Dantedì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dantedì
Portrait de Dante.jpg
Ritratto di Dante Alighieri realizzato da Sandro Botticelli
Tiponazionale
Data25 marzo
Celebrata inItalia Italia
Oggetto della ricorrenzaDante Alighieri
Data d'istituzione2020
Altri nomifesta su Dante Alighieri

Il Dantedì è la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri e si celebra in Italia ogni 25 marzo.[1][2] La data è stata approvata il 17 gennaio 2020 su proposta del Ministro della Cultura Dario Franceschini, in vista della commemorazione per il settecentesimo anniversario della morte del poeta, avvenuta il 14 settembre 1321.[3] La data del 25 marzo corrisponde al giorno del 1300 in cui, secondo la tradizione, Dante si perde nella "selva oscura".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L’idea del Dantedì è nata da un editoriale del giornalista e scrittore Paolo Di Stefano apparso sul Corriere della Sera il 19 giugno 2017, dove si avanzava la proposta che Dante Alighieri avesse la propria giornata nel calendario sul modello del Bloomsday dedicato a Joyce. Lo stesso Di Stefano ha ribadito la proposta in più occasioni sempre sul Corriere della Sera (3 febbraio 2018, 24 aprile 2019), cui è seguita una campagna di promozione sempre sul quotidiano milanese. Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, ha approvato la direttiva per istituire il Dantedì il 17 gennaio 2020: si scelse come data per questa giornata dedicata a Dante Alighieri il 25 marzo, poiché molti ritengono che il viaggio narrato nella Divina Commedia sia iniziato in quel giorno nel 1300. La proposta venne accolta da intellettuali e studiosi, oltre a prestigiose istituzioni culturali come l’Accademia della Crusca, la Società Dantesca Italiana, la Società Dante Alighieri e l’Associazione degli Italianisti nella Società Italiana per lo studio del pensiero medievale.[4][5]

Il nome “Dantedì” è nato da una chiacchierata tra il linguista Francesco Sabatini e lo stesso Di Stefano: l’istituzione finale di questa giornata sarebbe avvenuta il 4 luglio 2019 a Milano, nella sala Buzzati del Corriere, durante un evento organizzato dalla Fondazione Corriere.[4]

La prima e la seconda edizione si sono svolte digitalmente a causa della pandemia di COVID-19.[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dantedì, su Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo. URL consultato il 19 marzo 2021.
  2. ^ Dantedì, la Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, su governo.it, 9 marzo 2021. URL consultato il 19 marzo 2021.
  3. ^ Dante Alighieri entra in calendario: il 25 marzo sarà "Dantedì", su la Repubblica, 17 gennaio 2020. URL consultato il 19 marzo 2021.
  4. ^ a b SEVERINO COLOMBO, Il Dantedì sarà il 25 marzo, scelto il giorno dedicato a Dante alighieri, su Corriere della Sera, 17 gennaio 2020. URL consultato il 19 marzo 2021.
  5. ^ (ES) El País, Italia proclama el 25 de marzo día nacional de Dante Alighieri, in El País, 17 gennaio 2020. URL consultato il 19 marzo 2021.
  6. ^ Un Dantedì “digitale”: ecco tutte le iniziative per la giornata di Dante, su la Repubblica, 25 marzo 2020. URL consultato il 19 marzo 2021.
  7. ^ Redazione, Seconda edizione Dantedì, Franceschini: assistiamo a una crescita enorme delle iniziative, su artemagazine.it. URL consultato il 25 marzo 2021.