Davide Devenuto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Davide Devenuto (Bari, 15 marzo 1972) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a studiare recitazione nel 1997, frequentando, per tre anni, la scuola di Beatrice Bracco, sotto la cui regia debutta nel 1998 in teatro con la commedia Woody si racconta; successivamente partecipa a dei seminari con Michael Margotta e frequenta dei laboratori con Geraldine Baron, entrambi membri dell'Actor's Studio.

Dopo alcuni ruoli secondari in cinema e in televisione e dopo aver girato dei cortometraggi, anche come regista, diventa noto grazie al ruolo di Andrea Pergolesi che dal 2003 al 2020 ha interpretato nella soap opera di Rai 3 Un posto al sole, di cui è stato protagonista anche nelle prime due stagioni (2006 e 2007) della versione estiva Un posto al sole d'estate.

Nel 2018 partecipa come concorrente alla seconda edizione del reality culinario Celebrity MasterChef Italia, classificandosi in terza posizione.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2008 è legato sentimentalmente all'attrice Serena Rossi da cui ha avuto un figlio, Diego, nato il 5 novembre 2016.

Nel 2019 ha chiesto la mano della compagna in diretta televisiva durante una puntata di Domenica In ma posteriormente la compagna ha spiegato come si trattasse di "un gioco"[1].

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • La solita cazzata, regia di Ettore D'Alessandro (2000)
  • Dimmi la verità, regia di Davide Devenuto (2001)
  • Acqua passata, regia di Davide Devenuto (2002)
  • Pedro Ximenex: Sei, regia di Giovanni Bufalini (2004)
  • Il tempo di morire, regia di Roberto Scarpetti (2005)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Serena Rossi e Davide Devenuto sono sposati? Il retroscena sulla proposta di matrimonio in diretta, su NonSolo.TV, 12 maggio 2020. URL consultato il 12 maggio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233052878 · SBN IT\ICCU\RAVV\347014 · WorldCat Identities (ENviaf-233052878