Danila Comastri Montanari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Danila Comastri Montanari (Bologna, 4 novembre 1948Bologna, 28 luglio 2023[1]) è stata una scrittrice italiana, creatrice della saga di Publio Aurelio Stazio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata all'Università di Bologna in Pedagogia e in Scienze politiche, per vent'anni insegnò e compì molti viaggi.

Nel 1990 scrisse il suo primo romanzo, Mors Tua, e da allora si dedicò a tempo pieno alla narrativa, privilegiando il genere del giallo storico, che le permise di conciliare i suoi principali interessi: lo studio del passato (in particolare le civiltà antiche) e l'amore per gli intrecci mystery.

Fu una dei fondatori del "Gruppo 13" di giallisti bolognesi[1].

A partire dal 1990 scrisse gialli storici con protagonista Publio Aurelio Stazio, nobile senatore della Roma di Claudio (metà I secolo d.C.). La serie consta di 19 romanzi: Mors tua, In corpore sano, Cave canem, Morituri te salutant, Parce sepulto, Cui prodest?, Spes ultima dea, Scelera, Gallia est, Saturnalia, Ars moriendi - Un'indagine a Pompei, Olympia - Un'indagine ai giochi ellenici, Tenebrae, Nemesis, Dura Lex, Tabula Rasa, Pallida Mors, Saxa Rubra, Ludus in fabula. Oltre ai romanzi succitati, l'autrice ha pubblicato anche una serie di racconti con Publio Aurelio protagonista: Una dea per Publio Aurelio Stazio, Una perla per Publio Aurelio Stazio, Una moglie per Publio Aurelio Stazio, Un'eredità per Publio Aurelio Stazio, Una filosofa per Publio Aurelio Stazio.

Pubblicò inoltre altri romanzi e racconti ambientati in differenti epoche storiche: La campana dell'arciprete, Ricette per un delitto, Istigazione a delinquere, Il panno di Mastro Gervaso, Una strada giallo sangue (raccolta di racconti), Il giallo del serpente (racconto), Assassinio al tempio di Vesta (racconto), Natale anno zero (racconto), I delitti delle porte (racconto), Ser Niccolò e il dentifricio della contessa (racconto ambientato nella Forlì del 1499), Cosimino Ruccellai e il mistero di Vicolo degli Angeli (racconto), Il panettone di Leonardo (racconto), Il dono di Giuda (racconto), Aggressione a un giornalista ("Di tutti disse mal...") (racconto), Terrore (ambientato durante la Rivoluzione francese).

Nel febbraio 2007 diede alle stampe il saggio Giallo antico. Come si scrive un poliziesco storico, edito da Hobby & Work: in appendice sono contenuti i racconti I pirati del Chersoneso, Assassinio al tempio di Vesta e Il giallo del serpente.

Era membro del Mensa.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi polizieschi storici[modifica | modifica wikitesto]

  • Ricette per un delitto - Periplo, 1995 - Todaro, Lugano 2002
  • La campana dell'arciprete - Garzanti, Milano 1996
  • Il panno di Mastro Gervaso - Diabasis, Parma 1997
  • Una strada giallo sangue - Diabasis, Parma 1999
  • Istigazione a delinquere - Todaro, Lugano 2003
  • Terrore - Mondadori, Milano 2008

Serie di Publio Aurelio Stazio[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Giallo antico. Come si scrive un poliziesco storico, Hobby & Work, 2007

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il gigante giustiziere in AA.VV. Supergiallo Mondadori presenta Estate Gialla 1995, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1995
  • La bocca del re in AA.VV. Giallo uovo, 2006
  • La sagra del parmigiano in AA.VV. Il gusto del delitto, Leonardo Publishing, 2008

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b È morta Danila Comastri Montanari, la signora dei gialli storici, su La Stampa, 30 luglio 2023. URL consultato il 30 luglio 2023.
  2. ^ Lorenzo Trenti, Come si scrive un giallo storico? ∂ ThrillerMagazine, su ThrillerMagazine. URL consultato il 25 marzo 2022.
  3. ^ Storia in giallo, su kidslink.bo.cnr.it. URL consultato il 15 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2021).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17470322 · ISNI (EN0000 0000 7844 0277 · SBN RAVV083947 · Europeana agent/base/89732 · LCCN (ENn96086705 · GND (DE124380026 · BNF (FRcb145874272 (data) · J9U (ENHE987007259923105171 · NDL (ENJA001205979 · WorldCat Identities (ENlccn-n96086705