De Donato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
De Donato
StatoItalia Italia
Fondazione1947 a Bari
Fondata daDiego De Donato
Chiusura1989
Sede principaleBari
SettoreEditoria

De Donato già Leonardo Da Vinci è stata una casa editrice italiana, con sede a Bari e con ufficio redazionale a Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata con la denominazione di Leonardo Da Vinci nel 1947 da Diego De Donato, nella seconda metà degli anni sessanta assunse il nome del fondatore.[1]

Pubblicò opere di diritto, filosofia, geografia, libri di viaggio, politica sindacale, storia; tra le collane, Atti e dissensi[2], Scrittori d'Oriente, diretta da Giuseppe Tucci, e Rapporti di letteratura italiana e straniera.[3]

Tra gli autori pubblicati annoverò Pietro Barcellona, Franco Cassano, Noam Chomsky, Arcangelo Leone de Castris, Franco De Felice, Franco Fortini, Romano Luperini, Fosco Maraini, Rossana Rossanda, Giorgio Zampa.

Alla De Donato si deve la prima edizione in italiano, nel marzo 1967, de Il maestro e Margherita di Michail Bulgakov[4], opera segnalata alla traduttrice Marija Olsufieva dal germanista Giorgio Zampa.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ‪La Letteratura italiana: L'eta presente: dal Fascismo agli Anni Settanta. L'età presente. 2 v, Bari, Laterza, 1980.
  2. ^ ‪Michele Melillo, Agostino Mortati e Mauro Paissan, Roma, Cooperativa "Manifesto 80", 1984, p. 213.
  3. ^ EDITORE, su Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1978) - Treccani.it.
  4. ^ Michail Bulgakov, Il maestro e Margherita, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2011, p. 12.
  5. ^ Stefania Pavan (a cura di), Le carte di Marija Olsufʹeva nell'Archivio contemporaneo Gabinetto G. P. Vieusseux, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2002, p. 21.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria