Cuore amaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cuore amaro
singolo discografico
Cuore amaro.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaGaia
Pubblicazione4 marzo 2021
Durata2:33
Album di provenienzaAlma
GenerePop[1]
Musica latina[2]
EtichettaSony Music
ProduttoreJacopo Ettore, Giorgio Spedicato, Daniele Dezi
FormatiDownload digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia[3]
(vendite: 35 000+)
Gaia - cronologia
Singolo precedente
(2020)
Singolo successivo
(2021)

Cuore amaro è un singolo della cantante italiana Gaia, pubblicato il 4 marzo 2021 come primo estratto dal secondo album in studio Alma.

Il brano è stato eseguito per la prima volta durante la seconda serata del Festival di Sanremo 2021,[4] dove si è classificato al 19º posto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano, scritto a quattro mani per il testo dalla cantante con Jacopo Ettorre, vede la composizione e la produzione di Giorgio Spedicato e Daniele Dezi. Il brano tratta dell'amore della cantante verso se stessa, descritto dalla stessa artista:[5]

«Per la prima volta non parlo d’amore, ma una canzone che parla di me stessa, della mia storia. Il Cuore Amaro è il mio, racconta un po’ la mia testardaggine nel non mollare, in maniera sincera. È una canzone anche che a livello di arrangiamento, di mood e di produzione racconta la mia storia e ti porta un po’ nel Sud America però in maniera fresca, in maniera odierna… nel mio modo di fare musica»

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è stato descritto da Simone Zani di AllMusic Italia come «intenso, ma allo stesso tempo ballabile e cono sonorità che evocano spensieratezza» sottolineando il carattere autobiografico del testo. Il critico apprezza inoltre «i giochi di chitarre quasi gitani e un mood classico, ma estremamente moderno».[6]

La giornalista Carmen Guadalaxara per Il Tempo accoglie positivamente la canzone dell'artista associandolo a parole come «esuberante, elegante ed effervescente».[7] Rolling Stone Italia apprezza invece la contemporaneità della cantante, affermando: «è figlia del suo tempo, viaggia senza problemi fra stili e geografie musicali»,[8] sensazione confermata da Silvia Danielli di Billboard Italia che descrive il progetto della cantante «particolarmente piacevole e avvolgente».[9]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip del brano, diretto da Enea Colombi, è stato pubblicato contestualmente all'uscita del singolo sul canale YouTube della cantante.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Gaia Gozzi, Jacopo Ettorre, musiche di Daniele Dezi, Giorgio Spedicato.

  1. Cuore amaro – 2:33

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2021) Posizione
massima
Italia[10] 17

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudio Lancia, Giuliano Delli Paoli e Antonio Silvestri, Festival di Sanremo - Edizione 2021 La nostra analisi, su ondarock.it. URL consultato il 29 marzo 2021.
  2. ^ http://www.spettacolinews.it/gaia-a-sanremo-2021-in-gara-nella-categoria-campioni-con-il-brano-cuore-amaro-20210390142.htm
  3. ^ Cuore amaro (certificazione), su FIMI. URL consultato il 12 luglio 2021.
  4. ^ Gaia al Festival di Sanremo con Cuore amaro, su Sky TG24, 3 marzo 2021. URL consultato il 3 marzo 2021.
  5. ^ Sanremo Gaia Cuore amaro testo, significato, intervista, album e autori, su All Music Italia, 27 febbraio 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  6. ^ Sanremo 2021, l'ascolto in anteprima dei 26 brani in gara. Ecco le pagelle!, su All Music Italia, 10 febbraio 2021. URL consultato il 5 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2021).
  7. ^ Irama, Fedez e Maneskin. Ecco le pagelle di Sanremo, su iltempo.it. URL consultato il 5 marzo 2021.
  8. ^ Sanremo 2021, le pagelle delle canzoni della seconda serata, su Rolling Stone Italia, 4 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  9. ^ Sanremo 2021, gli ascolti dei brani in anteprima: quanta sorpresa ci sarà?, su Billboard Italia, 10 febbraio 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  10. ^ Classifica settimanale WK 10 (dal 05.03.2021 al 11.03.2021), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 12 marzo 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]