Cuora trifasciata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tartaruga scatola cinese trifasciata
Cuora trifasciata.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Testudines
Famiglia Geoemydidae
Sottofamiglia Geoemydinae
Genere Cuora
Specie C. trifasciata
Nomenclatura binomiale
Cuora trifasciata
(Bell, 1825)
Sinonimi

Ocadia philippeni
McCord & Iversen, 1992 [partim, hybrid]
Sternothaerus trifasciatus
Bell, 1825

La tartaruga scatola cinese trifasciata (Cuora trifasciata Bell, 1825) è una rarissima specie di tartaruga della famiglia dei Geoemididi[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il carapace raggiunge i 200 mm, ha una forma appiattita ed è caratterizzato da tre fasce nere longitudinali che decorrono sulle rispettive carene (una vertebrale e due laterali). Il piastrone è quasi interamente nero, con una bordatura gialla di diverso spessore; gli scuti anali presentano un'intaccatura. La testa, stretta e appuntita, è gialla o verde-oliva superiormente; una banda giallo-arancio è situata nella regione post-orbitale e timpanica; alcune linee nere si dipartono dalle narici, delimitano la banda post-orbitale e si ricongiungono posteriormente; la gola è rosa-arancio. I maschi sono riconoscibili dal margine posteriore del piastrone leggermente dentato e dalla coda relativamente più lunga[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Specie originaria della Cina meridionale (province di Fujian, Guangdong, Guangxi, Hainan, Hong Kong), del Laos e del Vietnam settentrionale. È una testuggine semi-acquatica che si rinviene in foreste e boschi collinari e pre-montani ricchi di torrenti e ruscelli. La distribuzione altitudinale va da 50 a 400 m s.l.m.[3]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È una specie onnivora che si nutre di frutta, invertebrati e piccoli vertebrati acquatici. In cattività si riproduce in primavera, maschi aggressivi e femmine che depongono 2-6 uova, lasciate ad incubare in un nido per quasi tre mesi[3].

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Lo status di questa specie è critico. Le popolazioni naturali sono in forte declino a causa dell'eccessivo prelievo. C. trifasciata è, infatti, ambita dai terraristi e fortemente richiesta per le sue presunte proprietà medicinali. A questo si aggiungono i noti problemi riguardanti il commercio alimentare, l'alterazione e la perdita di habitat[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Asian Turtle Trade Working Group 2016, Cuora trifasciata, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2016.3, IUCN, 2016.
  2. ^ Cuora trifasciata, su The Reptile Database. URL consultato il 2 novembre 2016.
  3. ^ a b c d Cuora trifasciata, su Turtles of the World. URL consultato il 2 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili