Cyperus alternifolius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Falso papiro
Cyperus alternifolius.jpg
Cyperus alternifolius
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Cyperales
Famiglia Cyperaceae
Genere Cyperus
Specie C. alternifolius
Classificazione APG
Ordine Poales
Famiglia Cyperaceae
Nomenclatura binomiale
Cyperus alternifolius
L.

Il falso papiro (Cyperus alternifolius L.) è una pianta palustre, perenne, appartenente alla famiglia delle Cyperaceae, ampiamente diffusa nelle zone umide dell'Africa subsahariana[1][2]. È imparentata con il papiro vero e proprio (Cyperus papyrus).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si presenta con fusti alti e sottili che portano foglie a raggiera simili alle bacchette di un ombrello aperto.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Uso[modifica | modifica wikitesto]

È usata come pianta ornamentale.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

La pianta può sopravvivere e vegetare in una posizione di mezz'ombra, ma per garantire una corretta crescita è preferibile che venga messa in una posizione molto luminosa (anche soleggiata). Da evitare zone troppo ventilate che potrebbero spezzare gli steli.

Il substrato deve essere mantenuto molto umido, con annaffiature estive giornaliere, in accordo alle temperature ambientali cui è soggetta. Se coltivata in vaso, e se nel caso esso non fosse impermeabile, nel sottovaso deve sempre esserci un poco d'acqua. Essendo comunque una pianta palustre, può anche essere coltivata in idrocoltura o inserita all'interno di acquari o terrari, che in tal caso devono necessariamente essere privi di coperchio.

Del resto, il consumo di acqua è notevole: la pianta può contribuire ad aumentare l'umidità dell'aria negli ambienti da appartamento.

Moltiplicazione[modifica | modifica wikitesto]

Si moltiplica via talea in maniera molto semplice: si accorcia uno stelo tolto dalla pianta alla lunghezza di 10–20 cm. Questo viene capovolto e immerso in un contenitore d'acqua, avendo l'accortezza di dimezzare anche la lunghezza del fogliame. Dall'attaccatura delle foglie cresceranno prima delle radici e poi dei germogli. Più tardi, il tutto potrà essere piantato in terra.[3]

Il falso papiro contiene una sostanza che ha una valida attività stimolante la radicazione delle talee di altre piante (ormone radicante naturale), vanno frullate in poca acqua le sommità da cui si dipartono le foglie e immergere le talee in tale soluzione per alcuni minuti, l'aumento della possibilità di radicazione delle talee con tale sistema è di circa il 25%.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Lansdown, R.V. 2013, Cyperus alternifolius, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015. URL consultato il 21 giugno 2016.
  2. ^ (EN) Cyperus alternifolius, in The Plant List. URL consultato il 21 giugno 2016.
  3. ^ Foto del metodo per far attecchire un esemplare (JPG), grow.ars-informatica.ca.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica