Danbury (Texas)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Danbury
city
(EN) City of Danbury
Danbury – Veduta
Il municipio di Danbury
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Texas.svg Texas
ConteaBrazoria
Territorio
Coordinate29°13′42.96″N 95°20′48.12″W / 29.2286°N 95.3467°W29.2286; -95.3467 (Danbury)Coordinate: 29°13′42.96″N 95°20′48.12″W / 29.2286°N 95.3467°W29.2286; -95.3467 (Danbury)
Altitudinem s.l.m.
Superficie2,48 km²
Abitanti1 715 (2010)
Densità691,53 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale77534
Prefisso979
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Danbury
Danbury
Danbury – Mappa

Danbury è un comune (city) degli Stati Uniti d'America della contea di Brazoria nello Stato del Texas. La popolazione era di 1.715 abitanti al censimento del 2010.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Danbury è situata a 29°13′43″N 95°20′48″W / 29.228611°N 95.346667°W29.228611; -95.346667 (29.228694, -95.346574)[1].

Secondo lo United States Census Bureau, la città ha una superficie totale di 2,48 km², dei quali 2,48 km² di territorio e 0 km² di acque interne (0% del totale).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino all'arrivo della Missouri Pacific Railroad tra il 1905 e il 1906 questa zona era popolata solo da alcuni allevatori e agricoltori. La ferrovia diede accesso a centinaia di acri di terreni agricoli ricchi che in precedenza erano stati quasi inaccessibili, e diverse città sono cresciute lungo il percorso. Si dice che i muratori della ferrovia abbiano dato il nome alla città in onore di D. J. "Uncle Dan" Moller, un allevatore della zona che spesso li intratteneva di notte con musica e storie false. Altre fonti dicono che prende il nome da un Daniel T. Miller. I promotori della terra acquistarono grandi volantini e pubblicizzarono nel Nord e nel Midwest. I coloni cominciarono ad arrivare e fu costruito un hotel per accoglierli. Fu piantato un giardino di dimostrazione. Le attività iniziarono ad aprirsi, incluso un negozio, nel quale fu creato un ufficio postale nel 1909[2].

Dal momento che la maggior parte dei nuovi arrivati si dedicava all'orticoltura, furono costruite banchine sull'Austin Bayou, a due miglia a sud-est di Danbury, per spedire i prodotti via mare a Galveston. Angurie, fragole, cavoli e cipolle andavano in treno a Chicago, a New York e in altre città del nord. Quando fu trovato il petrolio nel vicino Hoskins Mound, anch'esso fu trasportato su rotaia da Danbury. Nel 1916 la maggior parte dei nordici se n'era andata, scoraggiata dal gelo, dalle inondazioni e dalle tempeste; gli agricoltori cechi iniziarono a trasferirsi nell'area[2].

La prima scuola di Danbury fu ospitata in una casa privata prima del 1909, quando fu costruita una scuola con una sola stanza. Altre sale furono aggiunte nel 1912 e nel 1917 e nel 1920 fu costruita la prima scuola in mattoni. Il vecchio edificio era diviso a metà e utilizzato per molti anni dai protestanti e dai cattolici della città. Nel 1990 sia i cattolici che i battisti avevano edifici importanti a Danbury, e i principali programmi di costruzione scolastica avevano fornito servizi moderni per il crescente numero di studenti[2].

Un aeroporto si trovava a Danbury durante la prima guerra mondiale. Gli aerei dell'Ellington Field sbarcarono lì, poi volarono su West Columbia come parte del programma di addestramento al volo per il cross country. Danbury fu incorporata nel 1960. Nel 1990 le industrie principali della zona erano la coltivazione del riso e l'allevamento del bestiame, entrambi iniziati molto tempo prima che la città sorse e diminuì la produzione del petrolio; un allevamento di pesci gatto era in funzione. Danbury aveva una popolazione di 1.447 abitanti nel 1990 e 1.611 nel 2000[2].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[3] del 2010, la popolazione era di 1.715 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dall'89,91% di bianchi, lo 0,76% di afroamericani, lo 0,64% di nativi americani, lo 0,47% di asiatici, lo 0% di oceanici, il 5,31% di altre razze, e il 2,92% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 13,7% della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Texas Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Texas