Daniel Moreno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniel Moreno Fernández
Giro d'Italia 2012, 132 pampeago moreno (17784055882).jpg
Daniel Moreno al Giro d'Italia 2012
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 173[1] cm
Peso 59[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra EF Education First
Carriera
Squadre di club
2004Relaxstagista
2005-2007Relax
2008-2009Caisse d'Epargne
2010Omega Pharma
2011-2015Katusha
2016-2017Movistar
2018-EF Education First
Palmarès
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Plumelec 2016 In linea
Statistiche aggiornate al gennaio 2018

Daniel Moreno Fernández (Madrid, 5 settembre 1981) è un ciclista su strada spagnolo che corre per il Team EF Education First-Drapac. È professionista dal 2005, e ha caratteristiche di scalatore[1]. In carriera ha vinto tre tappe alla Vuelta a España, il Giro del Piemonte 2011, la Vuelta a Burgos 2012 e la Freccia Vallone 2013. È soprannominato Muñeco ("bambolotto")[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passa professionista nel 2005 con la Relax-Fuenlabrada, squadra spagnola per cui già aveva corso da stagista negli ultimi mesi dell'anno precedente. Nel 2007 vince la Escalada a Montjuich, attirando gli interessi della Caisse d'Epargne, team con il quale inizia a gareggiare a partire dalla stagione successiva. Nel 2009 conclude secondo al Giro di Polonia, al Giro del Piemonte e alla Japan Cup.

Nel 2010 passa alla belga Omega Pharma-Lotto, partecipando al Giro d'Italia e al Tour de France. L'anno seguente si accasa al Katusha Team. Dopo essersi piazzato ottavo alla Freccia Vallone, vince, sul traguardo di Sierra Nevada, la quarta tappa della Vuelta a España 2011; in ottobre si aggiudica quindi anche il Giro del Piemonte davanti a Greg Van Avermaet e Luca Paolini.

Nella primavera del 2012 vince una tappa alla Vuelta a Andalucía e il Gran Premio Miguel Indurain in Navarra. Partecipa poi al Giro d'Italia concludendo al ventesimo posto in graduatoria; si aggiudica a seguire due tappe al Criterium du Dauphiné e due tappe e la classifica generale della Vuelta a Burgos. In agosto prende il via alla Vuelta a España come gregario di Joaquim Rodríguez: termina comunque la corsa al quinto posto, a 11'29" dal vincitore Contador.

Nell'aprile 2013 vince la Freccia Vallone, una delle tre classiche delle Ardenne, precedendo all'arrivo i colombiani Sergio Henao e Carlos Alberto Betancur. Il 27 agosto si aggiudica la quarta tappa della Vuelta a España, da Lalín a Fisterra, ripetendosi, qualche giorno dopo, nel corso della nona frazione con arrivo a Valdepeñas. Con la vittoria della nona tappa riesce anche a conquistare la maglia rossa, simbolo del primato in classifica generale, che però riuscirà a mantenere per un solo giorno. Ad ottobre dopo aver partecipato ai Campionati del mondo di ciclismo su strada, si piazza terzo alla Milano-Torino e sesto al Giro di Lombardia.

Il 2014 è avaro di soddisfazioni e pur avendo ottenuto buoni piazzamenti, ad inizio stagione nelle Classiche delle Ardenne, non riesce ad conquistare successi. I migliori risultati in questa stagione saranno il secondo posto alla Vuelta a Burgos dietro Nairo Quintana ed il terzo posto nella Milano-Torino.

Il 2015 inizia, a gennaio, con il Tour de San Luis che chiude al sesto posto; è nuovamente protagonista alle Ardenne, con il quinto posto alla Freccia Vallone e come appoggio al capitano Rodríguez alla Liegi-Bastogne-Liegi. A fine stagione consegue il suo primo podio in una classica monumento, preceduto solo da Vincenzo Nibali sul traguardo di Como del Giro di Lombardia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2ª tappa Vuelta a Toledo
Classifica generale Vuelta a Toledo
4ª tappa Vuelta a Toledo
  • 2006 (Relax, due vittorie)
1ª tappa Clásica de Alcobendas
3ª tappa Volta ao Alentejo
  • 2007 (Relax, due vittorie)
6ª tappa Tour de San Luis
Escalada a Montjuïc
  • 2008 (Caisse d'Epargne, una vittoria)
1ª tappa Euskal Bizikleta
  • 2009 (Caisse d'Epargne, una vittoria)
5ª tappa Vuelta a Chihuahua (Guachochi > Parral)
  • 2011 (Katusha Team, tre vittorie)
4ª tappa Vuelta a Burgos (Roa > Clunia)
4ª tappa Vuelta a España (Baza > Sierra Nevada)
Giro del Piemonte
  • 2012 (Katusha Team, sette vittorie)
5ª tappa Vuelta a Andalucía (Jaén > La Guardia de Jaén)
Gran Premio Miguel Indurain
2ª tappa Criterium du Dauphiné (Lamastre > Saint-Félicien)
7ª tappa Criterium du Dauphiné (Morzine > Châtel)
1ª tappa Vuelta a Burgos (Miranda de Ebro > Ojo Guareña)
2ª tappa Vuelta a Burgos (Burgos > Burgos)
Classifica generale Vuelta a Burgos
  • 2013 (Katusha Team, tre vittorie)
Freccia Vallone
4ª tappa Vuelta a España (Lalín > Finisterre)
9ª tappa Vuelta a España (Antequera > Valdepeñas)
  • 2015 (Katusha Team, una vittoria)
5ª tappa Vuelta a Burgos (Comunera de Revenga > Lagunas de Neila)
  • 2016 (Movistar, una vittoria)
3ª tappa Vuelta a Asturias (Bueño > Oviedo)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 (Caisse d'Epargne)
2ª tappa Tour Méditerranéen (Narbona > Gruissan, cronosquadre)
Classifica a punti Vuelta a Burgos
Classifica a punti Vuelta a Burgos
Prologo Österreich-Rundfahrt (Vienna, cronosquadre)
Classifica a punti Vuelta a Burgos
Classifica a punti Vuelta a Asturias

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2010: 26º
2011: 29º
2012: 20º
2014: 41º
2010: 20º
2013: 17º
2016: 31º
2006: 36º
2007: 12º
2008: 12º
2009: 11º
2011: 9º
2012: 5º
2013: 10º
2014: 11º
2015: 9º
2016: 8º
2017: 18º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2010: 24º
2011: 33º
2012: 13º
2013: 52º
2014: 9º
2015: 10º
2016: 28º
2017: 28º
2008: 34º
2009: ritirato
2011: 17º
2012: 49º
2013: 6º
2014: ritirato
2015: 2º
2016: 30º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Hamilton 2003 - In linea Under-23: ritirato
Mendrisio 2009 - In linea Elite: 42º
Limburgo 2012 - In linea Elite: 24º
Toscana 2013 - In linea Elite: 13º
Ponferrada 2014 - In linea Elite: 36º
Richmond 2015 - In linea Elite: 27º

Competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Plumelec 2016 - In linea Elite: 3º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Daniel Moreno, www.katushateam.com. URL consultato il 21 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]