Daphne Koller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daphne Koller

Daphne Koller (in ebraico: דפנה קולר?; Gerusalemme, 27 agosto 1968) è un'informatica e docente israeliana naturalizzata statunitense, una delle fondatrici di Coursera, una piattaforma di istruzione online. Ha una cattedra presso il Dipartimento di informatica dell'Stanford[1] ed è beneficiaria della MacArthur Fellowship. La sua area di ricerca generale è l'intelligenza artificiale[2] e le sue applicazioni nelle scienze biomediche. Il suo nome è stato inserito all'interno dell'articolo 10 tecnologie emergenti che cambieranno il tuo mondo pubblicato nel 2004 del MIT Technology Review[3] sull'argomento dell'apprendimento automatico bayesiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha conseguito una laurea presso l'Università Ebraica di Gerusalemme nel 1985, all'età di 17 anni, e un master presso la stessa istituzione nel 1986, all'età di 18 anni. Ha completato il suo dottorato ricerca a Stanford nel 1993 sotto la supervisione di Joseph Halpern[4].

Koller è sposato con Dan Avida, un venture capitalist di Opus Capital.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

The Future of Higher Education Daphne Koller (8411917358).jpg

Dopo il suo dottorato di ricerca, Koller ha svolto ricerche post-dottorato presso l'Università della California, Berkeley dal 1993 al 1995[5] e si è unita al Dipartimento di Informatica dell'Università di Stanford nel 1995. È stata nominata MacArthur Fellow nel 2004, è stata eletta nella National Academy of Engineering nel 2011 e fa parte dell'American Academy of Arts and Sciences dal 2014.

Ad aprile 2008, Koller ha ricevuto il primo premio ACM Award in Informatica del valore di 150.000 di dollari da parte di Infosys Foundation[6].

Nel 2012, lei e Andrew Ng, un collega del laboratorio di intelligenza artificiale, professore di informatica di Stanford, hanno lanciato Coursera. Nell'azienda Daphne Koller ha ricoperto il ruolo di co-CEO di Ng, quindi di presidente di Coursera. Per il suo contributo alla formazione on-line è stata nominata una delle 10 persone più importanti nel 2010 di Newsweek, una della 100 persone più influenti nel 2012 dalla rivista Time e una delle persone più creative del 2014 da parte di Fast Company[7].

Nel 2016 ha lasciato Coursera per diventare Chief Computing Officer di Calico[7] e due anni più tardi ha lasciato Calico per unirsi a Insitro, una startup per la scoperta di farmaci[8].

Daphne Koller è interessata principalmente alla rappresentazione, inferenza, apprendimento e processo decisionale, con particolare attenzione alle applicazioni di visione artificiale e biologia computazionale[9]. Insieme a Suchi Saria e Anna Penn della Stanford University, Koller ha sviluppato il modello PhysiScore[10], che utilizza vari elementi di dati per prevedere se i bambini prematuri potrebbero avere problemi di salute.[11]

Nel 2009, ha pubblicato un libro di testo su modelli grafici probabilistici insieme a Nir Friedman.[12], offrendo un corso online gratuito sull'argomento a partire da febbraio 2012[13].

Lise Getoor, Mehran Sahami, Suchi Saria, Eran Segal e Ben Taskar sono stati alcuni dei suoi ex studenti[4], .

Koller ha contribuito con un capitolo al libro 2018 Architects of Intelligence: The Truth About AI from the People Building scritto dal futurista americano Martin Ford[14]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994: Arthur Samuel Thesis Award[15]
  • 1996: Faculty Fellowship, Sloan Foundation
  • 1998: Premio Young Investigator, Office of Naval Research
  • 1999: Premio presidenziale per la carriera precoce per scienziati e ingegneri (PECASE)
  • 2001: Premio IJCAI Computers and Thought
  • 2003: Medaglia Cox, Stanford
  • 2004: MacArthur Fellow
  • 2004: Oswald G. Villard Fellow per Insegnamento universitario presso la Stanford University[16]
  • 2007: Premio ACM in Informatica
  • 2008: Premio ACM / Infosys
  • 2010: Nelle 10 persone più importanti di Newsweek
  • 2010: Huffington Post 100 Game Changer
  • 2011: Eletto alla National Academy of Engineering
  • 2013: Le 100 persone più influenti della rivista Time[17]
  • 2014: Componente dell'American Academy of Arts and Sciences
  • 2014: Fast Company Most Creative People in Business[18]
  • 2017: Eletto membro dell'ISCB dall'International Society for Computational Biology (ISCB)[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daphne Koller, su ai.stanford.edu.
  2. ^ Il profilo di Daphne Koller su The New York Times Pursuing the Next Level of Artificial Intelligence
  3. ^ "10 Emerging Technologies That Will Change Your World", MIT Technology Review, February 2004
  4. ^ a b (EN) Daphne Koller, su Mathematics Genealogy Project, North Dakota State University. Modifica su Wikidata
  5. ^ Daphne Koller, Stanford University, su phdtree.org, 23 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2013).
  6. ^ Daphne Koller, su awards.acm.org.
  7. ^ a b Daphne Koller Bids Farewell to Coursera, Hello to Calico - EdSurge News, su edsurge.com, 18 agosto 2016.
  8. ^ AI Researcher Daphne Koller Heading New Machine Learning Drug Discovery Venture, su mobihealthnews.com, 2 maggio 2018.
  9. ^ (EN) 10 Machine Learning Experts You Need to Know - Dataconomy, in Dataconomy.com, 16 settembre 2014. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  10. ^ Researchers design more accurate method of determining premature infants' risk of illness, Stanford Medicine
  11. ^ Artificial Intelligence – A Brave New World for Pharma | eyeforpharma, su social.eyeforpharma.com. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  12. ^ Daphne Koller and Nir Friedman, Probabilistic Graphical Models, MIT Press, 2009, ISBN 978-0-262-01319-2.
  13. ^ Probabilistic Graphical Models 1: Representation - Coursera, su Coursera.org.
  14. ^ William Falcon, This Is The Future Of AI According To 23 World-Leading AI Experts, in Forbes, 30 novembre 2018. URL consultato il 20 marzo 2019.
  15. ^ CURRICULUM VITAE FOR DAPHNE KOLLER, su ai.stanford.edu. URL consultato il 17 marzo 2019.
  16. ^ (EN) Hennessy announces eight new Bass University Fellows, in news.stanford.edu, Stanford University. URL consultato il 17 novembre 2018.
  17. ^ Time magazine's 100 Most Influential People, su time100.time.com.
  18. ^ Fast Company's Most Creative People in Business, su fastcompany.com.
  19. ^ February 13, 2017: The International Society for Computational Biology Names Seven Members as the ISCB Fellows Class of 2017, su iscb.org. URL consultato il 13 febbraio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61218735 · ISNI (EN0000 0003 7405 9075 · LCCN (ENno2002083558 · GND (DE139923675 · J9U (ENHE987007447168005171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-no2002083558