Cuneo (neuroanatomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il cuneo è una porzione del cervello umano del lobo occipitale.

Il cuneo (Area 17 di Brodmann) riceve informazioni visive dalla retina superiore controlaterale che rappresenta il campo visivo inferiore. È principalmente conosciuta per il suo coinvolgimento nel processo visivo di base. Le cellule piramidali nel cuneo (corteccia striata) proiettano alle cortecce extra-striate (BA 18, 19). Il processo visivo di medio livello che si verifica nella proiezione extrastriata dei campi del Cuneo sono modulati da effetti extra-retinali, come l'attenzione, la working memory, e l'aspettativa di ricompensa.

In aggiunta al suo ruolo tradizionale come sito per il processo visivo di base, il volume della materia grigia nel cuneo è associata con un miglior controllo inibitorio nei pazienti con depressione bipolare.[1] I giocatori d'azzardo patologici hanno una più alta attività nella via dorsale del processo visivo includendo il cuneo relativo ai controlli.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Haldane M, Cunningham G, Androutsos C, Frangou S, Structural brain correlates of response inhibition in Bipolar Disorder I, in Journal of Psychopharmacology, vol. 22, nº 2, marzo 2008, pp. 138–43, DOI:10.1177/0269881107082955, PMID 18308812.
  2. ^ Crockford DN, Goodyear B, Edwards J, Quickfall J, el-Guebaly N, Cue-induced brain activity in pathological gamblers, in Biological Psychiatry, vol. 58, nº 10, novembre 2005, pp. 787–95, DOI:10.1016/j.biopsych.2005.04.037, PMID 15993856.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]