David Van Reybrouck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
David Grégoire Van Reybrouck

David Grégoire Van Reybrouck (Bruges, 11 settembre 1971) è uno scrittore, storico e archeologo belga di lingua fiamminga. È vincitore di numerosi premi letterari.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

David Van Reybrouck è nato a Bruges da una famiglia cattolica di fiorai e artisti. Suo padre, Dirk Van Reybrouck (1939-2006), aveva lavorato per cinque anni, dal 1962 al 1966, nella Repubblica Democratica del Congo come ingegnere ferroviario per la Compagnie du chemin de fer du bas-Congo au Katanga a Likasi. Sua madre, Bernadette De Bouvere, era un'insegnante di educazione artistica.

David ha studiato archeologia e filosofia alla Katholieke Universiteit Leuven. In seguito, ha conseguito un Master of World Archaeology all'Università di Cambridge e un dottorato all'Università di Leida.

I suoi interessi accademici si concentrano sulla storia dell'animale e del suo rapporto con l'uomo del XIX e del XX secolo, tanto nei suoi aspetti scientifici quali quello archeologico, antropologico e biologico quanto in quelli della fantasia popolare e letteraria.

Attività come scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, Van Reybrouck lasciò il mondo accademico per concentrarsi sulla sua carriera di scrittore. Lavora come agente di viaggio per il giornale De Morgen.

Ha pubblicato poesie nella prima edizione di Het liegend konijn, la rivista di poesia di Jozef Deleu.

Nel 2001 ha pubblicato Le Fléau, un misto di biografia, autobiografia e reportage; il testo è stato adattato per il teatro. Un secondo testo per il teatro è N, il quale ha come soggetto un enciclopedista in Africa.

Nel 2007 ha pubblicato il suo primo romanzo, Slagschaduw.

Nel 2010, ha pubblicato il suo primo libro di successo, Congo. Il testo è stato premiato con il Prix Médicis essai, il Premio Aujourd'hui e il Prix du Meilleur livre étranger, ed è stato tradotto in varie lingue.

Dal 2011 al 2012, è stato uno dei promotori ed organizzatori della G1000, un'iniziativa che riunisce un migliaio di belgi delle due principali comunità linguistiche per cercare una migliore organizzazione della democrazia nel paese. Questa esperienza lo ha reso un sostenitore della democrazia per sorteggio, in un sistema misto con procedure elettive e assemblee deliberative di cittadini estratti a sorte. Questo sistema è descritto nel suo libro del 2014, Contro le elezioni (Tegen verkiezingen).

Opere tradotte in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Congo, trad. Franco Paris, Milano, Feltrinelli, 2014, ISBN 978-88-0749-177-1.
  • Contro le elezioni. Perché votare non è più democratico (Tegen verkiezingen), trad. Matilde Pinamonti, Collana Serie bianca, Milano, Feltrinelli, 2015, ISBN 978-88-0717-295-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120226336 · ISNI (EN0000 0000 7838 915X · SBN IT\ICCU\PUVV\331334 · LCCN (ENno2002000057 · GND (DE140963758 · BNF (FRcb13771690x (data)