Daniel Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniel Silva alla presentazione di un suo libro nel 2013 a New York

Daniel Silva (1960) è uno scrittore statunitense di romanzi di spionaggio. Il suo ultimo romanzo, The Defector, si è collocato al primo posto nella lista dei bestseller del New York Times.

Nel 2006 riceve il Premio Barry per il miglior thriller con The Messenger.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Silva è nato nel Michigan e quando aveva sette anni si trasferì con la famiglia in California. Si è laureato alla Fresno State University e iniziò anche un corso di specializzazione in relazioni internazionali alla San Francisco State University, lasciandolo però incompleto quando gli offrirono un posto di giornalista alla UPI.[2] Di famiglia cattolica si è convertito all'ebraismo in età adulta.[3]

Silva ha niniziato la sua carriera di scrittore come giornalista in un impiego temporaneo presso la United Press International nel 1984.[3] La sua posizione fu poi resa permanente e venne trasferito alla sede generale di Washington, D.C. Dopo due anni venne nominato corrispondente dal Medioriente a trasferito al Cairo, in Egitto. Silva ritornò successivamente a Washington, assegnato alla CNN. Ha lavorato come produttore di diversi programmi televisivi di tale rete, tra cui Crossfire e Capital Gang.[1]

Nel 1994 iniziò a scrivere il suo primo romanzo, The Unlikely Spy (1996), che entrò nella lista dei bestseller del New York Times il 26 gennaio 1997, rimanendoci per cinque settimane e arrivando alla 13ª posizione.[4] Nel 1997 ha lasciato la CNN per dedicarsi completamente a scrivere letteratura di spionaggio.[1]

Da allora Silva ha scritto altri 17 romanzi di spionaggio, tutti bestseller nella lista del New York Times. Il personaggio principale che appare in quasi tutte le sue storie è Gabriel Allon, un restauratore d'arte israeliano, agente segreto e assassino, figura chiave in quindici dei 18 titoli di Silva. Questa serie è stata bestseller del New York Times sin dal suo inizio nel 2001.[5][6] Sette titoli della serie sono arrivati in prima posizione di tale lista. Alcuni dei romanzi sono ambientati in un contesto di terrorismo islamico,[7] altri in Russia contro criminalità organizzata, altri ancora si riferiscono ad eventi storici della Seconda Guerra Mondiale e dell'Olocausto. Silva non iniziò la serie di Allon con una conoscenza specifica del mondo dell'arte e del restauro, ma fu in grado di beneficiare della collaborazione di un vicino di casa, esperto del campo, trasformando così una spia assassina in un artista.[3]

Nel 2007, la Universal Pictures ha fatto un'offerta per acquistare i diritti della serie di Gabriel Allon da Silva, e nel 2011 è stato annunciato che Jeff Zucker sarebbe stato il produttore cinematografico,[8] ma l'accordo non è mai stato firmato. Silva ha avuto modo di dire che, a meno che non si trovi il giusto team creativo, è meglio che Gabriel Allon rimanga solo sulle pagine dei suoi libri.[9]

Silva vive a Washington, D.C. con la moglie, la giornalista della NBC Jamie Gangel, ed i figli gemelli Nicholas e Lily. Silva e Gangel si incontrarono quando erano entrambi corrispondenti in Medioriente e spesso viaggiano insieme ai figli quando Silva ricerca e prepara l'ambientazione dei suoi libri.[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Serie Michael Osbourne[modifica | modifica wikitesto]

  1. October (The Mark of the Assassin, 1998) (Mondadori, 1999)
  2. Il bersaglio (The Marching Season, 1999) (Mondadori, 2000)

Serie Gabriel Allon[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il restauratore (The Kill Artist, 2000) (Mondadori, 2001)
  2. L'inglese (The English Assassin, 2002) (Mondadori, 2002)
  3. (The Confessor, 2003)
  4. (A Death in Vienna, 2004)
  5. (Prince of Fire, 2005)
  6. The messenger. Terrore in Vaticano (The Messenger, 2006) (Vertigo, 2008)
  7. (The Secret Servant, 2007)
  8. Le regole di Mosca (Moscow Rules, 2008) (Giano, 2010 - Beat, 2011)
  9. Il disertore (The Defector, 2009) (Giano, 2011)
  10. Il caso Rembrandt (The Rembrandt Affair, 2010) (Giano, 2012)
  11. Ritratto di una spia (Portrait of a Spy, 2011) (Giano, 2013)
  12. L'angelo caduto (The Fallen Angel, 2012) (Giano 2014)
  13. La ragazza inglese (The English Girl, 2013) (Giano, 2014)
  14. Il caso Caravaggio (The Heist, 2014) (Neri Pozza, 2015)
  15. The English Spy (2015)

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Scheda biografica.
  2. ^ Barbara Pash, Book Talk: Daniel Silva in Hadassah Magazine, settembre 2014. URL consultato il 5 agosto 2015.
  3. ^ a b c d (EN) Moscow Rules spy novelist Daniel Silva in Hugh Hewitt, 29 luglio 2008. URL consultato il 5 agosto 2015.
  4. ^ (EN) BEST SELLERS: February 23, 1997 in New York Times, 23 febbraio 1997. URL consultato il 5 agosto 2015.
  5. ^ (EN) BEST SELLERS: January 28, 2001 in New York Times, 28 gennaio 2002. URL consultato il 5 agosto 2015.
  6. ^ (EN) BEST SELLERS: April 7, 2002 in New York Times, 7 aprile 2002. URL consultato il 5 agosto 2015.
  7. ^ Con episodi forieri di atti terroristici poi veramente accaduti, vedi per es. Parigi in Portrait of a Spy (Ritratto di una spia) del 2011 e l'gli attentati di Parigi 2011/2015.
  8. ^ (EN) Gregg Kilday, Jeff Zucker to Produce Movie Based on Daniel Silva's Spy Series in The Hollywood Reporter, 1 aprile 2011. URL consultato il 5 agosto 2015.
  9. ^ (EN) FAQ, Daniel Silva. URL consultato il 5 agosto 2015.
  10. ^ (EN) Barry Awards, Deadly Pleasures. URL consultato il 5 agosto 2015.
  11. ^ (EN) Daniel Silva, HarperCollins Publishers. URL consultato il 5 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN101089301 · LCCN: (ENn96056686 · ISNI: (EN0000 0001 1453 583X · GND: (DE124718337 · BNF: (FRcb13197062v (data) · NLA: (EN35134869