Danilo Larangeira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Danilo Larangeira
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 185 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Parma
Carriera
Giovanili
????-2002Paulista
Squadre di club1
2002-2003Paulista5 (1)
2003-2004Ituano30 (1)
2004-2005Paulista36 (3)
2005-2009Atlético Paranaense131 (9)
2009Palmeiras35 (4)
2010Desportivo Brasil0 (0)
2010-2011Palmeiras32 (1)
2011-2018Udinese244 (9)
2018-2021Bologna100 (3)
2021-Parma3 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2021

Danilo Larangeira, noto semplicemente come Danilo (São Bernardo do Campo, 10 maggio 1984), è un calciatore brasiliano, difensore del Parma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Possiede anche il passaporto italiano e ha dichiarato di voler giocare per la Nazionale italiana[1][2]. Il 10 gennaio 2013 viene condannato dal Tribunale dello Stato di San Paolo per aver sputato ad un avversario e avendolo offeso con parole razziste, quando ancora militava nel 2010 al Palmeiras. La sua condanna consiste agli arresti domiciliari per un anno ma la Corte gli infligge infine una multa di circa 500 000 reais brasiliani (130 000 euro) essendo la sua prima condanna penale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi in patria[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato per il Paulista e l'Ituano ha militato nell'Atlético Paranaense; nel 2009 si trasferisce al Palmeiras. Il 30 giugno 2011 per due milioni di euro passa all'Udinese firmando un contratto quinquennale.[3][4]

Udinese[modifica | modifica wikitesto]

Debutta in Serie A l'11 settembre 2011 in Lecce-Udinese 0-2 valida per la seconda giornata di campionato. Contro il PAOK, il 24 febbraio 2012 ha segnato il suo primo gol nelle coppe europee. Va in rete per la prima volta nel massimo campionato italiano, invece, il 25 aprile contro l'Inter allo Stadio Friuli (1-3).

Nella sua seconda stagione in Italia, dopo aver rimediato due espulsioni e otto ammonizioni nelle prime dodici giornate, va a segno contro il Cagliari (4-1) alla 15ª giornata e la Sampdoria a Marassi (0-2) alla 16ª, in entrambi i casi su assist di Antonio Di Natale.

Nella stagione 2015-2016 si rende protagonista di un altro increscioso gesto verso i propri tifosi, dopo la sconfitta contro la Roma viene chiamato sotto la curva nord insultando i suoi tifosi.

All'inizio della stagione 2016-2017 diventa il nuovo capitano del club friulano succedendo ad Antonio Di Natale. Successivamente durante la stagione ha un altro battibecco con i tifosi dicendo con toni molto coloriti di non essere per nulla interessato alla fascia da capitano. Dopo tale episodio la società cerca di riavvicinarli conferendogli ugualmente la fascia da capitano.

Il 23 novembre 2016 si rende per l'ennesima volta protagonista di un altro brutto gesto questa volta nei confronti dei suoi compagni: durante l'allenamento pomeridiano entra in maniera fallosa contro i compagni Ali Adnan, Lodi e Peñaranda. I tre giocatori che hanno subito i falli sono stati subito medicati dallo staff bianconero ma tuttavia pochi giorni dopo il caso rientra chiedendo scusa alla società.[5]

Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 agosto 2018 viene ufficializzato il suo passaggio al Bologna in prestito con obbligo di riscatto. In tre stagioni ha modo di mettere insieme 102 presenze e 3 gol, prima di lasciare la squadra il 25 maggio 2021 non rinnovando il proprio contratto.[6]

Parma[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto 2021 firma un contratto annuale con il Parma in Serie B.[7]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 12 maggio 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2002 Brasile Paulista B 5 1 CB 0 0 - - - - - - 5 1
2003 Brasile Ituano C 30 1 CB 4 0 - - - - - - 34 1
2004 Brasile Paulista B 36 3 CB 0 0 - - - - - - 36 3
Totale Paulista 41 4 0 0 - - - - 41 4
2005 Brasile Atlético-PR A 36 2 CB 0 0 CL 10 0 - - - 46 2
2006 A 35 2 CB 0 0 CS 8 1 - - - 43 3
2007 A 34 2 CB 0 0 CS 1 0 - - - 35 2
2008 A 26 3 CB 0 0 CS 2 0 - - - 28 3
Totale Atlético-PR 131 9 0 0 21 1 - - 152 10
2009 Brasile Palmeiras A 35 4 CB 0 0 CL 12 0 - - - 47 4
2010 A 28 1 CB 8 0 CS 8 1 - - - 44 2
2011 A 4 0 CB 7 1 CS 0 0 - - - 11 1
Totale Palmeiras 67 5 15 1 20 1 - - 102 7
2011-2012 Italia Udinese A 37 1 CI 1 0 UCL+UEL 2+9 0+1 - - - 49 2
2012-2013 A 32 2 CI 1 0 UCL+UEL 2+6 0 - - - 41 2
2013-2014 A 36 1 CI 3 0 UEL 4 0 - - - 43 1
2014-2015 A 37 2 CI 3 0 - - - - - - 40 2
2015-2016 A 34 0 CI 3 0 - - - - - - 37 0
2016-2017 A 36 2 CI 1 0 - - - - - - 37 2
2017-2018 A 32 1 CI 3 1 - - - - - - 35 2
Totale Udinese 244 9 15 1 23 1 - - 282 11
2018-2019 Italia Bologna A 35 1 CI 1 0 - - - - - - 36 1
2019-2020 A 30 2 CI 1 0 - - - - - - 31 2
2020-2021 A 35 0 CI 0 0 - - - - - - 35 0
Totale Bologna 100 3 2 0 - - - - 102 3
2021-2022 Italia Parma B 3 - CI - - - - - - - - 3 -
Totale carriera 616 31 36 2 64 3 - - 716 36

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cuore azzurro, Danilo vuol giocare con la nazionale italiana - Sport - Messaggero Veneto
  2. ^ QUI UDINESE - Danilo: "Sono un estimatore di tutta la difesa della Juve, spero nella Nazionale!" - Tutto Juve
  3. ^ Udinese a caccia di difensori, su transfermarkt.it. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  4. ^ Arriva Danilo, l'Udinese si colora di verdeoro!, su calciomagazine.net. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  5. ^ Udinese, allenamento folle per Danilo: rissa sfiorata, allontanato da Badu | Goal.com. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  6. ^ Bologna, UFFICIALE: dopo Palacio, saluta anche Danilo, su calciomercato.com. URL consultato il 26 maggio 2021.
  7. ^ Danilo è un giocatore del Parma, su parmacalcio1913.com, 31 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]