Cystoseira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Cystoseira
Cystoseira 0004.JPG
Cystoseira sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Chromista
Divisione Heterokontophyta
Classe Phaeophyta
Ordine Fucales
Famiglia Cystoseiraceae
Genere Cystoseira
Specie

Cystoseira è un genere di alghe brune appartenente all'ordine Fucales ed alla famiglia Cystoseiraceae. Il genere ha una distribuzione cosmopolita ma si trova principalmente nelle acque temperate dell'emisfero nord, soprattutto nel mar Mediterraneo e nell'oceano Pacifico e Indiano. Il tallo è suddiviso in ventosa, stipite e fronda.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Hanno aspetto arborescente o cespuglioso.
Il tallo presenta una struttura parenchimatosa, in cui le cellule si dividono in modo da formare una sorta di tessuto carnoso. È costituito da un asse principale da cui si dipartono degli assi secondari ramificati. L'accrescimento è apicale. Anteridii e oogoni si trovano all'interno di concettacoli fertili chiamati ricettacoli. È suddiviso in ventosa, stipite, fronda e pneumatocisti.

Ventosa[modifica | modifica wikitesto]

Ha una forma discoidale a sezione triangolare ed è costituito da piccoli rizoidi che l'alga utilizza per attaccarsi al substrato roccioso.

Stipite[modifica | modifica wikitesto]

Lo stipite può essere paragonato per le sue funzioni al tronco delle piante: permette all'alga di mantenersi eretta e trasporta i prodotti del metabolismo e i nutrienti. Ha una forma triangolare.

Fronde[modifica | modifica wikitesto]

Sono disposte radialmente lungo lo stipite e costituiscono la parte più evidente del tallo e quella maggiormente interessata dai processi fotosintetici. In essa quindi sono presenti molti cloroplasti e mitocondri.

La loro colorazione va dal nero (C. crinita), al bruno-rossastro (C. barbata), al bruno-giallastro (C. compressa), talora con riflessi iridescenti bluastri (C. mediterranea).

Pneumatocisti[modifica | modifica wikitesto]

Sono delle strutture sferiche o ellissoidali piene d'aria che permettono il galleggiamento della pianta. Si trovano generalmente nella porzione apicale del tallo.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Cystoseira 0001.JPG

È un genere cosmopolita, anche se è più abbondante nei mari temperati dell'emisfero nord. Nel mar Mediterraneo segna il confine tra il piano mesolitorale e quello infralitorale.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è compreso nella classe Phaeophyta (alghe brune) e nell'ordine Fucales.

Vi appartengono circa 50 specie:

Cystoseira 0003.JPG

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mojetta A., Ghisotti A, Flora e Fauna del Mediterraneo, Mondadori, 2003, ISBN 88-04-38574-X.
  • (EN) Cystoseira osmundacea, su Marine Botany, Monterey Bay Flora. URL consultato l'11-10-2007 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2013).
  • (EN) M.D. Guiry, G.M. Guiry, AlgaeBase version 4.2, su algaebase.org, World-wide electronic publication, National University of Ireland, Galway. URL consultato l'11 ottobre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica