Dīmītrīs Partsalidīs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dīmītrīs Partsalidīs
Παρτσαλίδης.JPG

Primo ministro della Grecia
Durata mandato 3 aprile 1949 –
ottobre 1950
Capo di Stato Paolo
Predecessore Nikolaos Zachariadis
Successore Alexandros Diomidis

Sindaco di Kavala
Durata mandato 1934

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di Grecia

Dīmītrīs Partsalidīs (IPA: [ðiˈmitris part͡saˈliðis]) (in greco: Δημήτρης Παρτσαλίδης; Trebisonda, 1905Atene, 22 giugno 1980) è stato un politico greco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Trebisonda da una famiglia di greci dell'Ellesponto, dopo la fine della guerra greco-turca viene espulso dalla Turchia.

Aderisce al Partito Comunista e nel 1934 venne eletto sindaco di Kavala diventando il primo esponente comunista a governare una città in Grecia.

Durante la guerra civile[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 aprile 1949 durante la guerra civile greca succede a Nikolaos Zachariadis come capo del governo provvisorio formato dai comunisti in alcune aree del Paese. Il 28 agosto 1949 è costretto all'esilio ma mantiene la carica fino all'ottobre 1950

Nell'ottobre 1971 viene arrestato dalla giunta militare al potere in Grecia. Su questo evento ha scritto un libro di memorie.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311194471 · ISNI (EN0000 0004 3784 8769 · GND (DE105979344X