Danilo Manera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Danilo Manera (Alba, 29 aprile 1957) è un critico letterario, scrittore e traduttore italiano. È inoltre docente di letteratura spagnola contemporanea e cultura spagnola presso l'Università degli Studi di Milano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Yuruparí. I flauti dell'anaconda celeste, Milano, Feltrinelli Traveller, 1999, Premio Gambrinus, ISBN 88-7108-149-8.
  • Terre Lune Langhe. Racconti di Danilo Manera. Fotografie di Malvina Manera, Cavallermaggiore (CN), Gribaudo, 2000, ISBN 88-8058-141-4.
  • Esordio in nero. Alle origini della narrativa poliziesca spagnola (1908-1916), Cesena, Collana di Studi Ispanici e Relazioni Culturali tra l'Italia e i Paesi di Lingua Spagnola, 2002, ISBN 88-88405-12-7.
  • Stefano Fabbri e Danilo Manera, Il monile di Bengasi, Besa, Lecce, 2004, Premio Oesterheld, ISBN 88-497-0256-6.
  • Viaggi di carta e carte di viaggio, Arbizzano in Valpolicella (VR), I libri di Damoli, 2006, ISBN 978-88-902383-2-1.
  • Narrativa spagnola contemporanea (pp.193-288), in Gabriele Morelli e Danilo Manera, Letteratura spagnola del Novecento. Dal modernismo al postmoderno, Milano, Bruno Mondadori, 2007, ISBN 978-88-424-9228-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Notizie e ulteriore bibliografia in un sito dedicato [1].
  • Il tesoro è il cammino. Intervista sul viaggio del portale WUZ [2].
Controllo di autoritàVIAF (EN119476138 · ISNI (EN0000 0001 0939 4438 · SBN IT\ICCU\CFIV\039120 · LCCN (ENn95021188 · GND (DE1056284536 · BNF (FRcb13738545p (data)