Dan Schneider

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Schneider nel 1988

Daniel James Schneider (Memphis, 14 gennaio 1966) è un attore, sceneggiatore e produttore televisivo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta la Memphis University School e la White Station High School nel 1982.

Diventa famoso negli Stati Uniti grazie a Dennis Blunden, personaggio da lui interpretato nella sit-com Segni particolari: genio. Nel 1993 partecipa alle serie Home Free.

Nel 1993 comincia a scrivere e produrre show televisivi.

Nel 1997 scrive il copione del film Missione hamburger, un successo della Paramount tratto dalla serie TV All That. Nel 2002 scrive e produce il film Big Fat Liar, un successo degli Universal Studios che incassa 50 milioni di dollari.

Nel 2007 il New York Times parla di Daniel come il "migliore in quel genere televisivo" e il "leader della televisione per ragazzi".

È il presidente della sua compagnia di produzione, la Schneider's Bakery.

Nel 2018, dopo anni di collaborazione con la Nickelodeon è stato licenziato a causa di molte accuse di tipo sessuale. A causa di questo avvenimento la serie televisiva Game Shakers è stata cancellata dopo solo 3 stagioni. [1][2]

Il produttore ha però ribadito di aver lasciato Nickelodeon senza astio. Semplicemente, secondo quanto dichiara, per lui si è trattato di un periodo estenuante, e avrebbe quindi lasciato l’emittente TV per recuperare delle cose che aveva trascurato negli anni. Inoltre ha negato qualsiasi accusa di cattiva condotta e ha affermato di non aver mai agito in modo inappropriato nei confronti di nessuno dei suoi attori.[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore (filmografia parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42052256 · ISNI (EN0000 0000 7824 7178 · LCCN (ENn2002030329 · GND (DE142106984 · BNE (ESXX1488548 (data) · BNF (FRcb142252305 (data) · CONOR.SI (SL126101347 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002030329