Cuprato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Struttura del complesso chimico dell'esafluorocuprato(IV), un anione con doppia carica negativa.

Per cuprato si intende genericamente un materiale costituito da un complesso chimico a base di rame (in latino cuprum) con carica totale negativa (anione), come ad esempio ossidi di rame[1]. Al posto dell'ossigeno posso anche esserci altri complessi chimici come cianuri, idrossidi o alogenuri[2]. Sono definiti cuprati anche alcuni composti organici di formula [CuR2] o [CuR3]2−.[3]

Sebbene siano isolanti elettrici allo stato puro, allo stato drogato i cristalli di cuprati costituiscono una classe di superconduttori ad alta temperatura critica, tra cui ad esempio l'ossido di ittrio bario e rame di formula YBa2Cu3O7.[4]

Ossidi[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei cuprati più semplici è il cuprato di potassio (KCuO2), una polvere cristallina di colore blu scuro in cui l'anione cuprato (CuO2)- si lega al catione K+, costituendo in pratica un sale di potassio. Il rame del cuprato ha stato di ossidazione 3 (rame(III)).

Per produrlo occorre scaldare perossido di potassio e ossido rameico in un'atmosfera ricca di ossigeno, ottenendo la reazione:[5]

K2O2 + 2 CuO → 2 KCuO2

Al contrario uno dei cuprati più complessi è il già citato ossido di ittrio bario e rame, molto studiato per le sue proprietà superconduttive.

Complessi chimici[modifica | modifica wikitesto]

Il rame forma diversi complessi chimici che si comportano come anioni, grazie a legami di coordinazione con ligandi caricati negativamente come cianuro, idrossido, alogenuri, così come alchili e arili.

Sono quattro i possibili stati di ossidazione del rame ed essendo [Ar]4s13d10 la sua configurazione elettronica, gli stati possono essere caratterizzati anche in base a quali elettroni sono stati ceduti per il legame: d10 (ceduto 4s1), d9 (ceduto 4s1 e uno del d), d8,d7.

Rame(I) (d10)

I cuprati contenenti rame(I) tendono ad essere incolori, riflettendo la loro configurazione d10. Le strutture vanno da lineari coordinate a 2, a trigonali planari e tetraedriche.[6] Esempi includono dicloro e triclorocuprati, cioè lineare [CuCl2]- e trigonale planare [CuCl3]2-.[7] Il cianuro dà complessi analoghi, ma anche il tetracianocuprato trianionico (I), [Cu(CN)4]3−.[8] Il dicianocuprato(I) esiste sia in motivi molecolari che polimerici, a seconda del catione che forma il composto.[9]

Rame(II) (d9)

I clorocuprati comprendono il triclorocuprato(II) [CuCl3], che è un dimero, il tetraclorocuprato(II) a struttura planare [CuCl4]2− e il pentaclorocuprato(II) [CuCl5]3−.[10][11] I complessi coordinati a 3 di clorocuprato(II) sono rari.[12]

I complessi tetraclorocuprati(II) tendono ad adottare una geometria tetraedrica planare con colori arancioni.[13][14][15][2]

Il tetraidrossicuprato di sodio (Na2[Cu(OH)4] è un esempio di complesso con idrossido di sodio omolettico (tutti i ligandi sono uguali) che si ottiene con la reazione:[16]

Cu(OH)2 + 2 NaOH → Na2Cu(OH)4
Rame(III) e rame(IV) (d8 e d7)

Il rame(III) e (IV) sono molto instabili è quindi difficile preparare composti con essi. L'esafluorocuprato(III) [CuF6]3− e l'esafluorocuprato(IV) [CuF6]2− sono rari esempi di complessi di rame(III) e rame(IV) e sono forti agenti ossidanti.[17]

Composti organici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Reattivi di organo-rame § Cuprati e Reattivi di Gilman.

In chimica organica i cuprati hanno un ruolo nella sintesi organica, infatti composti del tipo [CuR2] o [CuR3]2−, dove R è un alchile o un arile, vengono usati come agenti alchilanti nucleofili.[3].

Superconduttività[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Superconduttività ad alte temperature.

Nel 1986 i ricercatori Bednorz e Müller, presso il centro di ricerca IBM a Zurigo, scoprirono il primo superconduttore a temperatura critica elevata, 30 K, ed era un cuprato di lantanio e bario (LBCO).[18]

Nel 1987, Chin-wu Chu (Paul Chu) e colleghi scoprirono che l'ossido di ittrio bario e rame YBa2Cu3O7 (YBCO), un altro cuprato, è superconduttore oltre i 93 K, superando per la prima volta la temperatura dell'azoto liquido (77 K)[19] e quindi aprendo la strada alla creazione di superconduttori a minor costo.

Generalmente i cuprati sono altamente anisotropi e isolanti antiferromagnetici[20]. Hanno la struttura tipica delle perovskiti con uno o più strati di ossido di rame che si mantengono a una certa distanza tra loro, costituendo piani regolari in cui ioni di O2- si dispongono in un quadrato con al centro uno ione Cu2+. Le loro proprietà superconduttive sono determinate dagli elettroni che si muovono all'interno degli strati di ossido di rame, che sono debolmente accoppiati[21]. Gli strati adiacenti, che fungono da distanziatori tra i piani, contengono ioni come ittrio, lantanio, bario, stronzio o altri atomi che agiscono per stabilizzare la struttura e diffondere elettroni o lacune tra gli strati di ossido di rame. Aumentando la quantità di tali materiali (drogaggio) si arriva a distruggere lo stato antiferromagentico[22] e a permettere la formazione di coppie di cooper.

I cuprati sono superconduttori del secondo tipo, ossia oltre la temperatura critica presentano una seconda fase in cui sono ancora parzialmente superconduttivi, fino ad una temperatura ancora superiore a cui ritornano isolanti.

Esistono diversi tipi di cuprati superconduttori che possono essere classificati o in base alle iniziali degli elementi in essi contenuti oppure in base al rapporto molare tra il primo elemento e il successivo, ad esempio, l'ossido di ittrio bario e rame può essere indicato con YBCO o Y123 (per ogni Y, 2 Ba e 3 Cu) e l'ossido di bismuto stronzio calcio e rame BSCCO o Bi2201 / Bi2212 / Bi2223 a seconda del numero di strati in ciascun blocco superconduttore.

Cuprato di bario e ittrio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ossido di ittrio bario e rame.
Cella unitaria di YBCO

Il cuprato di bario e ittrio, YBa2Cu3O7−x (o Y123), primo superconduttore trovato sopra il punto di ebollizione dell'azoto liquido, con rapporto molare da 1 a 2 a 3 per ittrio, bario e rame, ha una cella unitaria costituita, come tipico delle perovskiti, da subunità. In questo caso sono tre, sovrapposte e contenenti un atomo di ittrio al centro in quella di mezzo e un atomo di bario al centro nelle rimanenti. Pertanto, ittrio e bario sono impilati secondo la sequenza [Ba–Y–Ba], lungo un asse convenzionalmente indicata con c, come da figura.

La cella risultante ha una struttura ortorombica, a differenza degli altri cuprati superconduttori che generalmente hanno struttura tetragonale. Tutti i siti angolari della cella unitaria sono occupati dal rame che ha due diverse coordinazioni, Cu(1) e Cu(2), rispetto all'ossigeno. Esistono quattro possibili siti cristallografici per l'ossigeno: O(1), O(2), O(3) e O(4).[23]

Altri cuprati[modifica | modifica wikitesto]

Reticolo cristallino dei tre tipi di cuprato di bismuto e stronzio (BSCCO) in cui i piani di CuO2 variano da uno a tre.

Esistono quattro gruppi principali di cuprati superconduttori: a base di lantanio, bismuto, tallio o mercurio.

Lantanio[modifica | modifica wikitesto]

In questo gruppo rientrano l'LBCO, il primo scoperto e il La2−xSrxCuO4 (LSCO)[24] che alla temperatura critica hanno una struttura ortorombica come YBCO, mentre a temperature elevate hanno struttura tetragonale.[25]

Bismuto[modifica | modifica wikitesto]

I cuprati di bismuto contengono anche stronzio e calcio (Bi–Sr–Ca–Cu–O) e il più importante è il BSCCO. Sono possibili tre combinazioni secondo la formula Bi2Sr2Can−1CunO4+2n+x (n = 1, 2 e 3) a cui corrispondono i composti Bi-2201 (n = 1), Bi-2212 (n = 2) e Bi-2223 (n = 3), con temperature di transizione pari rispettivamente a 20 K, 85 K e 110 K.[26] I tre composti differiscono tra loro per il numero di piani di ossido di rame, avendo rispettivamente uno, due e tre piani di CuO2. Il coordinamento dell'atomo di Cu è diverso nelle tre fasi, infatti forma una coordinazione ottaedrica rispetto agli atomi di ossigeno nel Bi-2201, mentre nel Bi-2212 l'atomo di Cu è circondato da cinque atomi di ossigeno in una disposizione piramidale. Nella struttura del Bi-2223, il rame ha due coordinazioni rispetto all'ossigeno: un atomo di Cu è legato con quattro atomi di ossigeno in configurazione planare quadrata e un altro atomo di Cu è coordinato con cinque atomi di ossigeno in una disposizione piramidale.[27]

Tallio[modifica | modifica wikitesto]

I cuprati di tallio contengono anche bario e calcio (Tl–Ba–Ca) e possono contenere uno strato coordinato tra tallio e ossigeno (Tl–O), avendo formula generale TlBa2Can-1CunO2n+3,[28] oppure due strati Tl–O, avendo formula Tl2Ba2Can -1CunO2n +4 dove n = 1, 2 e 3. Nella struttura del Tl2Ba2CuO6 (Tl-2201), esiste uno strato CuO2 con la sequenza di impilamento (Tl–O) (Tl–O) (Ba–O) (Cu–O) (Ba–O) (Tl–O) (Tl–O). Nel Tl2Ba2CaCu2O8 (Tl-2212) ci sono due strati Cu–O, con uno strato Ca in mezzo e come nel Tl2Ba2CuO6, gli strati Tl–O sono presenti all'esterno degli strati Ba–O. In Tl2Ba2Ca2Cu3O10 (Tl-2223), ci sono tre strati CuO2 che racchiudono strati Ca tra ciascuno di questi.

Generalemente nei superconduttori a base di tallio la temperatura critica aumenta all'aumentare degli strati di CuO2. Tuttavia tale valore diminuisce dopo quattro strati nel TlBa2Can -1CunO2n +3 e dopo 3 in Tl2Ba2Can -1CunO2n+4.[29]

Mercurio[modifica | modifica wikitesto]

Sostituendo il mercurio al talIio si hanno i cuprati del tipo Hg–Ba–Ca, mantenedo la stessa struttura cristallina, ossia HgBa2CuO4 (Hg-1201),[30] HgBa2CaCu2O6 (Hg-1212) e HgBa2Ca2Cu3O8 (Hg-1223), simili rispettivamente a Tl-1201, Tl-1212 e Tl-1223. È interessante notare che la temperatura critica di Hg-1201 è molto più grande rispetto a quella di Tl-1201, pur avendo entrambi un unico strato di CuO2. Anche nei cuprati di mercurio la temperatura critica aumenta all'aumentare del numero di strati di CuO2: 94 K per Hg-1201, 128 K per Hg-1212 e 133 K per Hg-1223, la temperatura critica più alta ad oggi nota per un cuprato a pressione ambiente[31] . Se poi dalla pressione ambiente si passa a pressioni più elevate la temperatura critica di Hg-1223 può arrivare fino a 153 K, ad indicare che essa è molto sensibile alla struttura del composto.[32]

Temperatura critrica, struttura cristallina e costanti reticolari di alcuni cuprati superconduttori
Nome Formula Temperatura (K) Numero di piani di CuO2
per unità di cella
Struttura di cristallo
La-214 La2−xBaxCuO4 30 1 ortorombico
La-214 La2−xSrxCuO4 38 1 ortorombico
Y-123 YBa2Cu3O7 92 2 ortorombico
Bi-2201 Bi2Sr2CuO6 20 1 tetragonale
Bi-2212 Bi2Sr2CaCu2O8 85 2 tetragonale
Bi-2223 Bi2Sr2Ca2Cu3O10 110 3 tetragonale
Tl-2201 Tl2Ba2CuO 6 80 1 tetragonale
Tl-2212 Tl2 Ba2CaCu2O8 108 2 tetragonale
Tl-2223 Tl2Ba2Ca2Cu3O10 125 3 tetragonale
Tl-1234 TlBa2Ca3Cu4O11 122 4 tetragonale
Hg-1201 HgBa2CuO4 94 1 tetragonale
Hg-1212 HgBa2CaCu2O6 128 2 tetragonale
Hg-1223 HgBa2Ca2Cu3O8 133 3 tetragonale

Preparazione e produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il metodo più semplice per preparare superconduttori ceramici è una reazione termochimica tra polveri precursori che vanno incontro a miscelazione, calcinazione e sinterizzazione. La miscelazione delle quantità appropriate di tali polveri, generalmente ossidi e carbonati, deve essere molto omogenea e può avvenire mediante un mulino a biglie o tramite processi chimici come la coprecipitazione, la liofilizzazione o il processo sol-gel, soluzioni colloidali trasformate in gel. Tali polveri vengono poi sottoposte a calcinazione per diverse ore, con temperature tra 800 °C e 950 °C. Poi vengono raffreddate, rimacinate e sottoposte nuovamente a calcinazione. Questo processo viene ripetuto più volte per poter ottenere un materiale il più omogeneo possibile. Infine vengono compattate in pellet mediante sinterizzazione. I parametri di sinterizzazione quali temperatura, tempo di ricottura, composizione dell'atmosfera e velocità di raffreddamento sono fondamentali per ottenere un'elevata temperature critica.

Ad esempio i composti YBa2Cu3O7−x vengono preparati mediante calcinazione e sinterizzazione di una miscela omogenea di Y2O3, BaCO3 e CuO, scegliendo il rapporto molare appropriato. Prima avviene la calcinazione a 900–950 °C e poi la sinterizzazione a 950 °C in atmosfera ricca di ossigeno. La quantità di ossigeno è cruciale per ottenerene la superconduttività. Il risultato è un composto di struttura tetragonale, YBa2Cu3O6 che, lentamente raffreddato in presenza di ossigeno, si trasforma in YBa2Cu3O7−x. L'assorbimento e la perdita di ossigeno sono reversibili. Un campione di YBa2Cu3O7−x con struttura ortorombica può essere deossigenato, ritornando a YBa2Cu3O6 con struttura tetragonale, riscaldandolo sotto vuoto a temperatura superiore a 700 °C.[33]

Invece la preparazione di superconduttori basati su bismuto, tallio e mercurio è più difficile in quanto si possono ottenere diversi rapporti molari (fasi) con strutture a strati simili. Pertanto, durante la sintesi si verificano fenomeni di crescita intrecciata di cristalli di fasi diverse (sintassia) e generazione di difetti, ad esempio di impilamento, rendendo difficile isolare una singola fase superconduttiva. Nel caso del Bi–Sr–Ca–Cu–O, è relativamente semplice preparare la fase Bi-2212 (Tc ≈ 85 K), mentre è molto difficile ottenere la fase Bi-2223 (Tc ≈ 110 K) non mescolata ad altre. Inoltre la fase Bi-2212 appare solo dopo poche ore di sinterizzazione a 860–870 °C, mentre una frazione significativa della fase Bi-2223 si forma dopo un tempo di reazione di oltre una settimana a 870 °C.[34] È possibile ridurre tale tempo inserendo piccole quantità di piombo.[35]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cuprati nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  2. ^ a b Egon Wiberg, Nils Wiberg e Arnold Frederick Holleman, Inorganic chemistry, Academic Press, 2001, pp. 1252–1264, ISBN 0-12-352651-5.
  3. ^ a b Louis S. Hegedus, Transition metals in the synthesis of complex organic molecules, University Science Books, 1999, pp. 61–65, ISBN 1-891389-04-1.
  4. ^ Chemistry of the Elements, 2ª ed., Butterworth-Heinemann, 1997, ISBN 978-0-08-037941-8.
  5. ^ G. Brauer (a cura di), Potassium Cuprate (III), in Handbook of Preparative Inorganic Chemistry, vol. 1, II, Academic Press, 1963, p. 1014.
  6. ^ Numero di coordinazione e geometria di un complesso
  7. ^ (EN) Marion Stricker, Thomas Linder e Benjamin Oelkers, Cu(I)/(II) based catalytic ionic liquids, their metallo-laminate solid state structures and catalytic activities in oxidative methanol carbonylation, in Green Chemistry, vol. 12, n. 9, 3 settembre 2010, pp. 1589–1598, DOI:10.1039/C003948A. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  8. ^ (EN) Scott Kroeker e Roderick E. Wasylishen, Canadian Journal of Chemistry: Vol 77, No 11, in Canadian Journal of Chemistry, 5 febbraio 2011, DOI:10.1139/v99-181. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  9. ^ Graham A. Bowmaker, Hans Hartl e Victoria Urban, Crystal Structures and Vibrational Spectroscopy of [NBu4][Cu(CN)X] (X = Br, I) and [NBu4][Cu3(CN)4]·CH3CN, in Inorganic Chemistry, vol. 39, n. 20, 1º ottobre 2000, pp. 4548–4554, DOI:10.1021/ic000399s. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  10. ^ Norman N. Greenwood e Alan Earnshaw, Chemistry of the Elements, 2ª ed., Butterworth-Heinemann, 1997, ISBN 978-0-08-037941-8.
  11. ^ (EN) Roger D. Willett, Robert E. Butcher e Christopher P. Landee, Two halide exchange in copper(II) halide dimers: (4,4′-bipyridinium)Cu2Cl6−xBrx, in Polyhedron, vol. 25, n. 10, 10 luglio 2006, pp. 2093–2100, DOI:10.1016/j.poly.2006.01.005. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  12. ^ (EN) Catrin Hasselgren, Susan Jagner e Ian Dance, Three-Coordinate [CuIIX3]− (X=Cl, Br), Trapped in a Molecular Crystal, in Chemistry – A European Journal, vol. 8, n. 6, 2002, pp. 1269–1278, DOI:10.1002/1521-3765(20020315)8:63.0.CO;2-9. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  13. ^ (EN) A. Mahoui, J. Lapasset e J. Moret, Tetraethylammonium Tetramethylammonium Tetrachlorocuprate(II), [(C2H5)4N][(CH3)4N][CuCl4], in Acta Crystallographica Section C: Crystal Structure Communications, vol. 52, n. 11, 15 novembre 1996, pp. 2674–2676, DOI:10.1107/S0108270196009031. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  14. ^ Guillermo Mínguez Espallargas, Lee Brammer e Jacco van de Streek, Reversible Extrusion and Uptake of HCl Molecules by Crystalline Solids Involving Coordination Bond Cleavage and Formation, in Journal of the American Chemical Society, vol. 128, n. 30, 1º agosto 2006, pp. 9584–9585, DOI:10.1021/ja0625733. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  15. ^ (EN) A. Kelley, S. Nalla e M. R. Bond, The square-planar to flattened-tetrahedral CuX42− (X = Cl, Br) structural phase transition in 1,2,6-trimethylpyridinium salts, in Acta Crystallographica Section B: Structural Science, Crystal Engineering and Materials, vol. 71, n. 1, 1º febbraio 2015, pp. 48–60, DOI:10.1107/S205252061402664X. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  16. ^ G. Brauer (a cura di), Sodium Tetrahydroxocuprate (II) in Handbook of Preparative Inorganic Chemistry, vol. 1, 2ª ed., Academic Press, 1963, p. 1015.
  17. ^ Egon Wiberg, Nils Wiberg e Arnold Frederick Holleman, 1.2.3 Kupfer(lll)- und Kupfer(IV)-Verbindungen (d8, d7), in Anorganische Chemie, vol. 2, p. 1707.
  18. ^ J. G. Bednorz e K. A. Müller, Possible high TC superconductivity in the Ba-La-Cu-O system, in Zeitschrift für Physik B, vol. 64, n. 2, 1986, pp. 189–193, Bibcode:1986ZPhyB..64..189B, DOI:10.1007/BF01303701.
  19. ^ M. K. Wu, J. R. Ashburn, C. J. Torng, P. H. Hor, R. L. Meng, L. Gao, Z. J. Huang, Y. Q. Wang, et C. W. Chu, Superconductivity at 93 K in a new mixed-phase Y-Ba-Cu-O compound system at ambient pressure (PDF), in Physical Review Letters, vol. 58, n. 9, pp. 908–910.
  20. ^ (EN) Nikolay Plakida, High-Temperature Cuprate Superconductors: Experiment, Theory, and Applications, in Springer Series in Solid-State Sciences, Springer, 2010, pp. 51–120, DOI:10.1007/978-3-642-12633-8_3, ISBN 978-3-642-12633-8. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  21. ^ C. Michel e D. Pavuna, Introduction to Superconductivity and High-Tc Materials, World Scientific Publishing, 1992.
  22. ^ T. Schneider e J.M. Singer, Phase Transtion Approach to High Temperature Superconductivity, University of Zurich.
  23. ^ R. Hazen, L. Finger e R. Angel, Crystallographic description of phases in the Y-Ba-Cu-O superconductor, in Physical Review B, vol. 35, n. 13, 1987, pp. 7238–7241, Bibcode:1987PhRvB..35.7238H, DOI:10.1103/PhysRevB.35.7238, PMID 9941012.
  24. ^ (EN) Yang Wang, Yong Zhong e Zhiling Luo, Real-space observation of charge ordering in epitaxial La 2−x Sr x CuO 4 films, in npj Quantum Materials, vol. 4, n. 1, 23 aprile 2019, pp. 1–6, DOI:10.1038/s41535-019-0156-1. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  25. ^ A. T. Rømer, Master Thesis, Niels Bohr Institute, agosto 2009.
  26. ^ R. Hazen, C. Prewitt e R. Angel, Superconductivity in the high-Tc Bi-Ca-Sr-Cu-O system: Phase identification, in Physical Review Letters, vol. 60, n. 12, 1988, pp. 1174–1177, Bibcode:1988PhRvL..60.1174H, DOI:10.1103/PhysRevLett.60.1174, PMID 10037960.
  27. ^ J. Tarascon, W. McKinnon e P. Barboux, Preparation, structure, and properties of the superconducting cuprate series Bi2Sr2Can−1CunOy with n=1, 2, and 3 (PDF), in Physical Review B, vol. 38, n. 13, 1988, pp. 8885–8892, Bibcode:1988PhRvB..38.8885T, DOI:10.1103/PhysRevB.38.8885, PMID 9945668.
  28. ^ Z. Z. Sheng, A. M. Hermann e A El Ali, Superconductivity at 90 K in the Tl-Ba-Cu-O system, in Physical Review Letters, vol. 60, n. 10, 1988, pp. 937–940, Bibcode:1988PhRvL..60..937S, DOI:10.1103/PhysRevLett.60.937, PMID 10037895.
  29. ^ Z. Z. Sheng e A. M. Hermann, Superconductivity in the rare-earth-free Tl-Ba-Cu-O system above liquid-nitrogen temperature, in Nature, vol. 332, n. 6159, 1988, pp. 55–58, Bibcode:1988Natur.332...55S, DOI:10.1038/332055a0.
  30. ^ S. N. Putilin, E. V. Antipov e O. Chmaissem, Superconductivity at 94 K in HgBa2Cu04+δ, in Nature, vol. 362, n. 6417, 1993, pp. 226–228, Bibcode:1993Natur.362..226P, DOI:10.1038/362226a0.
  31. ^ A. Schilling, M. Cantoni e J. D. Guo, Superconductivity above 130 K in the Hg–Ba–Ca–Cu–O system, in Nature, vol. 363, n. 6424, 1993, pp. 56–58, Bibcode:1993Natur.363...56S, DOI:10.1038/363056a0.
  32. ^ C. W. Chu, L. Gao e F. Chen, Superconductivity above 150 K in HgBa2Ca2Cu3O8+δ at high pressures, in Nature, vol. 365, n. 6444, 1993, pp. 323–325, Bibcode:1993Natur.365..323C, DOI:10.1038/365323a0.
  33. ^ Neeraj Khare, Handbook of High-Temperature Superconductor Electronics, CRC Press, 2003, pp. 42-58, ISBN 978-0-8247-0823-8.
  34. ^ J. Tarascon, W. McKinnon, P. Barboux, D. Hwang, B. Bagley, L. Greene, G. Hull, Y. Lepage, N. Stoffel, M. Giroud, Preparation, structure, and properties of the superconducting cuprate series Bi2Sr2Can−1CunOy with n=1, 2, and 3 (PDF), in Physical Review B, vol. 38, n. 13, 1988, pp. 8885–8892, Bibcode:1988PhRvB..38.8885T, DOI:10.1103/PhysRevB.38.8885, PMID 9945668.
  35. ^ Donglu Shi, Mark S. Boley, J. G. Chen, Ming Xu, K. Vandervoort, Y. X. Liao, A. Zangvil, Justin Akujieze, Carlo Segre, Origin of enhanced growth of the 110 K superconducting phase by Pb doping in the Bi-Sr-Ca-Cu-O system, in Applied Physics Letters, vol. 55, n. 7, 1989, p. 699, Bibcode:1989ApPhL..55..699S, DOI:10.1063/1.101573.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]