Damiano Morra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Damiano Morra
Damiano Morra - 1983 - Calcio Catania.jpg
Morra al Catania nel 1983
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex mezzala)
Ritirato 1996 - giocatore
Carriera
Giovanili
Parma
Squadre di club1
1972-1975Parma54 (3)
1975-1984Catania281 (26)
1984-1986Cosenza40 (2)
1986-1990Olbia129 (1)
1995-1996Osimana6 (1)
Carriera da allenatore
1998-1999 Osimana
1999-2000 Olbia
2000-2001 Ancona Berretti
2001-2004 Ancona Allievi
2004-2005 non conosciuta Biagio Nazzaro
2005-2006 non conosciuta Chiaravalle
2006-2007 non conosciuta Passatempese
2006-2008 non conosciuta Casette Verdini
2008-2009 non conosciuta Cingolana
2010 non conosciuta Chiesanuova
2010-2011 non conosciuta San Biagio
2011-2012 Portorecanati
2014 non conosciuta Casette Verdini
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Damiano Morra (San Fernando, 22 febbraio 1955) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano di origini argentine, di ruolo mezzala.

Detiene il record di presenze con la maglia del Catania[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con una catanese e ha due figli nati nella città siciliana[1]. Nacque in Argentina ma è originario e vive a Portorecanati[2].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come mezzala. Si adattò a centromediano metodista e a libero nella stagione della promozione in Serie A con il Catania[1].

Lui stesso si è definito un combattente per la voglia, la determinazione dimostrata in campo; riuscì anche ad evitare infortuni nelle nove stagioni e così riuscì a stabilire il record di presenze[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Parma, che lo aveva portato in Italia già a 17 anni, giocò con gli emiliani tre stagioni fra Serie C e Serie B.

Notato da Angelo Massimino, venne acquistato dal Catania, di cui è il calciatore con più presenze in campionato: 281 (con 26 reti) tra il 1975 e il 1984. Con i rossazzurri visse due stagioni in Serie B, tre in Serie C, altre tre in B e l'ultima in Serie A, conquistata dopo gli spareggi di Roma nel giugno 1983. Nella massima serie disputò 26 partite senza realizzare reti nell'annata 1983-84 che vide gli etnei chiudere il campionato all'ultimo posto con conseguente retrocessione.

Morra (n. 8) in azione con la maglia del Parma nel 1975, durante una trasferta sul campo del Perugia.

Era il pupillo di Massimino e rimase molto legato agli allenatori Gennaro Rambone e Gianni Di Marzio. Nella stagione 1984-1985 scende in C1 vestendo per due campionati la maglia del Cosenza. Ha chiuso la carriera all'Olbia in C2.

Oltre alle 26 presenze in A, ha totalizzato 204 presenze e 12 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Come allenatore, ha diretto l'Osimana nel Campionato Nazionale Dilettanti, poi nel 1999-2000 è passato all'Olbia[3]. Nel 2000-2001 allena la Berretti dell'Ancona. Nel 2001-2002 gli viene assegnata la squadra allievi nazionali dei marchigiani. Nel 2004-2005 va al Biagio Nazzaro, nell'Eccellenza marchigiana.

Nel 2005-2006 ha allenato il Chiaravalle e nell'estate 2006 è passato all'AC Passatempese, per poi venir ingaggiato dalla Casette Verdini, in Prima Categoria marchigiana, nel biennio 2006-2008. Nel 2008-2009 allena la Cingolana, nell'Eccellenza marchigiana.

Subentra sulla panchina del Chiesanuova un mese prima della fine del campionato 2009-2010 e ottiene la salvezza in Promozione; nella stagione 2010-2011 allena l'ASD San Biagio in Prima Categoria[4] salvandolo all'ultima giornata di campionato. Nella stagione 2011-2012 allena il Portorecanati in Promozione; subentra il 31 ottobre[2] e viene esonerato dopo due mesi.

A marzo 2014 subentra alla guida tecnica del Casette Verdini (Prima Categoria)[5].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1972-1973 Italia Parma C 4 0 CIS ? ? 4+ 0+
1973-1974 B 16 1 CI ? ? 16+ 1+
1974-1975 B 34 2 CI ? ? 34+ 2+
Totale Parma 54 3 ? ? 54+ 3+
1975-1976 Italia Catania B 21 1 CI 4 0 25 1
1976-1977 B 24 1 CI 3 0 27 1
1977-1978 C 38+1 6+0 CIS 4 0 43 6
1978-1979 C1 30 7 CIS 4 0 34 7
1979-1980 C1 33 5 CIS 4 0 37 5
1980-1981 B 38 4 CI 4 0 42 4
1981-1982 B 36 3 CI 4 1 40 4
1982-1983 B 34+2 0+0 CI 5 0 41 0
1983-1984 A 26 0 CI 5 0 31 0
Totale Catania 280+3 27+0 34 1 320 28
1984-1985 Italia Cosenza C1 22 1 CI-C ? ? 22+ 1+
1985-1986 C1 18 1 CI ? ? 18+ 1+
Totale Cosenza 40 2 ? ? 40+ 2+
1986-1987 Italia Olbia C2 33 4 CI-C ? ? 33+ 4+
1987-1988 C2 31 4 CI-C ? ? 31+ 4+
1988-1989 C2 32 1 CI-C ? ? 32+ 1+
1989-1990 C2 34 2 CI-C ? ? 34+ 2+
Totale Olbia 130 11 ? ? 130+ 11+
Totale carriera 504+3 43+0 34+ 1+ 541+ 44+

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Parma: 1972-1973 (girone A)
Catania: 1979-1980 (girone B)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Filmato video La grande scalata di Massimino, su radiolab.it, 16 dicembre 2014, a 55 min 30 s. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  2. ^ a b CALCIO – Damiano Morra, ex Osimana e San Biagio, è il nuovo allenatore del Portorecanati (Promozione B), su cronacheanconetane.it, 31 ottobre 2011. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  3. ^ Da capitano coraggioso ad allenatore: è lui, Damiano Morra, in La Nuova Sardegna, 26 luglio 1999. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  4. ^ Calcio: Damiano Morra è il nuovo allenatore del San Biagio, su vivereosimo.it, 6 giugno 2010. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  5. ^ Sara Santacchi, Casette Verdini, si cambia: Morra è il nuovo allenatore, su cronachemaceratesi.it, 4 marzo 2014. URL consultato il 26 dicembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emanuele Urzì. Freccia "rossazzurra". «Rossazzurri», anno 4 n. 13, 26 novembre 2006, 13.
  • Giovanni Finocchiaro, "Un centrocampo solido e pratico", «La Sicilia», 21 aprile 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]