Damaliscus lunatus korrigum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Korrigum
The book of antelopes (1894) Damaliscus korrigum.png
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Alcelaphinae
Genere Damaliscus
Specie D. lunatus
Sottospecie D. l. korrigum
Nomenclatura trinomiale
Damaliscus lunatus korrigum
(Ogilby, 1837)
Areale
Damaliscus lunatus.png
Areale delle sottospecie di damalisco comune

Il korrigum (Damaliscus lunatus korrigum Ogilby, 1837) è la sottospecie più occidentale del damalisco comune.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ha una lunghezza testa-corpo di 150-205 cm e misura 127-132 cm di altezza al garrese. Il peso si aggira sui 122-136 kg. È la sottospecie di damalisco comune di maggiori dimensioni, oltre ad essere quella dalle corna più grandi (possono raggiungere gli 84 cm di lunghezza). Ha una colorazione generale arancio-rossastro splendente. Le chiazze nero-bluastre su spalle, anche e parte superiore delle zampe sono meno estese che nel tiang (D. l. tiang) e nel topi (D. l. jimela) e la parte bassa delle zampe è dello stesso colore del corpo. Dalla zona nero-bluastra che ricopre la faccia si diparte una striscia sottile dello stesso colore che, passando al di sotto dell'occhio, giunge fin dietro ad esso. La coda - 40-60 cm - è piuttosto corta, tanto che arriva a malapena ai garretti, e presenta una cresta di peli neri sul suo terzo inferiore. Le corna a forma di lira, presenti in entrambi i sessi, sono spesse, piuttosto corte e fortemente anellate. Si innalzano curvando dolcemente all'indietro, divergendo leggermente, per poi piegarsi leggermente in su all'estremità. Le femmine sono leggermente più piccole dei maschi, ma per il resto i due sessi sono molto simili. I giovani presentano un manto color sabbia per i primi due mesi di vita[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione più consistente di korrigum vive all'interno del complesso di parchi transfrontalieri W-Arly-Pendjari, al confine tra Benin, Burkina Faso e Niger; popolazioni più piccole sono state segnalate nel nord del Camerun (all'interno dei parchi nazionali di Waza e di Bouba-Ndjida), nel nord-est della Nigeria, nella valle del Volta Rosso nel nord-est del Ghana, e probabilmente nel nord del Togo. Vive nelle savane sudanesi, anche in regioni particolarmente aride, generalmente al di sotto dei 1500 m di altitudine. Sebbene abiti prevalentemente nelle vaste pianure alluvionali, è in grado di sopravvivere senza bere per lunghi periodi, finché vi è disponibilità di erba fresca[2].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il korrigum vive in gruppi di 15-30 capi, ma talvolta, durante le migrazioni stagionali in cerca di nuova erba dopo le prime piogge, possono riunirsi anche mandrie di centinaia di esemplari. Si nutre principalmente di erba, evitando quella troppo bassa, e di poche piante erbacee; nonostante beva acqua, è in grado di sopravvivere senza per lunghi periodi. Spesso si unisce a branchi di altri erbivori, ad esempio alcelafi. Durante il periodo del calore i maschi riproduttivi sono particolarmente territoriali, e ciascuno di essi difende un'area nuziale ben definita dalle intrusioni degli altri maschi, ma attraverso la quale femmine e giovani possono transitare liberamente. Dopo la stagione degli amori i branchi si sciolgono, e maschi e femmine formano gruppi propri. Esclusivamente pascolatore, è in grado di sopravvivere nutrendosi di erbe secche che altre antilopi evitano di mangiare. È dotato di vista, udito e olfatto ben sviluppati ed è un corridore molto veloce, probabilmente in grado di raggiungere le stesse velocità del sassaby[2].

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una gestazione di 210 giorni la femmina dà alla luce un unico piccolo, che viene svezzato a partire dai 4 mesi di età. La maturità sessuale viene raggiunta a 1,5-2 anni nelle femmine e a 3-4 anni nei maschi. La speranza di vita è di 14 anni. Vi è una stagione della riproduzione ben definita, ed i piccoli nascono alla fine della stagione secca, nel mese di marzo. Il piccolo di solito rimane nascosto tra l'erba fino a quando è forte abbastanza da seguire il branco[2].

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) classifica il korrigum come specie vulnerabile (Vulnerable). Il numero di esemplari viene stimato tra i 1850 e i 2650 esemplari, quasi tutti confinati all'interno di aree protette. La sua sopravvivenza è minacciata dalla caccia illegale e dall'espansione del bestiame nelle poche aree di habitat disponibile rimaste[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) IUCN SSC Antelope Specialist Group 2008, Damaliscus lunatus korrigum, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ a b c d Castelló et al., 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • José R. Castelló et al., Bovids of the World: Antelopes, Gazelles, Cattle, Goats, Sheep, and Relatives, Princeton University Press, 2016, ISBN 978-14-00880-65-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi