Daniele Emanuello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daniele Davide Emanuello (Gela, 23 luglio 1963Villarosa, 3 dicembre 2007) è stato un mafioso italiano affiliato a Cosa nostra.

Soprannominato il Boss dei ragazzini, in quanto li utilizzava come killer, era latitante dal 1993, ed era considerato uno dei più pericolosi fuggiaschi italiani, tanto da essere inserito nella lista dei 10 più ricercati del Ministero dell'interno[1].

Durante un blitz della polizia nell'ennese del gennaio 2007 era riuscito a scappare, non così nel conflitto a fuoco del 3 dicembre 2007, quando è stato invece raggiunto dai colpi esplosi dagli agenti, morendo sul colpo[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie