De Grolsch Veste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
De Grolsch Veste
"Epi Drost Stadion"
De Grolsch Veste.jpg
Informazioni
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
UbicazioneEnschede
Inizio lavori1997
Inaugurazione1998
StrutturaPianta rettangolare
CoperturaTutti i settori
Costo50 milioni
ProprietarioTwente
GestoreFootball Club Twente
ProgettoIAA Architecten
Uso e beneficiari
CalcioTwente
Capienza
Posti a sedere24000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 52°14′12″N 6°50′15″E / 52.236667°N 6.8375°E52.236667; 6.8375

Il "De Grolsch Veste" è lo stadio di casa del Twente, situato a Enschede. L'impianto è stato inaugurato nel 1998 per sostituire il Diekman Stadion e ha avuto un restauro nel 2008 (quando era chiamato Arke Stadion), aumentando la capacità dello stadio da 13.250 a 24.000 posti a sedere.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Veduta dello stadio

Nel 1997, iniziarono i lavori pre la costruzione dello stadio. Il 10 maggio 1998 ci fu la partita inaugurale che fu un match di Eredivisie fra il Twente e il PSV. Il primo gol nel nuovo stadio fu segnato da Chris De Witte.

Mercoledì 29 agosto 2007 vi fu nello stadio la prima partita di calcio femminile fra il Twente e l'SC Heerenveen. Questa partita è stata preceduta dalla cerimonia di apertura dell'Eredivisie femminile.

Opere di estensione dello stadio[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio dall'interno

Dopo l'apertura nel 1998, lo stadio aveva una capienza di 13.500 spettatori, che fu successivamente ridotta a 13.250.

L'ingresso allo stadio

Nel mese di aprile 2008 fu iniziato un rinnovamento, con il montaggio di una parte dell'anello. Ricostruito lo stadio, fu inaugurato nel settembre 2008. Dopo la costruzione è stato esteso ad una capacità di 24.000 posti a sedere. Il primo anello ha una capacità di 14.150 e il secondo anello ha una capacità di 9.850. La prima partita nello stadio ampliato è stata giocata il 13 settembre 2008 contro il NEC e ha visto la partecipazione di 23.550 tifosi. Il 5 settembre 2009 ha ospitato un nuovo incontro tra l'Olanda e il Giappone.

Lo stadio durante una partita di campionato

Il 20 gennaio 2009 lo stadio rinnovato è stato ufficialmente aperto. È stato anche scoperta una statua dell'ex capitano Epi Drost. La tribuna è stata anche ribattezzata Cor Hilbrink Tribune dal nome di Cor Hilbrink, il primo presidente del FC Twente.

L'FC Twente spera nel maggio del 2010 di iniziare la prossima fase di allargamento. Ciò dovrebbe portare ad una capacità di 34.000 posti e nel settembre dello stesso anno dovrebbe concludersi. Il progetto è subordinato alla concessione delle varie licenze, per le quali la domanda è ancora pendente. Il presidente del club Joop Munsterman nel gennaio 2009 ha comunicato di poter presto finire la costruzione del secondo anello con una forma a u.

La struttura di vetro davanti allo stadio: il Drienerlo

Ci sono anche i piani per una futura espansione a più di 40.000 spettatori. Ciò richiede l'ingresso del club in Europa League. Il comune di Enschede ha firmato la candidatura dello stadio per ospitare i mondiali di calcio del 2018 ma ciò richiede la capacità di almeno 44.000 posti a sedere.

Il varco per entrare allo stadio

Il 7 luglio 2011 è crollata una parte del tetto dello stadio mentre era in fase di ristrutturazione. L'incidente ha causato un morto e dodici persone ferite rimaste intrappolate sotto le macerie.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Appena vicino allo stadio vi è la stazione ferroviaria di Enschede. I due megaschermi della Philips dello stadio hanno ciascuno una superficie di 36 metri quadrati. C'è una passeggiata nel secondo anello che si congiunge a una rampa di scale. Ci sono otto chioschi, dove la ristorazione è gestita dall'FC Twente (Senza Fonte).

Nomenclatura[modifica | modifica wikitesto]

La parola "investimento" è un antico nome del fortificato difficile da assediare in epoca medievale. Questo si riferisce al luogo in cui venne costruita Groenlo, una città fortificata famosa per il suo assedio durante la Guerra degli Ottant'Anni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]