Skynet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cyberdyne Systems Corporation)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la rete di satelliti britannica, vedi Skynet (satelliti).
Skynet
Logo del progetto Skynet Research.
Logo del progetto Skynet Research.
Saga Terminator
Autore James Cameron
1ª app. in Terminator (1984)
Ultima app. in Terminator: Genisys (2015)
Specie Intelligenza artificiale
Luogo di nascita Stati Uniti
Data di nascita 4 agosto 1997

25 agosto 2004

2 ottobre 2017
Professione Sistema di attacco/difesa militare
Abilità Autocoscienza
Elevatissima intelligenza

Skynet è un'immaginaria rete di supercomputer descritta nel ciclo cinematografico di Terminator.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La creazione di Skynet e l'attivazione nel 1997[modifica | modifica wikitesto]

« Il sistema andò online il 4 agosto 1997. Skynet cominciò a imparare a ritmo esponenziale. Divenne autocosciente alle 2:14 del mattino, ora dell'Atlantico, del 29 agosto. »
(Terminator di James Cameron)

In Terminator 2 - Il giorno del giudizio Skynet è un rivoluzionario computer, basato su un innovativo processore a rete neuronica progettato da Myles Dyson, della Cyberdyne Systems Corporation, partendo da un microchip di recupero proveniente da un T-800 schiacciato in una pressa idraulica nel 1984. Il Terminator era stato inviato a ritroso nel tempo per uccidere Sarah Connor ed impedire la nascita del figlio, John. Lo stesso Dyson dichiara che il microchip li ha spinti verso nuove strade alle quali non sarebbero mai arrivati e quindi tutto il progetto è basato su quel chip. Dyson sarebbe di lì a poco arrivato alla produzione del processore neuronico, il cervello pensante di Skynet.

Con la distruzione della Cyberdine, la costruzione del microchip viene fermata, mentre il chip originale viene distrutto da John Connor. Questo avrebbe dovuto impedire la creazione di Skynet: difatti, se il primo T-800 non fosse tornato indietro nel tempo, non sarebbe potuto finire nella pressa idraulica, ed il suo microchip non sarebbe potuto essere usato per progettare il processore stesso, evidenziando un paradosso.

In Terminator 3 - Le macchine ribelli il paradosso viene svelato, chiarito e corretto. Skynet, quello a cui ci si riferisce nel primo film Terminator, viene progettato dall'equipe (militare e civile) del Generale Brewster, direttore del CSC, il Centro di Sviluppo Cibernetico, ma con vari anni di ritardo a causa delle interferenze temporali introdotte dal primo T-800 e dalle rivelazioni fatte a Sarah Connor da Kyle Reese, padre di John Connor.

L'aver distrutto la Cyberdine non ha affatto alterato la storia, l'ha solo riportata nei suoi binari, dato che alterare la storia basandosi su conoscenze future sarebbe un paradosso. Non è chiarito chi abbia poi progettato il chip a rete neuronica dei vari cyborgs Terminator, ma è intuibile che sia postumo alla guerra, probabilmente ad opera dello stesso Skynet.

Deragliamento degli eventi al 2004[modifica | modifica wikitesto]

La distruzione della Cyberdyne System non distrugge Skynet, né impedisce la guerra nucleare del futuro. Causa solo uno slittamento degli eventi. Nell'anno 2004, infatti, Skynet è stato ultimato, ma non ha ancora il controllo delle strutture militari americane. Lo stesso Skynet, con astuta mossa, diffonde segretamente un virus informatico molto potente con il quale mette fuori uso satelliti, computer, televisioni e telefoni. I superiori del Generale Brewster, convinti che Skynet possa schiacciare il virus con grande facilità, gli ordinano di allacciarlo a tutte le strutture strategiche della difesa (basi terrestri, navali, piattaforme missilistiche, ecc.) ormai anch'esse infettate, forti del fatto che lo stesso Generale Brewster avesse avuto il pieno controllo su Skynet. Quando il sistema viene messo in funzione, Skynet disponendo di una volontà propria ed utilizzando tutte le armi nucleari statunitensi, e di tutte le macchine automatizzate, dà il via all'attacco nucleare contro l'umanità.

Linea temporale alternativa di Genisys[modifica | modifica wikitesto]

In Terminator Genisys un T-800 viene inviato nel 1973 per proteggere Sarah Connor da un T-1000, la storia viene mutata e così Sarah viene cresciuta come una guerriera, preparata a quello che sarebbe accaduto. Così quando nel 1984 il Terminator inviato da Skynet viene distrutto il giorno del giudizio viene spostato dal 1997 al 2017. John Connor, trasformato in un Terminator, arriva nel 2014 per garantire la creazione di Skynet che sarà nota col nome di Genisys. Senza il suo aiuto probabilmente Skynet sarebbe stata inventata anni dopo.

Dopo la guerra nucleare[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine dell'olocausto nucleare, i Terminator di Skynet hanno ormai preso il potere sulla Terra, a scapito dei tre miliardi di esseri umani sopravvissuti, i quali vengono inseguiti, catturati e spediti nei lager, pronti per essere giustiziati. Alcuni vengono tenuti in vita per replicare i T-800, altri per rastrellare e bruciare i corpi.

Quando John Connor scatena la ribellione armata contro i robot, Skynet tenta di eliminarlo, ma senza successo. Attorno all'anno 2029, in effetti, i robot sono in rotta, ma Skynet, in un gesto disperato, invia un Terminator T-800 indietro nel tempo, nell'anno 1984, con l'ordine di uccidere Sarah Connor, la madre del leader della resistenza, prima che il figlio nasca. Sarah, ai tempi in cui il Terminator giunge, sopravvive grazie all'intervento di Kyle Reese, un luogotenente di Connor (anch'egli giunto dal futuro).

Sempre nel 2029, Skynet invia dunque un T-1000, un Terminator composto da metallo liquido, nel 1994, quando Connor ha dieci anni, perché uccida direttamente il bambino. I ribelli tuttavia inviano in sua difesa un modello T-800 catturato e riprogrammato per difendere il loro futuro leader.

Fallita anche la seconda missione di assassinio attraverso il tempo, Skynet affida l'incarico a un Terminator di sembianze femminili, un modello T-X, programmato per attirare John Connor allo scoperto attraverso la preventiva eliminazione dei suoi amici nel 2004, i quali nel futuro sono destinati a diventare suoi luogotenenti. In difesa di Connor, ora ventenne, interviene un altro Terminator, modello T-850, più avanzato rispetto al T-800, che la moglie Kate Brewster ha catturato e riprogrammato dopo che ha ucciso il marito il giorno stesso della vittoria definitiva sulle macchine il 4 luglio 2032. La missione di Skynet è un terzo fallimento e in questo modo viene completamente ripristinato il normale corso della storia, concludendosi con la disattivazione del potente network.

Elenco dei nemici di Skynet[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]