Cultura di Malta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una tipica barca maltese detta Luzzu

La cultura di Malta rispecchia le influenze di culture differenti, tra cui l'Italia e il Regno Unito, che governò Malta fino al 1964.

Il folklore maltese, le tradizioni e le leggende sono vive negli anziani e sono attualmente studiate e categorizzate come in ogni altro paese europeo. Il għanja tal-fatt, cioè "il canto del fatto" tipico della musica Għana è un componente importante del folklore locale, tra i quali c'e Ċikku Degiorgio detto Tal Fjuri (Dei fiori) come un esponente particolare. Il cantautore Walter Micallef, col suo sestetto, è attualmente l'artista più noto per il canto in maltese.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua maltese.

L'uso dell'Italiano è diminuito per via dell'influenza inglese e di una politica anti-italiana (anche in conseguenza delle esplicite intenzioni all'annessione del governo fascista), che ha portato l'Inglese ad essere la lingua ufficiale nelle scuole, assieme al maltese, nel 1934. Negli anni venti era fondata Il-Għaqda tal-Malti, da un gruppo di intellettuali per far stabilire e crescere il maltese come la lingua nazionale. Il maltese è l'unico di origine semitica in Europa. In ogni caso la televisione italiana è seguita a Malta, e di conseguenza è compresa e spesso parlata dalla maggior parte dei Maltesi.

L'influenza britannica[modifica | modifica wikitesto]

L'influenza britannica rimane comunque notevole; molti Maltesi seguono assiduamente il campionato di calcio inglese, sebbene molti guardino anche il campionato di calcio italiano. La guida è a sinistra, come nel Regno Unito, e si possono vedere molte automobili inglesi degli anni sessanta e settanta girare per le strade. I vecchi bus maltesi, in realtà ex-bus militari, sono stati utilizzati come servizio pubblico fin dai primi anni cinquanta. I maltesi bevono il tè con latte, come gli inglesi ma anche il caffè. Questo è forse un punto distintivo quando visitano l'Italia. Dopo l'indipendenza stanno ritrovando la loro gastronomia mediterranea, e ritorna con forza l'olio d'oliva invece del burro inglese.

Cattedrale di St.Johns

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Chiesa cattolica a Malta

I Maltesi sono per la stragrande maggioranza Cristiani Cattolici e l'influenza della Chiesa è fortissima: l'eutanasia e l'aborto sono tuttora proibiti per legge. Il Cattolicesimo è la religione di Stato di Malta, ma viene comunque lasciata libertà di culto; si stima che la popolazione sia cattolica al 90%, sebbene solo il 60% pratichi attivamente la religione.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura di Malta.

Nonostante le piccole dimensioni, Malta ha una ricchissima scena letteraria. La prima opera risale al medioevo, ed è una poesia in maltese medioevale scritta da Pietru Caxaro, Xideu ja gireni. Molti intellettuali hanno commentato la poesia tra i quali i Professor Arnold Cassola[1], il Professor Joseph M. Brincat[2] e il romanziere Frans Sammut[3].

Nell'Ottocento vi fu un vero e proprio "rinascimento" letterario con figure come Gian Anton Vassallo (1817-1868)[4] e altri.

Il poeta nazionale di Malta, Carmelo Psaila ("Dun Karm") (1871-1961), scrisse in maltese, inglese, italiano e esperanto. Un bellissimo studio sulla sua poesia è stato scritto dal poeta e romanziere Oliver Friggieri[5] e un altro ancora dal poeta e regista teatrale Mario Azzopardi[6].

Il dopoguerra vide la comparsa del Movimento Risveglio Letterario, con personaggi come Oliver Friggieri (poi divenuto Professore di Maltese all'Università di Malta), Frans Sammut (1945-2011), il "romanziere nazionale", Alfred Sant (poi divenuto Primo Ministro di Malta), Lino Spiteri (poi divenuto Ministro delle Finanze in due governi), e altri ancora.

Oggi la letteratura maltese è dominata da opere in maltese (Alex Vella Gera[7] e Guze' Stagno ad esempio) e alcune in inglese (Francis Ebejer[8] ad esempio). Ci sono pochissime opere in italiano, come le poesie del Giudice J.J. Cremona[9] e l'ebook Il Sindaco di Racalmusci, di Albert Caruana[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Malta Portale Malta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Malta