Dan Dare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dan Dare
Lingua orig.Lingua inglese
Alter egoColonnello Daniel McGregor Dare
AutoreFrank Hampson
EditoreHutton Press
1ª app.14 aprile 1950
1ª app. inEagle n. 1
SessoMaschio

Dan Dare, nome completo Daniel McGregor Dare, è un personaggio dei fumetti di fantascienza inglese, creato nel 1950 da Frank Hampson. Venne pubblicato nella rivista inglese di fumetti Eagle con il titolo Dan Dare, il pilota del futuro (Dan Dare, Pilot of the Future) dal 1950 al 1967 ottenendo un grande successo. Il personaggio è poi apparso in varie pubblicazioni successive.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dan Dare è stato descritto come un equivalente inglese di Buck Rogers. Le storie sono ambientate negli allora futuri anni 1990, ma i dialoghi ed i modi dei personaggi richiamano alla mente il cinema di guerra britannico degli anni 1950. Dan Dare era caratterizzato dalle sue lunghe e complesse story lines, dialoghi scattanti e meticolosamente illustrati da Hampson e da altri artisti, tra cui Harold Johns, Don Harley, Bruce Cornwell, Greta Tomlinson, Frank Bellamy e Keith Watson. Anche lo scrittore britannico Arthur C. Clarke collaborò alla stesura delle sceneggiature[1].

La serie classica - e iconica- di Dan Dare si interruppe nel 1967, quando la rivista Eagle venne chiusa. Successivamente queste storie vennero più volte ristampate, e il personaggio riapparve sporadicamente nel corso degli anni in diverse pubblicazioni: fra il 1977 ed il 1979 nuove strisce vennero pubblicate sulla rivista inglese 2000 AD, e in seguito fra il 1982 ed il 1994 il personaggio riapparve di nuovo sulla rinata Eagle.

Nel 1990 è apparsa sulla rivista Revolver la rivisitazione Dare di Grant Morrison e Rian Hughes, in cui il pilota è rappresentato cinico, invecchiato e zoppo, in un mondo che ha perso tutto il suo splendore ed è piombato in pieno thatcherismo spaziale[1]. Una nuova miniserie di Dan Dare venne pubblicata nel 2007 da Virgin Comics, scritta da Garth Ennis e illustrata da Gary Erskine e caratterizzata da un'atmosfera più cupa rispetto storie originali.

Dal 2003 Dan Dare continua a comparire sulla rivista online Spaceship Away, disegnato da alcuni fra i disegnatori originali della serie, in cui vengono riprese fedelmente le atmosfere classiche del personaggio negli anni 50.

Nel 2017 è stata annunciata una nuova miniserie di Dan Dare in quattro numeri, realizzata da Peter Milligan e Alberto Foche e pubblicata dalla britannica Titan Comics.[2]

Dan Dare in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il pilota spaziale compare per la prima volta sul Disco Volante, giornale durato 10 numeri nel 1954, che proponeva gli stessi personaggi e la stessa grafica della rivista britannica Eagle. Più regolare è stata la pubblicazione, a partire dal 1957, su Il Giorno dei Ragazzi, l’inserto settimanale del Giorno, a colori e in grande formato.[1]

Fra il 1975 e il 1977 venne pubblicato sul rinato Avventuroso, in bianco e nero e grande formato.[3]

Nel 2013 l'editore Nova Express ne annuncia la ristampa integrale in italiano[4].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Vennero prodotti alcuni serial radiofonici su Dan Dare. The New Adventures of Dan Dare, Pilot of the Future venne trasmesso da Radio Luxembourg nel 1951-1955. BBC Radio 4 trasmise un adattamento di Voyage to Venus nel 1990.

Electronic Arts e Virgin Interactive pubblicarono una serie di videogiochi per home computer: Dan Dare: Pilot of the Future (1986), Dan Dare II: Mekon's Revenge (1988) e Dan Dare III: The Escape (1990)[5].

Nel 2001 uscì la serie animata Dan Dare: Pilot of the Future, composta da una stagione di 26 episodi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (IT) Alberto Brambilla, Omini verdi da Albione! Dan Dare, pilota del futuro, su Fumettologica, 3 dicembre 2014. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  2. ^ Stephen Jewell, Dare to be Different, in Judge Dredd Megazine, vol. 390, nº 2017.
  3. ^ Guida Fumetto Italiano, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  4. ^ (IT) Gianfranco Goria, Dan Dare torna a volare con Nova Express, su afnews.info, 15 ottobre 2014. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  5. ^ (ES) Dan Dare: del futuro a los 8 bit, in Retro Manía, n° 6, supplemento a Micromanía n° 238, Blue Ocean Publishing, dicembre 2014, pp. 12-15.