DOAJ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Directory of Open Access Journals (DOAJ)
Logo
Directory of Open Access Journals.png
Home page di DOAJ
URL doaj.org
Commerciale No
Tipo di sito Repertorio riviste
Lingua Inglese
Proprietario Infrastructure Services for Open Access (IS4OA)
Creato da Università di Lund
Lancio 2002
Stato attuale attivo

DOAJ, acronimo di Directory of Open Access Journals, è un repertorio on line di riviste di alta qualità ad accesso aperto e sottoposte a peer review.

Nel febbraio 2016 includeva 11.250 periodici (pubblicati in quasi 200 paesi), quasi 7.000 dei quali ricercabili a livello di articolo; complessivamente il servizio, in continua crescita, permetteva di raggiungere oltre due milioni di articoli. I periodici sono ricercabili per titolo e per categorie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Open Society Institute ha finanziato vari progetti collegati all'accesso aperto, dopo la Budapest Open Access Initiative; DOAJ fu uno di questi.[1]

L'idea del repertorio nacque dalle discussioni sviluppate nella prima Nordic Conference on Scholarly Communication nel 2002 e l'Università di Lund venne individuata come l'organizzazione che creasse e mantenesse.[2] Tale assetto si è mantenuto fino al 2014 quando è subentrata nella gestione la Infrastructure Services for Open Access (IS4OA).


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Walt Crawford, Open access : what you need to know now, Chicago, American Library Association, ISBN 978-0-8389-1106-8.
  2. ^ T. Hedlund e I. Rabow, Scholarly publishing and open access in the Nordic countries, in Learned Publishing, vol. 22, nº 3, 2009, pp. 177-186, DOI:10.1087/2009303.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN140131339