Dalla (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dalla
ArtistaLucio Dalla
Tipo albumStudio
Pubblicazionesettembre 1980
Durata41:33
Dischi1
Tracce8
GenerePop progressivo
Musica d'autore
EtichettaRCA Italiana, PL 31537
ProduttoreAlessandro Colombini
Registrazioneda Ezio de Rosa alla Stone Castle Studios
Certificazioni originali
Dischi di platinoItalia Italia[2]
(vendite: 600 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi d'oroItalia Italia[1]
(vendite: 25 000+)
Lucio Dalla - cronologia
Album precedente
(1979)
Album successivo
(1981)

Dalla è il nono album in studio del cantautore italiano Lucio Dalla, pubblicato nel 1980.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album fu il più venduto dell'anno e comprende tracce di successo come Balla balla ballerino, Cara, Futura e Siamo dei che entrarono a pieno titolo nella cultura musicale italiana dell'ultimo scorcio del XX secolo.

Contiene inoltre la canzone Meri Luis, considerata dallo stesso Dalla la sua canzone «più vera, più autentica»[3] e reinterpretata nel 2011 da Marco Mengoni. In un'intervista su Radio Deejay, Dalla ha dichiarato che l'inizio strumentale del brano è ispirato a Milestones di Miles Davis, album che Dalla considerava il migliore del grande jazzista statunitense.[4]

La copertina è una fotografia realizzata da Renzo Chiesa realizzata agli Stone Castle Studios di Carimate[5], s'incentra sul cappello di lana dell'artista sovrastato dai suoi occhiali, ed è diventata iconica per il cantautore[6].

Circa nove anni dopo la pubblicazione dell'album la canzone La sera dei miracoli fu usata come sigla di chiusura del programma televisivo di inchiesta giornalistica La notte della Repubblica di Sergio Zavoli. Il brano è dedicato a Roma.

Il 13 novembre 2020, per celebrare i 40 anni dall'uscita, l'album "Dalla" è stato ristampato da Sony Music (Legacy Recordings) in un'edizione limitata rimasterizzata per recuperare le sonorità originali.[7]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Lucio Dalla.

Lato A

  1. Balla balla ballerino - 5:49
  2. Il parco della luna - 4:58
  3. La sera dei miracoli - 5:17
  4. Mambo - 5:04

Lato B

  1. Meri Luis - 4:36
  2. Cara - 5:39
  3. Siamo dei - 4:32
  4. Futura - 6:07

I Brani[modifica | modifica wikitesto]

Cara[8][modifica | modifica wikitesto]

Il titolo originale del brano era "Dialettica dell'Immaginario", il testo è opera del filosofo bolognese Stefano Bonaga, amico d'infanzia di Dalla.[9][10] La canzone racconta dell'incontro tra un uomo anziano e una ragazza molto più giovane di lui, dalla quale l'uomo è inizialmente attratto e poi, sempre più, innamorato. Le intenzioni iniziali dell'uomo (Ma per uno come me, poveretto, che voleva prenderti per mano / E cascare dentro un letto) non si traducono, però, in azione. Egli finisce per essere vittima del suo stesso innamoramento (Almeno non ti avessi incontrato / Io che qui sto morendo e tu che mangi il gelato) e finisce per rivendicare, a beneficio più che altro consolatorio, la nobiltà del suo comportamento (Ma ricorda che a quel muro ti avrei potuta inchiodare).

Quanto al soggetto del brano, Dalla rivela, in un’intervista, di avere pensato per la prima volta alla canzone non come testo per musica, ma come sceneggiatura[11]. E tipicamente cinematografica è, infatti, la scansione delle due scene principali del brano. Nella prima si narra dell’innamoramento come se fosse al presente, con un monologo molto simile a quello di una voce fuori campo. Nelle ultime due strofe, invece, uno stacco improvviso fa ritornare al presente e alla realtà. L’argomento non è autobiografico, o meglio, lo è solo parzialmente. Dalla ricorda, infatti, come fonte di ispirazione, la cena in compagnia di una donna molto più giovane di lui.

Da notare la variazione, nel finale, del verso "Ma per uno come me l'ho già detto / Che voleva prenderti per mano e volare sopra un tetto".

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla (certificazione), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 18 febbraio 2019.
  2. ^ MUSICA: LUCIO DALLA ANNI '90 BATTE LUCIO DALLA ANNI '70, su www1.adnkronos.com, Adnkronos, 24 gennaio 1997. URL consultato il 12 agosto 2015.
  3. ^ https://www.youtube.com/watch?v=KxI4UNaUy0A
  4. ^ https://www.youtube.com/watch?v=9KEBSrnMP48
  5. ^ https://ilfotografo.it/news/dalla-renzo-chiesa-immortala-il-cantautore/
  6. ^ https://www.ilsussidiario.net/news/lucio-dalla-40-anni-dopo-la-foto-che-divento-la-sua-immagine-lintervista/2092801/
  7. ^ Lucio Dalla, a 40 anni da uscita rivive l'album "Dalla" - Emilia-Romagna, su Agenzia ANSA, 9 novembre 2020. URL consultato il 16 novembre 2020.
  8. ^ Nell'album del 1980 'Dalla' c'è tutta la disperazione di Lucio, su Rolling Stone Italia, 10 novembre 2020. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  9. ^ Poeti del cantar legger/2. Lucio Dalla, «Una vita che è un'opera d'arte», su www.avvenire.it, 29 aprile 2016. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  10. ^ Lucio Dalla - Dalla | Recensioni, su SENTIREASCOLTARE. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  11. ^ Rep, su rep.repubblica.it. URL consultato il 16 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica