Daniela Pizzagalli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daniela Pizzagalli (Milano, 13 agosto 1946[1]) è una psicologa e giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha condotto per circa dieci anni una rubrica culturale presso la radio diocesana milanese. Come scrittrice si è dedicata sempre alla storia lombarda, con una predilezione per il racconto biografico delle grandi protagoniste del Medioevo e del Rinascimento. Dal 1999 ha intensificato la propria produzione, e nella primavera del 2000 la Fiera regionale di Grumello le ha assegnato un prestigioso premio in riferimento al suo La Signora di Milano, vita e passioni di Bianca Maria Visconti. Alle donne, la scrittrice milanese ha dedicato i propri testi più conosciuti e rilevanti.

Fra le sue opere, due vertono su Bianca Maria Visconti: Tra due dinastie, del 1988, con cui è stata finalista al premio Donna Città di Roma opera prima, e la già citata biografia La Signora di Milano (2000).

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Tra due dinastie. Bianca Maria Visconti e il Ducato di Milano, Milano, Camunia, (1988)
  • Bernabò Visconti, Rusconi, (1994)
  • La signora di Milano. Vita e passioni di Bianca Maria Visconti, Rizzoli, (2000)
  • La Signora del Rinascimento. Vite e splendori di Isabella d'Este alla Corte di Mantova, Rizzoli, (2001)
  • La regina di Roma. Vita e misteri di Cristina di Svezia nell'Italia barocca, Rizzoli, (2002)
  • La signora della pittura. Vita di Sofonisfba Anguissola, gentildonna e artista nel Rinascimento, Rizzoli (2003)
  • La dama con l'ermellino. Vita e passioni di Cecilia Gallerani nella Milano di Ludovico il Moro, Rizzoli (2003)
  • La signora della poesia. Vita e passioni di Veronica Gambara, artista del Rinascimento, Rizzoli, (2004)
  • L'amica. Clara Maffei e il suo salotto nel Risorgimento, Rizzoli, (2004)
  • Il viaggio del destino. Carla Serena da Venezia al Caucaso, Rizzoli, (2006)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ordine dei Giornalisti - Elenco iscritti - Pubblicisti M-Z (PDF), odg.it. URL consultato il 14 dicembre 2012.
Controllo di autorità VIAF: (EN42008616 · LCCN: (ENnr89016454 · SBN: IT\ICCU\CFIV\076772 · ISNI: (EN0000 0000 6156 3027 · BNF: (FRcb135756311 (data)