Darwinius masillae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Darwinius masillae
Darwinius masillae holotype slabs.jpg
L'olotipo di Darwinius masillae
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Infraordine Adapiformes
Famiglia Notharctidae
Sottofamiglia Cercamoniinae
Genere Darwinius
Specie D. masillae
Nomenclatura binomiale
Darwinius masillae
Franzen et al., 2009

Darwinius masillae Franzen et al., 2009 è un primate vissuto durante il Luteziano, periodo centrale dell'Eocene.
È considerato una forma transizionale tra le attuali linee evolutive degli strepsirrini e degli aplorrini.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere è un omaggio a Charles Darwin, nel bicentenario della sua nascita; l'epiteto specifico ricorda il luogo di provenienza dell'olotipo, Messel (in latino Masilla).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo scheletro fossile dell'olotipo, soprannominato "Ida", era stato trovato da uno sconosciuto ricercatore di fossili nel 1983 nel pozzo di Messel (Germania) ed era stato diviso in due parti, vendute separatamente e finite in un museo privato nel Wyoming (U.S.A.) e al museo di storia naturale dell'università di Oslo (Norvegia). Le due parti sono state ricongiunte solo nel 2007 e per due anni sono state sottoposte a studi che hanno portato nel 2009 alla descrizione della nuova specie da parte di Franzen et al.[1]
Il fossile è stato presentato nel corso di una conferenza il 19 maggio 2009 all'American museum of natural history di New York, in una "atmosfera da grandi eventi"[2].

La spettacolarizzazione della presentazione e alcune dichiarazioni reboanti (History Channel, per lanciare il documentario The Link, ha definito la scoperta "il più importante ritrovamento in 47 milioni di anni"; uno degli autori della descrizione, Jørn Hurum, ha definito l'animale "come un santo graal della paleontologia") hanno suscitato qualche perplessità, cui Hurum ha replicato dicendo che è un modo per portare l'attenzione del pubblico sulla scienza e che non lo trova così sbagliato[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Darwinius radiographs.jpg
Darwiniusfig-s62cropped.jpg

Lo scheletro dell'olotipo, risalente a 47 milioni di anni fa, è completo al 95%, il che lo rende anche il fossile di primate più completo mai ritrovato. Si tratta di una giovane femmina morta entro il primo anno di vita, lunga circa 24 cm, con una coda di 34 cm[1].

Per gli autori della descrizione, l'animale presenta caratteristiche tali da far supporre che sia una forma di transizione verso gli aplorrini.

Darwinius masillae confermerebbe quindi la teoria di chi sostiene che gli antenati delle scimmie (e dell'uomo) siano da cercare tra gli adapidi. Per i critici di questa teoria, però, le caratteristiche indicate dagli autori potrebbero essere frutto di convergenze evolutive e non sono decisive[4].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Nei resti dello stomaco di Ida sono stati trovati ancora i resti del suo ultimo pasto, a base di vegetali.

Locomozione[modifica | modifica wikitesto]

Trattandosi di un primate molto simile all'odierno lemure, è molto probabile che la sua locomozione fosse altrettanto simile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Jens L. Franzen, Philip D. Gingerich, Jörg Habersetzer, Jørn H. Hurum, Wighart von Koenigswald, B. Holly Smith, Complete Primate Skeleton from the Middle Eocene of Messel in Germany: Morphology and Paleobiology, in PLoS ONE 2009; 4(5): e5723, DOI:10.1371/journal.pone.0005723.
  2. ^ Giovanni Caprara, Uomo e scimmia, ecco l'antenato comune, Corriere.it, 19 maggio 2009
  3. ^ Clara Moskowitz, Unveiled 'Holy Grail' Fossil Gets Celebrity Treatment, Livescience.com, 19 maggio 2009.
  4. ^ Cfr p.e. Brian Switek, Poor, poor Ida, Or: "Overselling an Adapid", "Laelaps", 19 maggio 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]