jpg
DSCS III
Dati della missione
OperatoreStati Uniti Dipartimento della Difesa
Tipo di missioneSatellite militare
EsitoIn corso
Luogo lancioVandenberg Air Force Base
Inizio operatività13 dicembre 1978
Durata10 anni (DSCS III)
Proprietà veicolo spaziale
Potenza1.269-1.500 watt
CostruttoreLockheed Martin
Parametri orbitali
OrbitaGeosincrona
Apogeo41.000 km
Missioni correlate
Missione precedenteMissione successiva
Wideband Global SATCOM system

DSCS è una Costellazione satellitare americana per le comunicazioni militari.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il DMSP provvede alle comunicazioni SHF ad alta priorità e strategiche tra gli alti comandi, le forze schierate e le unità navali in tutto il mondo. Inoltre per connettere i servizi di comando e controllo viene utilizzato da agenzie come la National Command Authority, la White House Communications Agency e il Diplomatic Telecommunications Service. L'ultimo satellite di 14 è stato lanciato nel 2003. Attualmente soltanto 7 sono operativi. Lo AFSPC ha disattivato i due DSCS più vecchi, il B-12 nel luglio del 2014 e il DSCS-10 nel giugno del 2015. Il B-12 ha superato di ben 12 anni la sua vita operativa programmata. Gli ultimi 4 satelliti hanno ricevuto uno SLEP (Service Life Extension Program) prima del lancio, fornendo amplificatori di potenza più elevati, ricevitori più sensibili e opzioni migliori su connessioni con antenna. I veicoli hanno un trasponder a canale singolo per diffondere messaggi di azioni d'emergenza e direttive alle forze nucleari. La rete viene gestita dal 50th Space Wing, Schriever Air Force Base, Colorado, Air Force Space Command.

Sistemi Esistenti[modifica | modifica wikitesto]

  • DSCS III.
  • DSCS III SLEP, configurazione aggiornata sugli ultimi 4 satelliti lanciati.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Air Force Magazine 2018