Cumrun Vafa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cumrun Vafa ad Harvard.

Cumrun Vafa, in persiano کامران وفا (Teheran, 1º agosto 1960), è un fisico iraniano naturalizzato statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato al liceo Alborz di Teheran, nel 1977 si trasferì negli Stati Uniti. Ottenne un B.A. al MIT con altissimi voti nelle materie scientifiche, e un Ph.D. in fisica e matematica alla Princeton University nel 1985, sotto la supervisione di Edward Witten. Subito dopo fu ammesso come Junior Fellow all'Università di Harvard e nel 1989 fu nominato professore di fisica teorica nella stessa università.

Attualmente è Donner Professor of Science ad Harvard. Vive ormai stabilmente negli Stati Uniti, ma mantiene la doppia nazionalità, iraniana e statunitense.

Contributi[modifica | modifica wikitesto]

Cumrun Vafa è noto come uno dei maggiori esperti di teoria delle stringhe. Le sue ricerche riguardano in particolare la gravità quantistica e le relazioni tra la geometria e la teoria quantistica dei campi.

Insieme a Andrew Strominger ha dimostrato che l'entropia di Bekenstein-Hawking dei buchi neri può essere calcolata tramite gli stati solitonici della teoria delle superstringhe. Nel 1997 ha sviluppato la teoria F.[1]

I suoi studi puntano a cercare di capire il significato profondo della dualità S nella teoria delle stringhe e ad applicare la teoria delle superstringhe per risolvere alcune questioni irrisolte della fisica delle particelle, come il problema della gerarchia e quello della costante cosmologica. Ha dato inoltre contributi fondamentali alle teorie topologiche delle stringhe e all'interpretazione della simmetria a specchio.

Nel 2008, insieme a Joseph Polchinski e Juan Maldacena, ha ricevuto il premio Dirac, assegnato dal Centro internazionale di fisica teorica Abdus Salam.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cumrun Vafa (1996), Evidence for F-theory, in "Nuclear Physics B" N. 469, pp. 403-418

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6442702 · ISNI (EN0000 0000 6741 6642 · LCCN (ENn87120461 · GND (DE119382024 · WorldCat Identities (ENn87-120461