D'Evoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corona real abierta.svg
d'Evoli
COA family it d'Evoli.svg
Inchiavato di nero e d'argento.
StatoItalia Italia
TitoliCroix pattée.svg Principi
Croix pattée.svg Duchi
Croix pattée.svg Conti
Croix pattée.svg Baroni
FondatoreEvolo d'Evoli
Ultimo sovranoLuisa d'Evoli
Data di fondazioneXII secolo
Confluita ind'Afflitto
EtniaItaliana

La famiglia d'Evoli o d'Eboli è stata una famiglia nobile italiana. Fu una delle sette grandi casate del Regno di Napoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia d'Evoli trae origine e denominazione dal fondatore Evolo, figlio di Marino di Capua[A 1], vissuto nel XII secolo, e non dalla città di Eboli[1]. La casata ebbe vari feudi, la maggior parte dei quali situati nel territorio dell'odierno Molise e i cui principali furono Castropignano e Trivento, quest'ultimo pervenuto poi nella famiglia Caldora come parte della dote della contessa Medea d'Evoli. Ha goduto di nobiltà a Capua e a Napoli, nei Seggi di Capuana e Porto[2]. La casata si estinse con Luisa d'Evoli, andata in sposa a Pantaleone d'Afflitto[A 2][3].

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportato l'albero genealogico della famiglia d'Evoli dal fondatore Evolo, vissuto nel XII secolo, fino al XVIII secolo, secondo le ricostruzioni dei genealogisti Carlo Maria de Raho e Scipione Ammirato[4][5]:

 Evolo[A 3]
 
  
 Pietro[A 4]
 Giovanni
  
     
 Marino
Bartolomeo
Giovanni[A 5]
Francesco[A 9]
 Matteo
   
     
 Francesco[A 6]
 Filippo[A 10]
 Tommaso "il Vecchio"[A 11]
Matteo
Niccolò
  
      
 Marino[A 7]
 Matteo[A 12]
 Marino
 Giovanni[A 13]
Pietro
Soffredina[A 14]
    
       
 Filippa
Violante
Jacopilla[A 8]
Tommaso "il Giovane"[A 17]
Jacopa
Filippa[A 16]
Francesca[A 15]
 
     
 Pietro[A 18]
Bartolomeo[A 19]
 Guglielmo[A 20]
Ebulense[A 21]
Maria[A 61]
  
     
 Giovanni[A 26]
Rogasia[A 66]
Francesco[A 22]
Niccolò[A 23]
Ruggero
  
  
 Giacomo[A 27]
 Francesco[A 24]
  
  
 Andrea[A 28]
 Niccolò[A 25]
  
  
 Antonio[A 29]
 Medea[A 62]
 
  
 Andrea[A 30]
Caterina[A 67]
 
   
 Carlo[A 31]
 Giovanni
Altobella[A 32]
  
    
 Andrea[A 34]
Francesca[A 35]
 Geronimo
Carlo
  
     
 Vincenzo[A 36]
Maria[A 37]
Giovanna[A 38]
Vittoria[A 39]
Antonio[A 33]
 
     
 Andrea[A 40]
 Antonio[A 41]
Cesare[A 42]
Carlo[A 43]
Lucrezia[A 44]
  
        
Aurelia[A 45]
Giovanna[A 46]
Beatrice[A 47]
Laura[A 48]
Faustina[A 49]
Lucrezia[A 50]
Giovanni Battista[A 51]
Carlo[A 52]
 
  
 Francesco[A 53]
Andrea
 
  
 Domenico[A 54]
Eleonora[A 55]
 
       
 Francesco[A 56]
Andrea
Niccolò
Giovanna[A 57]
Aurelia[A 58]
Aurelia[A 59]
Eleonora[A 60]
 
   
 Concetta[A 63]
Maria Giovanna[A 64]
Mariano[A 65]

Feudi[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia possedeva un totale di oltre 67 feudi, suddivisi in principati, ducati, contee e baronie[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ Così denominato non per essere stato un membro della famiglia di Capua, bensì un cittadino capuano.
  2. ^ Si veda il collegamento esterno sul sito web Nobili napoletani.
  3. ^ Fondatore della famiglia, che da lui prese il nome, visse nel XII secolo. Si sposò con Flandina di Cantalupo.
  4. ^ Fu giustiziario della Terra di Lavoro.
  5. ^ Fu canonico di Capua.
  6. ^ Fu barone di Schiavi e giustiziario di Bari.
  7. ^ Si sposò nel 1298 con Filippa di Fossa.
  8. ^ Si sposò prima con Giacchetto Stendardo e poi con Loffredo Filomarino.
  9. ^ Fu barone di Campochiaro, Castelpetroso e Somma. Si sposò con Letizia Caracciolo.
  10. ^ Si sposò nel 1303 con Filippa d'Evoli, figlia di Marino.
  11. ^ Fu barone di Carpignano, Castelpizzuto, Monteroduni, Pescolanciano e Roccamandolfi, giustiziario della Basilicata, cavaliere e condottiero. Morì intorno al 1284.
  12. ^ Morì intorno al 1267.
  13. ^ Morì nel 1303.
  14. ^ Si sposò prima con Jacopo di Caggiano e poi nel 1283 con Giovanni Sanframondo.
  15. ^ Si sposò con Francesco Pandone.
  16. ^ Si sposò nel 1303 con Filippo d'Evoli, figlio di Francesco.
  17. ^ Fu cavaliere.
  18. ^ Si sposò con Bianca di Grandinato.
  19. ^ Fu decano di Capua.
  20. ^ Si sposò con Margherita Calvello.
  21. ^ Si sposò con Giovanni Malardo.
  22. ^ Si sposò con Jacopa di Ceccano.
  23. ^ Fu conte di Trivento. Si sposò con Agnese Pipino.
  24. ^ Fu conte di Trivento. Si sposò con ? di Sangro.
  25. ^ Fu conte di Trivento. Si sposò con Jacopa Conti.
  26. ^ Fu barone di Castropignano e Grazzanise. Si sposò con Clarissa di Castropignano.
  27. ^ Si sposò con Adriana Carafa.
  28. ^ Si sposò con Maria Montagano.
  29. ^ Fu barone di Capracotta, Castropignano, Civitanova del Sannio e Monteforte Irpino. Morì nel 1457. Si sposò con Lorenza di Sangro.
  30. ^ Fu barone di Castropignano. Si sposò con Emilia Pandone.
  31. ^ Fu barone di Castropignano. Si sposò con Maria Carafa.
  32. ^ Si sposò con Gorello Filomarino.
  33. ^ Fu abate.
  34. ^ Fu barone di Castropignano. Si sposò con Lucrezia Monsorio.
  35. ^ Si sposò con Sigismondo di Sangro.
  36. ^ Fu barone di Castropignano. Si sposò con Aurelia Carafa.
  37. ^ Si sposò con Tommaso Carafa della Stadera.
  38. ^ Si sposò con Bartolomeo Carafa della Spina.
  39. ^ Si sposò con Pompeo Pignatelli.
  40. ^ Si sposò con Isabella Crispano.
  41. ^ Si sposò con Ippolita di Sangro.
  42. ^ Scrisse le opere De divinis attribvtis, qvæ sephirot ab hebræis nvncvpata (1573), De cavsis antipathiæ, e sympathie rerum naturalium (1580) e Delle ordinanze et battaglie (1583). Si sposò con Camilla di Sangro.
  43. ^ Si fece prete.
  44. ^ Si sposò con Giovanni Vincenzo Loffredo.
  45. ^ Si sposò con Giovanni Battista d'Evoli, figlio di Antonio.
  46. ^ Si sposò con Alfonso Caracciolo.
  47. ^ Si sposò con Muzio Spinelli.
  48. ^ Si sposò con Fabrizio Cantelmo.
  49. ^ Si sposò con Pietro dei Monti.
  50. ^ Si sposò con ? Ceva Grimaldi.
  51. ^ Si sposò con Aurelia d'Evoli, figlia di Andrea.
  52. ^ Si sposò con Eleonora Carafa.
  53. ^ Si sposò con Giovanna Carafa.
  54. ^ Si sposò con Concetta Caracciolo.
  55. ^ Si sposò prima con Alviniano Capece e poi con Ascanio Filomarino.
  56. ^ Fu duca di Castropignano. Si sposò con Zenobia Revertera.
  57. ^ Si fece monaca.
  58. ^ Morì in fasce.
  59. ^ Si sposò con Nicola Ippolito Revertera.
  60. ^ Si fece monaca.
  61. ^ Si sposò prima con Princivalle di Grandinato e poi nel 1272 con Pietro Sersale.
  62. ^ Si sposò nel 1399 con il capitano di ventura Jacopo Caldora.
  63. ^ Morì in fasce.
  64. ^ Si sposò con Giovanni Milano.
  65. ^ Si sposò con Livia Gargano.
  66. ^ Si sposò con Giacomo "Giacopello/Jacopello" Gaetani.
  67. ^ Si sposò con Antonio Caldora.
Riferimenti
  1. ^ Scipione Ammirato, Delle famiglie nobili napoletane, vol. 2, Firenze, 1651, p. 247.
  2. ^ Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, vol. 1, Bologna, Arnaldo Forni Editore, 1875, p. 213.
  3. ^ Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, vol. 1, Bologna, Arnaldo Forni Editore, 1875, p. 215.
  4. ^ Carlo Maria de Raho, Peplus Neapolitanus, vol. 1, Napoli, 1710, pp. 101-115.
  5. ^ Scipione Ammirato, Delle famiglie nobili napoletane, vol. 2, Firenze, 1651, pp. 247-253.
  6. ^ Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, vol. 1, Bologna, Arnaldo Forni Editore, 1875, pp. 213-214.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, vol. 1, Bologna, Arnaldo Forni Editore, 1875.
  • Biagio Aldimari, Memorie historiche di diverse famiglie nobili, così napoletane, come forastiere, Napoli, 1691.
  • Carlo Maria de Raho, Peplus Neapolitanus, vol. 1, Napoli, 1710.
  • Luigi Contarino, La nobiltà di Napoli in dialogo, Napoli, 1569.
  • Scipione Ammirato, Delle famiglie nobili napoletane, vol. 2, Firenze, 1651.
  • Vincenzo Donnorso, Memorie istoriche della fedelissima, ed antica città di Sorrento, Napoli, 1740.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]