Daniele Pontremoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Daniele Pontremoli (Smirne, 13 marzo 1912Auschwitz, 28 aprile 1944) è stato una vittima di origine italiana della Shoah.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Daniele Pontremoli nacque nel 1912 a Smirne, in Turchia, da Alessandro Pontremoli e da Sara Algrati. La famiglia, di antica origine italiana, era originaria di Casale Monferrato e immigrò in Turchia durante il XVII secolo. Da questo ramo nacquero rabbini quali Benjamin Pontremoli e suo figlio Hiyya Pontremoli.[1][2]

Tornato in Italia insieme alla famiglia si stabilisce a Milano. Qui nel 1938 a seguito del regio decreto iniziarono le persecuzioni razziali nei confronti della comunità ebraica. Con l'inasprimento della politica razziale dovuto all'Armistizio fu quindi catturato a Milano nell'ottobre 1944.[3] Successivamente venne sfollato nel campo di Bolzano ove fu destinato al convoglio numero 18 che partì per Auschwitz il 24 ottobre 1944. Arrivò ad Auschwitz il 28 ottobre 1944.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tavole Genealogiche Famiglia Pontremoli
  2. ^ Il Falso Progresso, Asher Salah 2010
  3. ^ Il libro della memoria : gli ebrei deportati dall'Italia, 1943-1945 / Liliana Picciotto ; ricerca della Fondazione Centro di documentazione ebraica contemporanea. - Ed. 2002: altri nomi ritrovati. - Milano : Mursia, 2002, pp. 77-80, pp. 66-71.
  4. ^ Storia della deportazione dall'Italia: 1943-1945 : militari, ebrei e politici nei lager del Terzo Reich

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il libro della memoria : gli ebrei deportati dall'Italia, 1943-1945 / Liliana Picciotto ; ricerca della Fondazione Centro di documentazione ebraica contemporanea. - Ed. 2002: altri nomi ritrovati. - Milano : Mursia, 2002, pp. 77–80, pp. 66–71.
  • Storia della deportazione dall'Italia: 1943-1945 : militari, ebrei e politici nei lager del Terzo Reich
  • Daniele Pontremoli, Les Pontremoli, deux dynasties rabbiniques en Turquie et en Italie: sources et documents, L. Abensur-Hazan, 1997
  • Daniele Pontremoli in Trieste: A Novel di Dasa Drndic, 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]