Deejay chiama Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Deejay chiama Italia
DeeJay chiama Italia.png
Paese Italia
Anno 1991 – in produzione
Genere musicale, talk show
Durata 120 min
Lingua originale italiano
Crediti
Conduttore Linus, Nicola Savino
Regia Alex Farolfi (Regia Audio)
Chris Mhyre (Regia Video)
Rete televisiva All Music (2006-2009)
Deejay TV (2009-2015)
Nove (dal 2015)
Emittente radiofonica Radio Deejay (dal 1991)

Deejay chiama Italia è un programma radiofonico in onda dal 1991 tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 12:00 su Radio Deejay, condotto dai DJ Linus (direttore artistico di Radio Deejay) e Nicola Savino, con la regia di Alex Farolfi e la collaborazione di Matteo Curti.

La trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione nasce nel 1991 con la conduzione del DJ Linus, che dal 1997 viene affiancato da Nicola Savino, fino a quel momento regista della trasmissione e coinvolto durante le dirette proprio dal conduttore, che lo interpellava in quanto "Uomo della Strada". I due hanno avviato così un sodalizio artistico, vincendo anche diversi premi come "miglior coppia radiofonica", uniti ad altrettanti premi assegnati alla trasmissione stessa.[1][2]

Il programma concede largo spazio agli interventi parlati dei due conduttori, che commentano le notizie d'attualità, le ricorrenze e i fatti del giorno in maniera leggera, coinvolgendo spesso anche i collaboratori stessi della trasmissione, come il regista Alex Farolfi, il collaboratore Matteo Curti e le centraliniste che fanno parte della redazione del programma.

Dal 2006, in seguito all'acquisizione da parte di Elemedia (società di cui fa parte Radio Deejay) dell'emittente televisiva All Music, la trasmissione va in onda anche in televisione, mostrando attraverso 11 telecamere la vita nello studio radiofonico e della attigua redazione, seguendo anche i fuori onda dei componenti del cast e degli eventuali ospiti durante la trasmissione radiofonica dei brani musicali. Inoltre, la trasmissione è visibile anche in streaming sul sito di Radio Deejay.[3]

In occasione di eventi sportivi, come è successo con i Mondiali FIFA 2006 o i Mondiali FIFA Sudafrica 2010, spesso la trasmissione concede ampio spazio al commento delle ultime novità, cambiando anche titolo a seconda di dove si svolgono le competizioni (Deejay chiama Germania nel 2006, Deejay chiama Sudafrica nel 2010). Durante i mesi estivi, la trasmissione cambia titolo in Deejay chiama estate e va in onda per alcune settimane dall'Aquafan di Riccione.

La trasmissione prevede molto frequentemente la presenza di ospiti illustri, appartenenti ai campi più eterogenei (musica, letteratura, televisione, cinema, sport), che intervengono durante l'ultima mezz'ora di trasmissione. Nella puntata del venerdì, tale spazio è riservato agli interventi di Aldo Rock (all'anagrafe Aldo Calandro),[4] mentre per diversi anni nella puntata del giovedì era presente uno spazio dedicato alle ultime novità librarie curato da Daria Bignardi, intitolato "Mezz'ora Daria".[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cuffie d'oro, linus.blog.deejay.it. URL consultato il 4 maggio 2016.
  2. ^ Albo d'oro cuffie d'oro, cuffiedoro.it. URL consultato il 4 maggio 2016.
  3. ^ Sito di Radio Deejay, deejay.it. URL consultato il 4 maggio 2016.
  4. ^ Massimo Pisa, "Milano è fantastica se pedali di notte", in la Repubblica, 11 ottobre 2002. URL consultato il 4 maggio 2016.
  5. ^ Ernesto Assante, Con i libri di Daria la notte è piccola, in la Repubblica, 21 maggio 2002. URL consultato il 4 maggio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]