David Shahar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
David Shahar

David Shahar (Gerusalemme, 17 giugno 1926Parigi, 2 aprile 1997) è stato uno scrittore israeliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

David Shahar nasce il 17 giugno 1926 a Gerusalemme da una famiglia ebrea ortodossa residente nella città da 5 generazioni e compie gli studi di psicologia e letteratura ebraica all'Università Ebraica di Gerusalemme[1].

Pubblica la sua prima opera, la raccolta di racconti Al Ha-Ḥalomot nel 1955 e in seguito da alle stampe altre short-stories, libri per ragazzi e romanzi tra i quali si ricorda la monumentale opera composta da 8 volumi e scritta nel'arco di trent'anni Heikhal ha-Kelim ha-Shevurim[2].

Presidente per alcuni anni della Hebrew Writers' Association, vive tra Gerusalemme e Parigi e viene particolarmente apprezzato in Francia, paese che gli dedica il Prix Médicis étranger e la classe di Commendatore dell'Ordine delle arti e delle lettere[3].

Muore a Parigi all'età di 71 anni il 2 aprile 1997 in seguito a un edema polmonare acuto[4].

Opere tradotte in italiano[modifica | modifica wikitesto]

David Shahar nel 1994
  • La guerra di Riki (Riki un enfant a Jerusalem, 1987), Trieste, Einaudi ragazzi, 1995 traduzione di Patrizia Varetto ISBN 88-7926-187-8.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tudor Parfitt, Obituary: David Shahar, su independent.co.uk, 15 aprile 1997. URL consultato il 14 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Biografia e opere pubblicate, su jewishvirtuallibrary.org. URL consultato il 14 agosto 2019.
  3. ^ (EN) Scheda dello scrittore, su ithl.org.il. URL consultato il 14 agosto 2019.
  4. ^ (FR) Antoine de Gaudemar, David Shahar, le dernier jour d'un conteur. L'écrivain israélien, auteur du «Palais des vases brisés», est mort à Paris, su next.liberation.fr, 4 aprile 1997. URL consultato il 14 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12315145 · ISNI (EN0000 0001 0870 0966 · LCCN (ENn50002531 · GND (DE129068683 · BNF (FRcb11924605m (data) · NDL (ENJA00713085 · WorldCat Identities (ENn50-002531