Dean Phillips

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dean Phillips
Dean Phillips, official portrait, 116th Congress.jpg

Membro della Camera dei Rappresentanti - Minnesota, distretto n.3
Durata mandato 3 gennaio 2019 - In carica
Predecessore Erik Paulsen

Dati generali
Partito politico Democratico

Dean Benson Phillips (Saint Paul, 20 gennaio 1969) è un politico statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato del Minnesota.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da DeeDee e Artie Pfefer, morto in combattimento durante la guerra del Vietnam quando il figlio aveva solo sei mesi, Dean venne riconosciuto dal secondo marito della madre, l'imprenditore e filantropo Eddie Phillips. Questi era erede della nota industria di liquori Phillips Distilling Company nonché figlio della giornalista Pauline Phillips[1].

Dean Phillips studiò all'Università Brown e conseguì un master in business administration presso l'Università del Minnesota, divenendo successivamente presidente dell'azienda di famiglia. Lavorò per diversi anni nel campo dell'industria alimentare: fu proprietario di Talenti Gelato e amministratore delegato di Penny's Coffee[2]. Divorziato e padre di due figlie, fu attivo nella comunità ebraica come presidente del Tempio di Israele di Minneapolis[3].

Entrato in politica con il Partito Democratico, nel 2018 annunciò la propria candidatura per la Camera dei Rappresentanti contro il repubblicano in carica da dieci anni Erik Paulsen e riuscì a sconfiggerlo, divenendo deputato[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Can this charming liquor heir beat Minnesota's corporate congressman?, su citypages.com. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Dean Phillips & The Road To November 2018, su tcjewfolk.com. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  3. ^ (EN) Dear Abby asked Dean Phillips for advice, su ajwnews.com. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  4. ^ (EN) Results for U.S. Representative District 3, Minnesota Secretary of State. URL consultato il 24 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]