Davide Sapienza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davide Sapienza, 2013

Davide Sapienza (Monza, 23 giugno 1963) è uno scrittore, traduttore e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Davide Sapienza inizia a lavorare nell'editoria musicale come autore di libri rock, conduttore radiofonico (Radio Popolare), critico musicale, nel 1984. Ha scritto per le principali riviste musicali specializzate, è stato inviato da Milano per Il Tirreno e ha curato per RAI DSE la sezione "Parole e Musica" al programma Tortuga (1993-1994). Altre collaborazioni dal 2005 includono La Stampa, La Rivista della Montagna, GQ Italia, Diario. Attualmente è collaboratore del Corriere della Sera (Bergamo) come editorialista e autore di reportage. Ha collaborato 10 anni con Arcana Editrice di Milano, come traduttore, curatore, consulente editoriale: tra i libri da lui curati i più noti sono dedicati agli U2, Simple Minds, Waterboys, Neil Young, Nirvana, Frank Zappa, Smashing Pumpkins, Jimi Hendrix . Dal 1996 al 2004 è stato label manager italiano della Rykodisc (poi Palm Pictures/Rykodisc), ottenendo due premi alla carriera al Club Tenco (Bruce Cockburn e Norma Waterson), lavorando con personaggi come Robert Wyatt e Joe Boyd. Da ricordare il disco d'oro con i Cousteau (in licenza Nun Ent.). Tra il 1985 e il 1998 collabora con Buscadero, Il Mucchio, Velvet, Musica! di Repubblica, Musica&Dischi, Radio Popolare. Nel 1984 fonda (insieme a Giuseppe Calegari) e dirige Fire[1], rivista indipendente inizialmente dedicata agli U2.

Tra gli interessi principali in questa prima fase professionale spicca quello per i temi legati ai nativi americani. Cura le edizioni italiane di libri di poeti come John Trudell e Lance Henson, per i quali presenta alcune reading pubbliche, e organizza il primo tour italiano di Trudell[2], che seguirà anche in veste di label manager per Rykodisc.

Nel 1998 lascia il giornalismo musicale per dedicarsi alla scrittura e al viaggio attivo (camminando territori anche con gli sci da escursionismo e viaggiando in bicicletta) come forma di esplorazione geografica e interiore. La sua narrativa - ispirata al rapporto con la natura e il territorio, prendendo a modello scrittori come Barry Lopez - si sviluppa nel corso di alcuni intensi anni di attività lontano dai media. Il debutto letterario porta il titolo di I Diari di Rubha Hunish, (settembre 2004, in e book, con fotografie dell'autore e un racconto inedito, nel luglio 2014 e infine in versione "redux" nel marzo 2017). Con una serie di conferenze e reading musicali insieme alla moglie Cristina Donà (lo spettacolo si chiama Il Suono del Cammino), parte la seconda parte della sua storia professionale che vede anche il ritorno al giornalismo: reportage da luoghi remoti del pianeta, per Specchio (La Stampa), La Rivista della Montagna, GQ, Diario (alcuni sono scaricabili dal suo sito internet[3]); senza dimenticare la musica, con importanti interviste a grandi personaggi del rock. Dal marzo 2014 cura anche la rubrica Sentieri d'autore per il Corriere (Bergamo).

Nel 2005 ha fondato l'etichetta discografica Faier Entertainment, insieme con Tullio Lanfranchi e Pietro Paolo Pelandi. Sapienza si è occupato della direzione artistica. Dopo alcuni anni di attività, a livello di produzione, booking e ufficio stampa musicale, l'etichetta ha chiuso nel 2010.

Dopo un viaggio del 2006 nelle terre del Nord del Canada (Yukon), sulle tracce di Jack London, cura una versione del racconto londoniano To build a fire, Preparare un fuoco[4], traduce il libro di Dick North Il marinaio nella neve. Jack London e il Grande Nord. Questa attività di studi londoniani - che lo porta a essere invitato dalla American Literature Association in California nel 2007 - prosegue con altre nuove traduzioni che lo impongono come innovativo studioso e traduttore del grande scrittore statunitense. Dal 2010 Marco Paolini, utilizza la traduzione di Preparare un fuoco come fulcro dello spettacolo Ballata di Uomini & Cani[5]. Nel 2006 esce una sua postfazione per la ristampa di Sogni artici di Barry Lopez e dopo una spedizione invernale in Norvegia (traversata con sci del Dovrefjell) arriva il viaggio in Nunavut, dove risiede presso una famiglia Inuit, aprendo un altro dei suoi sentieri preferiti, quello che conduce alle terre artiche e all'esplorazione polare. Di Lopez Sapienza ha anche curato Resistance (2008), Una geografia profonda (2014, antologia concordata con l'autore) e la storia edita da Harper's nel 2013 Frammento di cielo (2014, ebook edito da Feltrinelli Zoom), sconvolgente rivelazione e analisi legata agli abusi sessuali subiti durante l'infanzia da Lopez.

Dopo l'esperimento del volume in edizione limitata Taivitii, con foto e testi poetici che fanno parte di un lavoro di ricerca visiva e letteraria, nel settembre 2007 esce La Valle di Ognidove, romanzo-viaggio di luoghi reali e immaginari a cui viene dedicato un apposito sito internet[6]. Nelle pagine del sito si possono trovare, oltre alla presentazione e alcuni estratti dal romanzo, una mappa immaginaria dell'Ognidove, Il Corriere di Ognidove e una sezione dedicata ai lettori. L'idea dell'Ognidove, oltre a un editoriale per un settimanale de La Repubblica, ispirerà il regista svizzero Fabio Calvi a girare il documentario La sapienza di Davide. Parole in cammino, in onda per la prima volta il 5 aprile 2009 sulla Tv Svizzera Italiana[7]. Il libro La Valle di Ognidove segna anche la nascita della collaborazione con il cantante e chitarrista Francesco Garolfi, insieme al quale nel 2008 Davide Sapienza progetterà l'album 1968: Odissea nel Rock (con un suo racconto rock all'interno booklet) e con il quale torna a lavorare nel 2014 per la performance dedicata a Jack London Il richiamo di Zanna Bianca.

Nell'inverno 2007/2008 Davide Sapienza cura e traduce Rivoluzione di Jack London, fino a quel momento inedito in Italia. Con l'intensificarsi di viaggi, reportage e performance letterarie-musicali (La stagione di Ognidove e poi Il signor Loci, presumo?, sempre con Garolfi), gli studi londoniani fruttano un importante invito, da parte della American Literature Association per una conferenza sul Naturalismo a Newport Beach in California, dove presenta il saggio, "Who Killed The Italian Wilderness?", poi pubblicato in italiano sulla rivista universitaria statunitense The Waters of Hermes[8]. In California, Sapienza visita la fattoria di Jack London e incontra il nipote Milo Shepard, figlio della sorellastra di London, Eliza. Si sposta poi in Oregon, dove incontra Barry Lopez.

Davide Sapienza nel 2008

Dopo una spedizione nell'artico norvegese del febbraio 2008, Davide Sapienza è protagonista di varie conferenze sul mondo artico e il popolo Inuit[9]. Il libro La Valle di Ognidove, nel frattempo, riconosciuto per la sua originalità, fa scegliere all'autore di presentarlo con letture all'aperto accompagnate da passeggiate con l'autore (che verranno poi chiamate NatuRe). Il 2007 e il 2008 vedono Sapienza coinvolto in due lavori importanti; il primo è la co-sceneggiatura del documentario Scemi di guerra di Enrico Verra[10], trasmesso il 25 aprile 2008 per Sky su History Channel (poi edito in DVD da Istituto Luce, 2011). Il documentario racconta gli effetti devastanti della guerra di trincea sulla psiche dei soldati durante la Prima guerra mondiale e riceve recensioni molto positive (come quella di Aldo Grasso sul Corriere della Sera). Il secondo lavoro è la cura dell'apparato critico del grande classico di Jack London, Martin Eden, per gli Oscar Classici Mondadori. Nell'estate del 2008 pubblica il secondo scritto "americano", rispondendo all'invito di Barry Lopez ad unirsi al semestrale "Manoa", edito dall'università delle Hawaii. Sulla rivista universitaria Sapienza pubblica "As If 1918 Never Happened"[11].

Nell'ottobre 2008 Sapienza torna in Canada, per un lungo e articolato viaggio tra Québec e British Columbia, dove visita la wilderness pressoché sconosciuta in Europa della Flathead Valley. Il racconto di questo viaggio, uscito su GQ[12], verrà inserito nell'edizione 2011 de I Diari di Rubha Hunish). L'esperienza porta al primo libro a quattro mani: Tremilachilometri a mano, raccolta di riflessioni poetiche ispirate alle fotografie di Andrea Aschedamini, compagno di viaggio nella Flathead Valley. La collaborazione getta le basi per i volumi firmati dalla coppia L'invisibile canto del silenzio (2010) e Le Orovie (2011).

Tornato dal Canada, lo scrittore inizia a lavorare al nuovo libro (La Strada Era L'Acqua, 2010, ripubblicato in nuova edizione nell'ottobre 2015), mentre già a fine febbraio del 2009 pubblica Il cacciatore di anime di Jack London: due racconti junghiani scritti dopo che London - negli ultimi mesi di vita – aveva scoperto le opere del celebre psicanalista Carl Gustav Jung. Con l'uscita del Martin Eden (accolto da recensioni positive, tra cui quella di Goffredo Fofi su Avvenire, che definisce Sapienza un innovativo studioso londoniano[13]), a fine marzo, per il "Circolo dei Lettori" di Torino, Davide Sapienza cura la prima manifestazione in Italia dedicata a Jack London,I giorni di Jack: tre giorni di eventi con ospiti quali Vinicio Capossela, impegnato in una lettura musicale su testi londoniani, e con la reading musicale assieme a Francesco Garolfi, Il Silenzio Bianco[14]. Nei primi mesi del 2009, una troupe della televisione svizzera RSI gira un documentario dedicato alla poetica, i viaggi e la storia di Sapienza, tra le sue montagne e altri luoghi d'Italia. La Sapienza di Davide. Parole in cammino è anche l'ultimo lavoro di Fabio Calvi per la RSI dopo oltre 40 anni di opere (come le più recenti, dedicate ad Arturo Toscanini e Maria Callas).

Dopo aver completato La strada era l'acqua (pubblicato il 22 marzo 2010, giornata mondiale dell'Acqua), Sapienza si dedica alla revisione de I Diari di Rubha Hunish, che resta nella sostanza il libro del 2004, ma con l'aggiunta di alcuni inediti e un'appendice che include i migliori reportage e saggi scritti tra il 2005 e il 2009. Sempre del 2009 è la traduzione di I diari del Polo del capitano Robert Falcon Scott, sul suo viaggio al Polo Sud, curato dallo scrittore Filippo Tuena. Nel mese di settembre, lo scrittore lombardo pubblica sulla rivista statunitense Words Without Borders il racconto del trekking urbano di Milano[15], già edito in italiano per la rivista GQ e realizzato con il geografo ed esploratore Franco Michieli. Nel 2009, Sapienza (a fianco di Erri De Luca, Marco Aime, Eraldo Affinati) scrive Il futuro della Natura (poi incluso nell'appendice dell'edizione 2011 de I Diari di Rubha Hunish) per il volume a cura del poeta e filosofo Italo Testa, Pensieri viandanti. L'etica del camminare. Il testo è legato ai primi articoli di Davide Sapienza sui diritti della natura, cardine del suo impegno "politico" per questa nuova forma di governance (che passa anche dalla traduzione di I Diritti della Natura. Wild Law di Cormac Cullinan).

Il 2010 è un anno molto ricco di pubblicazioni: Il 22 marzo esce La strada era l'acqua, accolto molto positivamente e presentato con camminate a tema; a fine anno esce L'invisibile canto del silenzio per EDUCatt (il laboratorio editoriale dell'Università Cattolica di Milano[16]), Il libro si compone di una serie di fotografie legate a testi poetici, scritti a mano, ed è ispirato a una permanenza, con il fotografo Aschedamini, presso l'Abbazia di Chiaravalle. Sul fronte degli studi londoniani e polari, in gennaio esce La strada. Diario di un vagabondo, in cui Sapienza inserisce i diari inediti di un giovane Jack London nell'edizione del suo classico "road book" del 1907. A fine anno esce la traduzione di John Barleycorn. Memorie alcoliche. Ma il lavoro più particolare, progettato per dieci anni, è il ritorno in libreria, dopo mezzo secolo, del volume La spedizione della Fram di Fridtjof Nansen, il grande esploratore polare e scienziato, nonché Premio Nobel per la Pace nel 1922, figura chiave della storia norvegese. Il libro è la riduzione del lungo resoconto in due volumi edito nel 1899, accompagnato da un lungo saggio introduttivo che fotografa la visione dello scrittore Sapienza rispetto ai temi che affronta al di fuori dei propri libri. Appartiene a questa filosofia l'uscita a febbraio 2011 del classico di Jack London che rappresenta la summa di una visione espressa nei propri libri: per la Biblioteca Universale Feltrinelli esce la nuova traduzione di Il richiamo della foresta di Jack London, nella quale compaiono anche i racconti Preparare un fuoco (in una nuova traduzione, alla luce del lavoro fatto con Marco Paolini nel 2010 per Ballata di uomini e cani) e Bâtard.

Ad aprile 2011, Davide Sapienza collabora con RSI (la tv svizzera italiana), scrivendo insieme al fratello Guido e con la regia di Roberto Minini-Meròt il testo per un servizio sulla città dell'Aquila, La democrazia del camminare[17].. Lo scrittore visita la città ferita dalle macerie insieme al collega aquilano Sandro Cordeschi. Capitolo importante, dopo il Premio Pigna d'Argento a Bormio nell'estate del 2011, per Sapienza è l'uscita, il 10 di novembre, di La musica della neve. Piccole variazioni sulla materia bianca (collana "Piccola Filosofia di Viaggio", Ediciclo Editore). Un viaggio reale e profondo nella neve, elemento particolarmente amato, che diventa una performance, con musiche del polistrumentista Giuseppe Olivini. La registrazione dal vivo diventa il cd La musica delle neve.experience (2013).

Davide Sapienza, 2010

Nel 2011 tiene la conferenza sul tema "diritti della natura" per Bergamo Scienza e nel 2012, dopo la prima conferenza internazionale sul tema (con ospiti Mari Margil, Thomas Linzey, Francesca Mancini), dà origine al gruppo di divulgazione Diritti della Natura Italia[18] (spiegato poi dall'intervista per Earth Day Italia nel 2013). In ottobre, firmato con Franco Michieli, per l'editore Zanichelli, esce il manuale di scrittura creativa Scrivere la natura (Zanichelli) e intanto guida un viaggio letterario a piedi per la Compagnia dei Cammini in Val d’Ultimo[19]. Nel 2013, spicca la traduzione e cura del grande classico di Edgar Allan Poe Le avventure di Gordon Pym (Feltrinelli), mentre in maggio pubblica la nuova edizione di La Valle di Ognidove significativamente rivisto. Da novembre inizia la collaborazione con il Corriere della Sera (dorso di Bergamo), anche con la rubrica settimanale "Sentieri d'autore". Continua intanto ad apparire L'Ognidove sul blog Ho Un Libro In Testa.

Il 2014 vede l'uscita di tre volumi di Jack London, Zanna Bianca (Feltrinelli), I Diari dell'Apocalisse (Piano B Edizioni), L'orribile bruto (Transeuropa). Oltre all'attesa antologia, concordata con l'autore, Una geografia profonda. Scritti sulla Terra e l'immaginazione (Galaad Edizioni) di Barry Lopez (amico e ispiratore di Sapienza) esce il volume "La Via dei Silter. Camminare nello spazio, respirare nel tempo" (ERSAF) insieme a Franco Michieli. L'opera è dedicata a un nuovo cammino lungo 70 km tracciato dagli autori nell'Area Vasta Valgrigna in Lombardia, frutto di un lavoro di due anni sul terreno a esplorare, rilevare tracciati, fotografare, prendere appunti, immaginare, in ogni stagione dell'anno. Di particolare rilevanza è l'e book de "I diari di Rubha Hunis]" (Feltrinelli ZOOM), che celebra il decennale del suo primo libro di narrativa con l'inserimento di un lungo racconto inedito e di molte fotografie scattate dall'autore. Il 12 luglio 2014, debutta anche Il Richiamo di Zanna Bianca con testi di Jack London, musiche di Francesco Garolfi e la regia di Umberto Zanoletti. Si tratta del primo esperimento teatrale che unisce testi di "Il richiamo della foresta" e "Zanna Bianca" (ispirati alle sue traduzioni per Feltrinelli) con canzoni scritte ad hoc, in un incrocio narrativo inedito.

Dopo un viaggio in Scozia a piedi, il 5 novembre 2014 esce Camminando (Lubrina Editore, ebook Feltrinelli Zoom, maggio 2015), seguito da diverse camminate letterarie e presentazioni, che proseguono durante tutta la primavera ed estate 2015 con crescente successo. Il 10 ottobre 2015 a Torino riceve il riconoscimento "Le ghiande di Cinemambiente", istituito per la 18ª edizione del prestigioso film festival piemontese dedicato all'ecologia. Nel 2016, esce la prima raccolta di poesie organica dell'autore, "Il Durante Eterno Delle Cose" (solo in ebook per Feltrinelli Zoom Poesia).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • La vera storia di Gottardo Archi, Bolis Edizioni, ottobre 2017
  • I Diari di Rubha Hunish - redux (con Il Tempo della Terra), Lubrina Editore (nuova edizione), marzo 2016
  • La Strada Era L'Acqua, Lubrina Editore (nuova edizione), ottobre 2015
  • Camminando, Lubrina Editore, novembre 2014, ebook Feltrinelli Zoom, maggio 2015
  • I Diari di Rubha Hunish ebook, Feltrinelli Zoom, luglio 2014. (Con l'inedito "Il tempo della Terra" e 42 fotografie dell'autore)
  • I Diari di Rubha Hunish, BaldiniCastoldiDalai Ed, Milano, 2004 ISBN 88-86475-63-2;
  • La Valle di Ognidove, CDA&Vivalda, 2007, nuova edizione rivista per Galaad Edizioni nel 2013
  • La Strada Era L'Acqua, Galaad Edizioni, 22 marzo 2010
  • La musica della neve, Ediciclo Editore, 10 novembre 2011, ebook novembre 2015

(da questo volume è tratto il live registrato con Giuseppe Olivini e Nico Odorico per il cd La Musica della Neve.Experience, 2013)

Poesia e testi autografi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Durante Eterno Delle Cose, Feltrinelli Zoom Poesia (ebook), 2016
  • Le OroVie, testi manoscritti di Davide Sapienza, foto di Andrea Aschedamini, Lubrina Editore, Bergamo, ottobre 2011
  • L'invisibile canto del silenzio, testi di Davide Sapienza, foto di Andrea Aschedamini, EDUCatt, Milano novembre 2010
  • Tremilachilomentri a mano, testi manoscritti di Davide Sapienza, foto di Andrea Aschedamini, Libri a Mano, dicembre 2008
  • Taivitii, I Dedalo, Clusone, 2006. Photobook edizione limitata 300 copie.

Saggistica e Biografie[modifica | modifica wikitesto]

  • La Via dei Silter. Camminare nello spazio, respirare nel tempo, con Franco Michieli, ERSAF, luglio 2014
  • Scrivere la natura, con Franco Michieli, Zanichelli, ottobre 2012
  • Renato Da Pozzo: Storie di Aria, di Spazio e di Luce, Ferrari Editrice, Bergamo, 1997. Autore. ISBN 88-86475-63-2

Racconti, prefazioni, editoriali (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

  • "Io preferisco vivere", introduzione a "Jack London. Le strade dell'uomo" (Contrasto Books, 2015)
  • "Lea è alla porta", in "Gente di Bergamo" (Bolis Edizioni, 2015)
  • "Il silenzio del bianco. Il bianco del silenzio", in "Siria. Scatti e parole" (Miraggi Edizioni, 2014)
  • "Nell'istante in cui lo seppi", in "La morte nuda" (Galaad Edizioni, 2013)
  • "Dizionario di Stile", Blog Zanichelli, 2012, racconto "La Presolana di ieri, domani."
  • "La Parola al traduttore", Blog Zanichelli, 2012, saggio "Preparare un fuoco non è come accendere una sigaretta"
  • "La Scienza Verde", 2012 editoriali "Camminare. La rivoluzione in due passi", "Rio+20. Ma la terra cosa pensa?"
  • "Nuova Prosa 53-54" Greco&Greco Editori, Milano (2010), racconti "L'intelligenza dei piedi", "Fri Flyt - Libera Fluttua" e "Aletheia, La Vetta Nuova"
  • "La mia prima bicicletta" Ediciclo Edizioni (2010), racconto "La mia prima bicicletta? Forse!"
  • "Words Without Borders" Magazine Online USA(2009), racconto "Milano Inside A Star"
  • "Il futuro della natura" in Pensieri Viandanti. L'etica del camminare. A cura di Italo Testa, Diabasis, 2009
  • Jorn Riel - Prima del domani, Iperborea, 2009. Postfazione.
  • Manoa. Reconciliation, University of Hawaii, Honolulu, 2008, con “As If 1918 Never Happened”
  • Intraisassblog 3. A cura di Paola Lugo. Antersass, 2008 con “Il senso di Marco per la visione”
  • Giuliano Paravella, Suitcase in my Head, Eumeswil, 2007. Prefazione.
  • Bonus Tracks: scrittori italiani per Rolling Stone, Oscar Mondadori 2007, con “Nelle alte terre”. ISBN 88-04-56465-2
  • Semi di fico d'India, Nuova Dimensione 2005, Prefazione. ISBN 88-89100-15-X.
  • L'amore, l'amicizia, a cura di Piero Gelli, BaldiniCastoldiDalai Ed, 2005. Con due poesie.

Cura e traduzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Jack London - Il richiamo della foresta, Orecchio Acerbo, 2016, con illustrazioni di M. Quarello
  • Jack London - Il vagabondo delle stelle, Feltrinelli, 2015. Cura e traduzione.
  • Jack London - L'orribile bruto. Transeuropa Edizioni, 2014. Cura e traduzione.
  • Jack London - I diari dell'apocalisse. Piano B Edizioni, 2014. Cura e traduzione.
  • Jack London - Zanna Bianca. Feltrinelli, 2014. Cura e traduzione.
  • Jack London - Il richiamo della foresta (con Batard e Preparare Un Fuoco), Feltrinelli, 2011. Cura e traduzione. ISBN 978-88-07-82229-2
  • Jack London - John Barleycorn. Memorie alcoliche, Mattioli 1885, 2010. Cura e traduzione. ISBN 978-88-6261-171-8
  • Jack London - La Strada. Diari di un vagabondo, Castelvecchi febbraio 2010. Cura e traduzione.
  • Jack London - Martin Eden, Oscar Mondadori, 2009. Curatela. ISBN 88-04-58193-X
  • Jack London - Cacciatore di Anime, Mattioli1885, 2009. Cura e traduzione.
  • Jack London - Rivoluzione, Mattioli 1885, 2007. Cura e traduzione.
  • Jack London - Preparare un fuoco, Mattioli 1885, 2007. Cura e traduzione. ISBN 978-88-89397-65-7
  • Dick North - Il marinaio nella neve. Jack London nel grande nord, CDA&Vivalda, 2007. Cura e traduzione.
  • Barry Lopez - Frammenti di cielo, Feltrinelli Zoom, ottobre 2014. Traduzione.
  • Barry Lopez - Una geografia profonda, Galaad Edizioni, luglio 2014. Cura e traduzione.
  • Barry Lopez - Resistance, BaldiniCastoldiDalai, ottobre 2008. Cura e traduzione.
  • Barry Lopez - Sogni Artici, BaldiniCastoldiDalai, gennaio 2006. Curatela. ISBN 88-8490-905-8
  • Arthur Conan Doyle - Avventura nell'Artico, Utet De Agostini, 2016. Traduzione.
  • Edgar Allan Poe - Le avventure di Gordon Pym, Feltrinelli, 2013. Cura e traduzione.
  • Cormac Cullinan - I Diritti della Natura. Wild Law, Piano B Edizioni, 2012. Cura e traduzione.
  • Fridtjof Nansen - Nel Cuore della Groenlandia, Galaad Edizioni, 2011. Cura e traduzione.
  • Fridtjof Nansen - La spedizione della Fram, Carte Scoperte, luglio 2010. Cura e traduzione.
  • Robert Falcon Scott - I Diari del Polo, Carte Scoperte, 2009. Traduzione, postfazione. ISBN 88-7639-045-6
  • John Trudell - Stickman. Poesie e canzoni dall'anima di un guerriero santee, di Paola Igliori, Selene Edizioni, 1995. Traduzione. ISBN 88-86267-10-X
  • Peter Matthiessen - Nello spirito di Cavallo Pazzo, Frassinelli, 1994. Cura e traduzione. ISBN 88-7684-267-5
  • Lance Henson - Tra il buio e la luce, Selene Edizioni, Milano, 1993. Cura e traduzione.

Editoria musicale[modifica | modifica wikitesto]

  • Neil Young - Special Deluxe, Feltrinelli, Milano 2015. Tradotto con Marco Grompi
  • Neil Young - Il sogno di un hippie, Feltrinelli, Milano 2013. Tradotto con Marco Grompi
  • U2. The Name of Love, di Andrea Morandi, Arcana Editrice, Roma, 2009. Prefazione.
  • Jim Morrison. Diario fotografico, Frank Lisciandro, Giunti Editore, Firenze, 2007. Traduzione.
  • Sonic Youth. Tutti i testi con traduzioni, Giunti Editore, Firenze, 1997. Cura e traduzione.
  • Jimi Hendrix. Le Sedute Di Registrazione, Giunti Editore, Firenze, 1997. Traduzione.
  • Neil Young. Tutti i testi, con Marco Grompi, Giunti Editore, Firenze, 1997. Cura e traduzione.
  • Smashing Pumpkins. Mellon Collie e le Zucche Infinite, Giunti Editore, Firenze, maggio 1996. Autore. ISBN 88-09-20919-2
  • Kurt Cobain: Nirvana Blues, Giunti Editore, Firenze, novembre 1995. Autore.
  • U2. Tutti i testi, Arcana Editrice, Milano, 1985, 1987, 1991, 1993. Cura e traduzione. ISBN 88-85008-76-3
  • Guns N' Roses. Tutti i testi con traduzione, Arcana Editrice, Milano, 1991. Traduzione
  • The Doors. Tutti i testi con traduzione, Arcana Editrice, Milano, 1991. Intervista introduttiva.
  • Neil Young. Dai Buffalo Springfield a Weld, Arcana Editrice, Milano, 1991
  • The Waterboys. Tutti i testi con traduzione, Arcana Editrice, Milano, 1990. Cura e traduzione
  • Frank Zappa: l'autobiografia, di Peter Occhiogrosso con FZ, Arcana Editrice, Milano, 1990. Traduzione. ISBN 88-7966-279-1
  • U2 - Tempi Luminosi, di Niall Stokes, Arcana Editrice, 1990. Traduzione
  • Simple Minds. Tutti i testi con traduzione, Arcana Editrice, Milano, 1986 e 1989. Cura e traduzione
  • U2 - Rattle And Hum, Arcana Editrice, Milano, 1988. Traduzione.
  • U2 - Interviste e avventure dall'Irlanda al pianeta terra, Arcana Editrice, Milano, 1986. Cura e traduzione. ISBN 88-85008-89-5

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN220417506 · ISNI: (EN0000 0004 3976 9773 · SBN: IT\ICCU\LO1V\034318 · BNF: (FRcb165600692 (data)