Cucina argentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Asado o arrosto argentino con diversi ingredienti di carne di vacca, salsicce (chorizos parrilleros), verdura da cuocere, achuras e grosse fette di provoletas.
El asado / L'arrosto, pittura di Ignacio Manzoni (anno 1888), nella quale osserviamo un gaucho che affetta un arrosto, e una ragazza che gli porge un mate.

La cucina argentina è caratterizzata dall'utilizzo prevalente di carne e di farina di frumento.[1] Nel corso del tempo, a seguito dei grandi flussi migratori, ha subito notevoli influenze sia dalla cucina italiana sia dalla cucina spagnola.[1]
La cucina argentina potrebbe essere considerata una variante della cucina mediterranea, se non fosse per il consumo notevole di carne rossa, soprattutto bovina.

Generalmente in Argentina non si mangia carne di cavallo, in quanto è considerato un animale da compagnia.

Una porzione di pizza argentina con fainá, una solita combinazione o combo argentina.

Diversi nomi di alimenti sono di origine italiana o spagnola, benché le loro ricette, a volte inventate o rielaborate in Argentina, hanno tratto il nome dalla approssimativa traduzione spagnola e italiana degli immigrati che le crearono. Notevole influenza ebbe anche la cucina francese; alcuni piatti argentini inventati nel XX secolo possiedono nomi francesizzati.

Gli argentini sono famosi per amare il cibo.[2] Generalmente gli eventi amichevoli consistono in un pasto condiviso. Generalmente gli inviti a cenare in casa simbolizzano amicizia, cordialità ed integrazione. Il pasto familiare più importante della settimana è il pranzo domenicale (chiamato tradizionalmente della famiglia unita) i cui piatti principali includono spesso l'arrosto o la pasta.

Il territorio dell'Argentina è tanto esteso che, mentre certi alimenti possono trovarsi in tutti gli angoli dell'Argentina (asado / arrosto, dolce di latte, empanadas / panzerotti, mate, tallarines, milanese e pizze), ci sono anche alimenti tipici di certe regioni[3] del Paese. Oltre le differenze tra regioni, in Argentina esistono anche differenze tra gli alimenti che si consumano nelle grandi città, influenzate dalle tendenze della globalizzazione, e gli alimenti che si consumano nelle zone rurali più tradizionali. Inoltre, alcune lievi differenze secondo gli strati sociali.

Porzione di tortilla di patate / tortilla de papas alla'argentina,[4] ognuno le fa più o meno cotta, secondo il suo gusto particolare e può aggiungerli ingredienti atipici in Spagna come piccoli pezzi di peperone o grani di veccie o piccoli pezzi di fette di prosciutto ecc.

È molto frequente che i piatti argentini (se non sono dolci, gelati, torte, caramelle o simili) normalmente possiedano abbastanza condimenti, da quelli comuni nell'Europa mediterranea (aglio, cipolla, prezzemolo, basilico, alloro, mentha, sesamo, zafferano, rosmarino, origano, cumino, timo / tomillo, ecc.), a quelli di origine asiatica come il coriandolo / coriandro e il pepe, la cannella /canela o la noce moscata / nuez moscada), e perfino dell'Europa Centrale come la paprica ed alcuni indoamericani come i peperoni chiamati: peperone di Cayenna / pimienta de Cayena, pimentón (Capsicum annuum di gran volume e troppo moderato ardore o piccantezza), ají o morrón rosso, verde o giallo, quitucho e locoto (anche chiamato cumbarí) questi due ultimi di tanta piccantezza tanto ardenti al gusto che sono chiamati in spagnolo putaparió o ají de la mala palabra / peperone della brutta parola.
Ciononostante la gastronomia argentina è di quelle di gusti più europei e, per ende, più soavi. I sapori argentini in quanto a picantezza normalmente sono comunque più prossimi a quelli dell'Europa Mediterranea e Centrale che a quelli restanti dell'America Latina.
Il consumo di sale e di zucchero raffinata era molto elevato fino ad aprocimadamente fini dei 1980 benché sembri essere disceso molto da allora.

Pasti principali[modifica | modifica wikitesto]

Il café con leche ("caffèlatte") accompagnato da un pane fatto con pasta choux. Dietro il c'è il mate

In Argentina, il consumo di cibo è articolato attorno a quattro pasti principali: la colazione, il pranzo, la merenda e la cena.

Colazione[modifica | modifica wikitesto]

Fino agli anni ottanta circa, la colazione, anche detta desayuno o colación, includeva rondelle di pane bianco unte di burro e dolce di latte spolverato con zucchero bianco raffinato; attualmente sembra predominare il mate accompagnato con tortas fritas ("torte fritte") e facturas ("fatture"), ossia dei succhi di frutta.

Pranzo[modifica | modifica wikitesto]

Il pranzo, anche detto almuerzo, viene spesso consumato verso mezzogiorno e normalmente costituisce il pasto principale di ogni giornata. Di domenica assume inoltre un importante significato se fatto in famiglia e spesso i piatti principali includono l'arrosto o la pasta.

Merenda[modifica | modifica wikitesto]

La merenda, anche detta merienda è normalmente un pasto leggero fatto a metà pomeriggio.

Cena[modifica | modifica wikitesto]

La cena normalmente si consuma tra le 20 e le 22 della sera. Normalmente è costituita dagli stessi alimenti del pranzo, benché in minore quantità.

Regioni[modifica | modifica wikitesto]

Empanadas argentine della provincia di Tucumán'.
Macedonia o insalata di frutta argentina.

La vastità del territorio, del suo sviluppo latitudinale e quindi della grande diversità dei climi, inducono a suddividere la cucina argentina in quattro zone gastronomiche: il nordovest e il Cuyo, il nordest, la regione centrale e la regione del sud.[5] Alcuni alimenti possono trovarsi in tutti gli angoli dello Stato, come l'asado ("arrosto"), il dulce de leche, le empanadas, il mate, le tallarines, la milanese e le pizze, ma esistono piatti tipici solo di alcune di queste regioni.

In Argentina, oltre alle differenze regionali, esistono anche differenze tra gli alimenti che si consumano nelle grandi città, influenzate dalle tendenze della globalizzazione, e gli alimenti che si consumano nelle zone rurali più tradizionali. Inoltre sono da citare alcune lievi diversità in base agli strati sociali.

Nordovest e Cuyo[modifica | modifica wikitesto]

Il nordovest è la zona dell'Argentina, dove prevalgono influssi andini precolombiani influenzati comunque dalla gastronomia spagnola, i cui piatti principali sono per esempio le empanadas, i locros,[6] i tamales, il pastel de choclo, gli jesuítas, quesillos ("formaggini"), choclo con queso, chanfaina, il quesillo de cabra con miel ("formaggino di capra con miele") e il dulce de cayote con quesillo de cabra ("dolce di coyote con formaggino di latte di capra").

La vasta regione andina e preandina di Cuyo, comprendente le province di Mendoza, San Juan e San Luis, si caratterizza per la produzione di vini pregiati, olive e mele, assieme a piatti di origine spagnola, come varietà provinciali dei panzerotti e il tomaticán, e i biscotti semite.[7]In questa regione si consumano anche prodotti derivati dalle guaine della carruba bianca come la torta patay[8] e la birra aloja, poi biscotti e alcuni alfajores.

Picada allo stile di Córdoba. Da notare la varietà degli ingredienti

Nordest[modifica | modifica wikitesto]

Nella zona nordest del Paese la cucina è influenzata dalla cultura guaranì, una cucina che fa un grande utilizzo di pesce di fiume, come il surubí, il dorado, il pacù, patí, con la manioca, la papaia e il formaggio. Figurano inoltre piatti tipici come il mbejú e il chupín.[9][1] Nella provincia di Misiones esiste una moderata produzione e consumo di yacaratià, considerato come l'unico albero del mondo con legno commestibile. Nella medesima provincia è molto comune il consumo della caramella del piloncillo ed anche del tipico piatto caburè.

Regione centrale[modifica | modifica wikitesto]

Il Puchero ("bollito") argentino.

La regione centrale è la zona maggiormente influenzata dalla cucina italiana[1] e spagnola, nella quale abbonda lo stile gaucho che fa largo uso di carne, in particolare sotto forma di arrosti.[1] Alcuni piatti tipici comprendono le pernici, i nandù, la vizchaca e le tallarines, molto simili alle tagliatelle.

Filet de merluza a la romana con papas fritas ("filetto di merluzzo alla romana con patatine").

La regione Sud[modifica | modifica wikitesto]

In Patagonia vengono consumati sia frutti di mare, sia pesce. In particolare, lungo le coste si mangiano prevalentemente pesci di mare, mentre all'interno quelli di fiume, come la trota, la corvina, i salmoni e i rovali. Tra i crostacei si trovano i gamberetti, le granseole e molluschi, come i calamari, le potas e i polpi patagonici,[10] il cholga e i mejillones. A seguito della forte presenza di immigrati tedeschi, si consumano anche marmellate e molti dolci come quelli con il calafato, la rosa moschetta, la ciliegia, il sambuco, il cassis e le fragole.[11]

La coltivazione delle mele nella valle del Río Negro venne iniziata dai gesuiti nel XVII secolo grazie a Nicolò Mascardi.[1]

Piatti tipici[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni piatti tipici della cucina argentina sono:

  • L'asado, è l'alimento gaucho per eccellenza.[12][13] Si tratta di uno speciale arrosto alla brace, cucinato in quattro classiche modalità argentine, tutti cotti alla brace: la parrilla o parrillada / alla busta griglia, quello en cruz / "in croce" o allo spiedo e al chulengo nelle steppe molto ventose della regione patagonica normalmente si fanno gli arrosti dentro un chulengo (cioè dentro un serbatoio di metallo con un camino che ricorda al cucciolo di un guanaco o chulengo / ciulengo[14], si denomina attualmente anche chulengo a un grill o griglia casalingo per fare arrosti benché questi siano di vegetali). Altre versioni meno conosciute dell'arrosto argentino sono gli arrosti nei quali la carne viene cotta sulla brace, in un pozzo scavato nella terra, o in un forno di mattoni crudi: in questo caso i tagli di carne vengono cucinati molto lentamente, per una durata di almeno due ore a fuoco "lento" o moderato.[15][16][17][18] L'arrosto argentino include, non solo specifici tagli di carne come quello chiamato vacío, la tira de asado o il costillar e meno frequentemente i tagli chiamati: entraña, colita de cuadril, bife ancho o bistecca larga, ojo de bife o occhio di bistecca[19] ed eminence de lomo, bensì interiora ed organi o achuras come gli chinchulines o intestini, molleja (truffa) ed animella, creadilla (testicoli), ubre (mammella), chorizos specie di salsicce, morcillas (sanguinacci), chorizos bombón / salsicce cioccolatino (salsicce di forma piccola arrotondata), salchicha criolla / salsiccia creola, ed entrañas ecc. e più modernamente vegetali come gli zapallos asados (Cucurbita arrosti) ed altre specie vegetali che possono essere cucinate alla griglia o alla brace.[20] La carne arrostita una volta cucinata normalmente è condita con la salsa verde chiamata chimichurri.[21]

Meno frequente ma molto apprezzato è il asado a la espada / arrosto alla spada,[22] che sembra un grosso spiedino o brochette. È anche tipico il pollo al espiedo / pollo allo spiedo che si dora o "rosola" facendolo cuocere senza piume sulle fiamme.[23][24] Nella maggior parte della popolazione argentina è tradizionale mangiare el asado de los domingos / "l'arrosto delle domeniche" alternato con la raviolada/raviolata o la tallarinada/tagliatellata delle domeniche, alternati per ogni settimana o come siano giorni caldi, nei che si preferisce all'arrosto, o giorni freddi, nei che si preferiscono le pastasciutte in ravioladas e tallarinadas.

Vermicelli con la salsa di pomodoro chiamata tuco
Tipico mazamorra con latte argentino / Típica mazamorra con leche argentina. L'etimologia di mazamorra sembra derivare dalla parola composta greca παξαμάδιον : biscottino e pandispagna, e μάζα/ mâza: massa, nell Nord dell'Argentina normalmente si mangia con miele.
  • pane[25][26]: in Argentina quasi sempre, fino ad oggi, la cosa più comune è consumare pane in cassetta ("miga") a pasta bianca fatto quasi sempre con farina di grano raffinata, il pane più tradizionale è il pan casero (pane fatto in casa o casalingo) cotto in forni di mattone crudo a forma di cupola[27][28] il pane casero argentino è molto simile al pane napoletano, tuttavia dal secolo XX è comune in Argentina consumare il pane chiamato pan francés o "pane francese" (da non confondere con la baguette che è anche molto consumata nelle principali città argentine). In Argentina per fare il pane, e pizze, e le paste normalmente si usa farina di frumento o grano chiamata 000 o tre zeri, e per elaborare le facturas / fatture farina 0000, quattro zeri).[29]
Provoletas o provolas.
  • provoleta, un tipo di formaggio argentino derivato dal provolone italiano che si mangia a fette tostate e speziate. È molto frequente che la provoleta sia consumata vicina agli asados o arrosti;[30][31][32]
  • tallarines e altre pastasciutte, i tallarines sono simili alle tagliatelle, ma i tallarines sono, più precisamente, una varietà dei piemontesi tagliolini o tajarin, anche le tagliatelle più consumate in Argentina sono gli tallarines che si caratterizzano per possedere una larghezza intermedia tra quella dei (anche molto consumati nell'Argentina) fettuccine e spaghetti, sebbene a seconda della larghezza spesso comunemente solitamente siano chiamati "tallarines" o "cintitas" vale a dire "fettuccine". Quasi sempre le paste in Argentina sono cucinate fino al punto di cottura tipicamente italiano chiamato al dente e dopo vengono condite nella salsa per far sì che assorbano bene il condimento. Le pastasciutte argentine sebbene siano direttamente di origine italiana sono di solito preparate e consumate in modo diverso dal modo italiano, modo chiamato in cocoliche all'uso nostro.[33] Tagliatelle alla parigienne ( tallarines a la parisien) che sono impregnati di una specie argentina di salsa bianca o salsa blanca, eccetto il nome niente hanno a che vedere con Parigi eccetto che sono accompagnati da una specie di salsa besciamella.[34][35][36] A metà del secolo XX lo chef argentino conosciuto con il soprannome di Gato Dumas (Gatto Dumas) inventò gli spaghetti e le tagliatelle nere tinte con inchiostro di calamaro patagónico. Benché si consumino anche in Italia, in Argentina è molto frequente il consumo di i verdi o pastaciutte di colore verde perché sono impastate con spinacio ed o per spirulina (In ogni caso "i verdi" argentini si distinguono degli italiani per la sua preparazione:[37][38] uso di salse come il tuco o la salsa parisién ed essere spolverati con formaggio reggianito). Si consumano anche le pastasciutte rosse (fideos rojos, tallarines rojos) basate in una massa con peperone rosso (ají morrón) e / o con barbabietola.[39][40], sono anche molto comuni gli caratteristici supervermicelli stilo Pippo[41]con diametro di 3 mm e 1 metro di lunghezza, gli fusilli ("fusiles" o "tirabuzones"), gli bucatini o foratti o foratini e farfalle ("mariposas" o moñitos) e penne rigate ("mostacholes"). In Argentina tutti i piatti di pastasciutte con sugo (tuco e altre salse) di pomodoro sono accompagnati da pane bianco per mangiare con tale pane la salsa, questo è chiamato tochar (tocciare, "fare la scarpetta"). Le pastasciutte preferite in Argentina sono quelle realizzate con grano bianco o trigo candeal (: Triticum durum) e sono più preferiti quelli fatti come pasta all'uovo.
Tallarines al salmone in la bianca ed argentina salsa parisien.
Ravioles / ravioli serviti con tuco e albóndigas prima di essere spolverati con formaggio grattato di tipo reggianito.
  • ravioles e pansoti, pansòti, i ravioli/ravioles argentini sono quasi sempre preparati "all'uso nostro" di forma quadrata e con la salsa tuco mischiata con salsa besciamella, i ripieni più popolari dei ravioles argentini sono quelli di carne di vacca, quelli di ricotta con noci sminuzzate ed i ripieni di verdure (principalmente lo spinacio), sono sempre spolverati con formaggio grattato, reggianito argentino, se non parmigiano/parmezano, entrambi grattugiati. Altre paste fresche ripiene molto consumate al'uso nostro in Argentina sono i canelones, gli tortellini/tarteletis,[42] i sorrentinos (reinventati a Mar del Plata) o i añolotis ed i cappelletti / capeletis.
  • lasaña, la lasagna più tipica dell'Argentina è fatta al forno insieme a tuco ed a volte alla salsa besciamella, ripiena di prosciutto, formaggi, noci sminuzzate ecc.
Ñoquis / gnocchi con salsa di pomodoro ( tuco semplice senza carne stufata) ancora senza essere spolverati col formaggio grattato argentino di tipo reggianito.
  • ñoquis, gli gnocchi argentini sono realizzati con vari ingredienti: purè di patate, semola, amido di mais (Maizena), ricotta, e persino pasta di gamberetti, sono solitamente consumati immersi nella salsa di pomodoro chiamata tuco e cosparsa di formaggio reggianito argentino grattugiato. In Argentina gli gnocchi che non sono di papas (patate) , ma di farina di mais sono o specialmente se sono impastati col chiamato semolin (o semolín di grano bianco: prodotto granuloso di volume intermedio tra la semola fina e la farina di grano ottenuto per la rottura industriale del Triticum durum, libero di sostanze strane e residui) sono chiamati ñoquis a la romana / "gnocchi alla romana". Mentre i gnocchi alla gauchito / ñoquis a la gauchito sono quelli che si caratterizzano per una salsa nella quale in olio di oliva si soffriggono determinate quantità di aglio, basilico, cipolla, un pizzico di bicarbonato di sodio, e purè di pomodoro, dopo di mettere questi gnocchi in acqua bollendo e ritirarli della stessa quando galleggiano già è lasciato loro assorbire reposadamente alcuni minuti nella salsa. I gnocchi alla gauchito furono fatti famosi in quello ristorante o restó di Pepe Fechoria.[43] In Argentina esistono, benché meno consumate dei tradizionali di patata o quelli di semolino o semolín, gli gnocchi di ricotta, di zapallo, ecc. In Argentina ad ogni gnocchi gli sono fatti quasi sempre scanalature che lo profilano. D'altra parte gli gnocchi sono particolarmente consumati durante un rito popolare ogni giorni 29 di ogni mese dell'anno per attirare la buona fortuna.[44][45][46]
  • pizza,[47] le pizze argentine derivano della pizza napoletana[48] benché abbiano avuto anche influenze di origine spagnola[49] e più modernamente, alcune, come le pizze di palmito o di ananas si basano su frutti tipici del nord del Paese. Tradizionalmente una pizza grande circolare si divide in otto porzioni / porciones triangolari, ma dietro il 2001 alcuni pizzerie partono la pizza in 10 porzioni per ottenere maggiore reddito; la cosa certa è che la pizza circolare in Argentina si fraziona quasi sempre in otto porzioni. Altre varianti di pizze argentine sono le pizza completa e la pizza especial / pizza speciale (La pizza completa argentina ricorda la pizza napoletana, ma, durante la sua preparazione, con l'aggiunta di formaggio ["musarela" o "fresco"], salsa di pomodoro, prosciutto, fette di peperone o ají morrón, olive[50][51][52][53][54], filetti di acciughe in salamoia e perfino, soprattutto l'insieme della pizza completa, uovo e tutto ciò all'oreganato cioè condita con origano), pizza a la piedra (pizza alla pietra), pizza al molde[55], pizza rellena (pizza farcita), pizza de cancha (o pizza canchera / pizza canciera o pizza di palestra),[56] la pizza por metro (simile ma non uguale a la pizza al metro), la pizza a la parrilla (pizza alla griglia)[57][58], la pizza a la media masa (pizza alla mezza massa), la pizzaiola (il nome argentino può confondere poiché la pizzaiola argentina si caratterizza per non avere carni ergo non avere fette di prosciutto], è una specie di pizza guarnita con rondelle di cipolla e salsa di pomodoro) e la hamburpizza,[59] anche la chiamata pizza calabresa o pizza a la calabresa / pizza calabrese (che benché sia un'invenzione argentina si differenzia dalle altre pizze argentine per usare fette di salame o longaniza),[60] per altra parte nelle pizzerie argentine è molto comune mangiare la combinazione o combo chiamato " moscato (un vino bianco dolce), pizza e fainá" essendo la fainá (il nome fainá è una leggera modificazione del ligure fainâ) una farinata alla spagnola realizzata con farina di ceci (harina de garbanzos). Con salsa golf si realizza anche la pizza ovviamente chiamata pizza con palmetti e salsa golf.[61][62] Con centro di diffusione nel Nordest argentino (Specialmente nella Provincia di Misiones) è anche tipica la pizza di manioca.[63][64] La pizza di farina di erba mate.[65] La pizza arrotolata o pizza attorcigliata.[66] E perfino la 'pizza in cono' o conopizza è una pizza cui massa forma un cono simile al cartoccio ("cucurucho") di un gelato italiano.[67][68][69] Per chi soffrono di celiachia nell'Argentina esistono pizze la cui massa è realizzata con miglio. Nelle pizzerie argentine è molto comune il consumo di pizze complete circolare ma piccole per consumo di ogni convitato/a, tali piccole pizze circolari sono chiamate pizzetas / pizzette.[70] Per le pizze vegane si stanno diffondendo imitazioni della mozzarella chiamate paparelle o paparelas.[71]
Empanadas salteñas.
  • dulce de leche ciòè: dolce di latte, è un tipo di crema, utilizzata per dolci o da mangiare spalmata su pane, su biscotti o al cucchiaio, con dolce di latte nella'Argentina incluso si fanno liquori, il dolce de latte / dulce de leche è il preferito per fa due secoli dalla stragrande maggioranza degli argentini; ad esempio: il dolce di latte si usa per riempire facturas/ fatture, crespelle, alcuni piononi, alcune empanadas, cioccolatini, fare -accanto alla meringa italiana -la torta rogel[72] o per fare, perfino liquore di dolce di latte.[73] Il dolce di latte argentino si classifica in tre versioni principali, il morbido criollo / creolo che è il più comune, il pastelero / pasticciere che è qualcosa più spesso e meno fluido dell'anteriore ed il ligero / leggero o con poco zucchero.
  • bistecca e churrasco o bife, tipica bistecca grossa con (cotoletta/ costeleta) o senza l'osso. Il bife o filetto alla griglia tipico si impadronisce del taglio di carne bovino chiamato bife de chorizo (molto simile al scamone ) e churrasco de cuadril, se lo è tirato fuori l'osso o costeleta (coteletta) se si mantiene qualcosa di osso; i bifes o bistecche argentine di solito hanno spessore di circa 2 cm e sono cotti lentamente vuelta y vuelta (

in tondo) in una decina di minuti.[74] La denominazione argentina "bife" come l'italiana "bistecca" deriva dalla parola inglese beefsteak benché in Argentina da prima del suo indipendencia nell'anno 1810 si mangiassero bifes chiamati churrascos o filetti alla griglia, benché dopo il taglio di bife rimanesse riservato ad un filetto cucinato alla padella grossa o piastra di cottura chiamato "a la plancha" / " alla piastra" ) le churrascos o bifes o in Córdoba entrecotes (si sono sensa oso) o costeleta (cottoleta) si sono con oso e in Buenos Aires "bife de chorizo"[75](quasi sempre a base di carne di vacca e in molto minore misura di carne di maiale (o "chancho"), agnello e capretto (chivito) sono di solito accompagnate con insalate di lattuga, pomodoro e cipolla a fette e uova sode di gallina tutto questo condimetato con olio vegetale (di oliva o miscela) e aceto ed anche aceto balsamico.[76][77] Nei boliches argentini è molto comune ingerire "bifes a caballo/ bistecca a cavallo", chiamati così perché il filetto di carne è montato per un uovo fritto.

Tipica milanesa con spicchi di limone, in Argentina comunemente le milanese si consumano con patatine e due uova fritte o in panini.
Milanesas a caballo / milanese a cavallo. In questo caso la milanese a cavallo è accompagnata con una porzione di patatine, cioè: una milanesa completa / milanese completo.

[78]

  • milanesa completa o completa e la milanesa soufflé; la milanesa (sebbene in Argentina ha prevalso una variante di origine siciliana: la cotoletta alla messinese) completa è un classico delle "minutas" (menù tipico delle " rotiserías" [o stabilimenti di quartiere dove i pasti vengono venduti già cotti] argentine, vicino alla lengua a la vinagreta o lingua al pinzimonio,[79] el churrasco completo ecc) che si serve in ogni boliche o bodegón o restó (il significato originale di boliche è "birillo"[80], ma il suo significato attuale è quasi sempre quello di: mensa, taverna ed anche trattoria, mentre restó è un'abbreviazione di ristorante); la carne per le milanese normalmente è rammollita con latte e senape; la milanesa completa consta di una bistecca quasi sempre di 4 millimetri di spessore (in Argentina si chiama bife) impanata con pane grattugiato, fritta in olio o cotta al forno, accompagnata da una guarnizione di patate fritte ed un paio di uova fritte, la milanese è condita col succo di alcune gocce di limone (Attualmente [anno 2017] la Provincia di Tucuman è il principale produttore mondiale di limoni), solitamente le milanese argentine sonno impanate di pane grattugiato e uovo sbatutto con prezzemolo; benché siano anche frequenti le milanese soufflé ricoperte di due cappe di pane grattugiato con uovo sbattuto, prezzemolo, formaggio reggianito argentino, senape (salsa), spezie come la noce moscada ecc.[81]. Per fare milanese in Argentina si sono preferiti le seguenti tagli di carne bovina: "bola de lomo", "nalga" (natica), "pesceto" o "peceto" e "cuadrada".[18] Altre milanesas / milanese: "milanesa suiza": coperta con salsa bianca alla che si potrà aggiungere formaggio grattugiato reggianito, pepe e peperoncino. "Pizzanesa" o milanese-fugazzeta: coperta con mozzarella e cipolla; alcuni ristoranti l'offrono con cipolle caramellate. E anche le milanese di mondongo[82]. Per altra parte le milanese preparate con carne di pollo normalmente sono d'altra parte chiamate supremas ("supreme") per esempio con il trabocco previamente di uovo sbattuto con formaggio crema e formaggio reggianito grattato. Sebbene da inizi del presente secolo XXI si vanno generalizzando milanese / milanesas vegetariane come quelle di soia (o soja), di seitan, e quelle di fette di melanzane o le milanese di riso.[83]
  • milanesa a la napolitana, piatto inventato in Argentina, in modo elementare si può dire che la milanesa alla napoletana è un'invenzione argentina nella quale una cotoletta alla milanese o milanesa è coperta con formaggio tipo mozzarella, fette di prosciutto e salsa di pomodoro ed infornata come se fosse una pizza (di solito è accompagnata con una piccola porzione di patatine, anche è spesso decorata con le olive nere, una variante include un formaggio tipo roquefort sotto il tipo mozzarella).[84][85][86]
Panino di milanesa tucumano.
  • sándwich de milanesa / panino di milanese o "milanga", panino realizzato con una milanesa, foglie di lattuga, rondelle di pomodoro ecc. tra due fette di un pane bianco (con la sua crosta) chiamato pan francés ("pane francese"), può essere completato o meno da vari tipi di salse, frequentemente la parte superiore di questo panino ha un'oliva tipo Arauco inchiodata con uno stuzzicadenti. Anche ed altre sono le milanese con fette di panceta e formaggio tipo cheddar. Le milangas più famose sono quelle della Provincia di Tucumán.[87]
  • ensaladas / insalate: In Argentina molto spesso è accompagnare le bistecche, arrosti e altri piatti a base di insalate; gli ingredienti principali di queste insalate sono lattuga, patate bollite, uova sode, pomodori a fette, tutto peferibilmente condite con olio (olio d'oliva, anche si preferisce mescolare l'olio di oliva con l'olio di girasole perché il girasole produce molta antiossidante vitamina E ed è prodotto eccellentemente in La Pampa Umida tra i quasi 800 chilometri di distanza di coltivazione tra le città di Buenos Aires e la di Córdoba Argentina.), e aceto di vino o vinagre anche se la varietà è abbondante e spesso aggiungere bietole, broccoli, rucola, basilico, cicoria, rondelle di cetriolo ecc. Una varietà di insalata che è quasi dessert è l'insalata russa che gli spagnoli introdussero a quanto pare dalla Russia.
Insalata russa argentina / Ensalada rusa argentina (Semplice, senza la coperta di arredamento a base di maionese ed olive).
  • insalata rusa argentina: Diverse varianti della "insalata russa" furono introdotte in Argentina durante le ultime decadi del secolo XIX, grazie all'immigrazione proveniente dell'Impero Russo. Col decorso del tempo, data la sua facilità di realizzazione e la cosa comune dei suoi ingredienti, la variante tradizionale dei tedeschi del Volga che arrivarono dalla Russia, si imporsi su altre, tra esse, quelle del paese ebreo russo e quella degli cristiani ortodossi. La stessa consiste in veccie, cubetti di papi (patate) lessi, carote lesse e, supra tutto: mayonesa (preferibilmente emulsionata con olio d'oliva e olive), e in occasioni con l'aggiunto di carne di pollo anche lessa (la carne di pollo e le olive sono opzionali). A questo piatto al quale gli è attribuito un'origine russa, benché apporti molte calorie, nei suoi ingredienti è tipicamente mediterraneo e la sua qualità mediterranea sta esaltata nelle sue ricette argentine.
  • scaloppa escalope rosolata con farina di frumento le scaloppa o escalopes in certe zone dell'Argentina stando qualcosa marinati sono anche chiamati al modo spagnolo: lampreados.[88]
  • puchero (pr. in it: pucciero) un bollito misto preparato con diversi tipi di carne (specialmente il taglio chiamato ossobuco del quale egli molto apprezzato è il suo midollo bollito chiamato in spagnolo argentino caracú), patate, batate, choclo o mais tenero, zucche, cipolle, cippolette (cebollas de verdeo), carote, cavoli, se i commensali sono abbastanza il puchero argentino include anche: chorizo criollo o colorado, cavolo cappuccio, ceci, porotos, uova sode o uova mollet, pancetta o tocino / tosino ecc., a seconda della regione, di prolungato bollore che sule superare i 30 minuti, i pucheros o bolliti argentinos normalmente si cominciano bollendo la carne di vacca ed ai 20 minuti le patate ed alla fine le veccie, quindi quando si servono nel piatto sono conditi con olio, specialmente olio di oliva, ed aceto, specialmente aceto di uva.
  • polenta[89]:in Argentina la polenta è un piatto ampiamente consumato in inverno, di solito è fatto con farina di mais finissima e spesso nella sua massa sono inserite pezzi di formaggi freschi e sono immerse in la salsa chiamata tuco e cosparse di formaggio reggianito,[90][91] consumato in misura minore così come in Lombardia anche se face la polenta chiamata tigraña o taraña (taragna, benché originata nella polenta taragna dell'Alta Lombardia, la tigraña, ed in parte di lì l'etimologia, di tigre , in Argentina, possiede venature o strati contrastati tra il giallo ed il marrone oscuro. ), con o sensa pomodoro che è una miscela di polenta con burro fritto di latte vaccino; altrimenti esistono in Argentina molte altre versioni di polenta. In Argentina, la massa di polenta dopo la rimozione di cottura ha una tale consistenza che è divisa in porzioni per ogni persona con un filo.[92][93][94]
  • "albóndigas" o "almóndigas" (polpette di manzo cotto): in Argentina sono di solito servite in due modi assai diversi: bollite accompagnate di patate sbucciate e lesse con immersione in una specie di salsa ad hoc (tale salsa normalmente contiene aglio punto, cipolle, prezzemolo, basilico ecc.) o, in altro modo, fritte in un forno con un trabocco di pane grattugiato.[95]
  • empanadas[96] (specie di calzoni cotti al forno o fritti, le empanadas argentine sono derivate dalle empanadillas spagnole inventate in Andalusia, ogni provincia dell'Argentina ha la sua versione con la sua ricetta tipica, le cui due più celebri sono quelle della Provincia di Tucumán caratterizzate per il suo ripieno di carne tagliata e riempio chiamato grasa de pella grasso di massa o grasa di matambre, e quelle della Provincia di Salta). I panzerotti argentini o empanadas possono avere vari ripieni o "recados" molto differenti tra loro, i più frequenti sono quelli di carne punto di vacca, carne tagliata di vacca e carne tagliata di pollo, la pasta di mais molle (choclo) ribollita chiamata humita ed un'oliva; la Provincia argentina di Côrdoba ha inoltre nei suoi ripieni pezzi di patata (papa) lessa ed uvette, o, per Settimana santa le empanadas de vigilia(empanadas o panzerotti di veglia) ripiene di pesce, specialmente di tonno. Ha apprezzamento speciale per le empanadas succose con riempimento di cipolla trittata che hanno nel suo recado o ripieno molta cipolla triturata o se non molta cipolla d'inverno (cebolla de verdeo /cipolla d'inverdisco = cipollette). Dalla seconda metà del secolo XX sono diventati comuni altri ripieni o recados come il prosciutto cotto con formaggio, le empanade o calzoni argentini normalmente hanno quasi sempre nel loro ripieno olive e fette di cipolla e sono condite con peperoni o pimienta e cumino, in questi panzerotti o empanadas normalmente si riconoscono i suoi recados o ripieni secondo la treccia con cui si chiudono che è chiamata in Argentina repulgue o simba.[97][98][99] Oltre ai tradizionali, con ricette di più di due secoli fa, attualmente si preparano i panzerotti gourmet , in zone come Las Cañitas, ripiene con formaggio e basilico, pollo al champignon e prosciutto con formaggio tipo roquefort ecc.[100]
  • empanadillas questi panzerotti sono impanati fritte ripiene con dolci come il dolce di patata americano (dolce di batata), il dolce di cayote, la cotognata o il dolce di latte. Sono tipichi del Nord dell'Argentina.
  • Oltre ai tipici panzerotti (empanadas) argentini con origini spagnole sono anche ingerite da più di un secolo le sfihe o esfijas (nel nordovest del Paese) o fatay (a Buenos Aires) o "empanadas árabes" benché principalmente provengano dalla Sicilia. I panzerotti "arabi" argentine sono quasi (sono quasi completamente chiuse sebbene aperte nel suo centro superiore e di forma triangolare appianate o molto piatte e riempi principalmente con molta cipolla e carne punto ed alcune gocce di succo di limone).[101][102]
  • buseca: la buseca argentina è una variante della busecca lombarda anche chiamata trippa alla milanese[103][104], in Argentina si consuma soprattutto durante l'inverno; la buseca argentina è uno stufato a base di carne, le leguminose chiamate porotos, pomodori e viscere come il mondongo o trippa (cioè la sezione bianca "spugnosa" dello stomacco della vacca o altro ruminante o rumiante, per la buseca tagliata in pezzi di approssimativamente un pollice di misura di larghezza e lunghezza e dopo lessi con gli altri ingredienti bollendoli bene condimentati) , si mangia con abbastanza brodo.[105]
  • mondongo: questo piatto molto simile alla busecca deriva dal callo a la madrileña spagnolo cioè uno stufato a base di pezzi di pancia spugnosa di un ruminante lesso vicino a piselli, rondelle /fette di chorizo/salsicce (specialmente la chiamata candelaria), pezzi di patata, ceci, pomodori, Capsicum annuum chiamato ñora in Spagna e pimentón in Argentina, veccie ecc. Nel mondongo la parte preferita è precisamente la sezione callosa della pancia dell ruminante chiamata in spagnolo: callo.[106][107]
Piato di risotto all'argentina.
  • risotto i risotos (risotti) sono una delle preparazioni argentine più frequenti; originate in Italia basate sul riso, in Argentina hanno alcuni influssi della paella spagnola. Dello stesso modo sono molto frequenti gli stufati di riso lessi con uova, speziati e spolverati con formaggio reggianito grattugiato. L'influsso spagnolo più notevole normalmente è l'aggiunto di zafferano, benché quasi allo stesso modo, in Argentina si sostituisce al caro zafferano spagnolo per un condimento basato in curcuma, ed arricchito con un condimento o adobo o o aliño basato in un miscuglio di olio di oliva, cumino, pimentón, cipolla, sedano, fieno greco, coriandolo, noce moscata, aglio e tomillo o timo[108], per esempio tipico della Provincia di Chaco è il risotto di pacú; varietà singolari di risotti / risottos argentini sono le preparate con l'accompagnamento di carciofo / alcaucil.[109] Per preparare i risotti le migliori varietà di riso sono le ricche in amido, come per esempio le specie chiamate carnaroli o l'arborio, il glutinoso (o glutinous)[110], nel suo difetto, il riso 00000.[111]
  • tortillas (specie di frittate), in Argentina esiste una varietà creola molto consumata della chiamata tortilla di patate (in spagnolo argentino: tortilla de papas)[112] di una modalità simile (saltate in padella o altrimenti al forno) è comune la preparazione e il consumo della frittata d'spinacci/ tortilla de espinaca e della frittata di bietola o tortilla de acelga.[113][114]
  • patate fritte o patatine: benché i patate fritte decadi fa sono un alimento globale originato in Olanda e divulgato da Francia ed Inghilterra, in Argentina esiste una varietà tipica di patatine chiamate col gallicismo papas soufflé: per preparare queste patatine, argentine a dispetto del suo nome francese, si sbucciano e tagliano in rondelle di 4 millimetri di spessi le patate, dopo se li immerge 12 ore in acqua fredda affinché stacchino l'amido, quindi se li asciuga molto bene e glieli frigge cinque minuti in olio di semi di girasole a 110 °C (fino a riuscire una tenue doratura) quindi le patate sono sgocciolate e tornano ad essere friggute a 220 °C fino a che si gonfino.[115][116]. In Argentina le patate tagliate all'inglese cioè in forme circolari furono lasciate per accompagnare piatti al forno ; mentre le patatine in bastoni o alla francese normalmente accompagnano ai bistecche milanese o milanesas, a le scaloppine o scaloppa ed ai globalizati hamburguer / hamburguesas.
Un guiso / stufato finito di fare.
Uno stufato o guiso fatto con molti degli ingredienti di un locro anche non preparato come vero locro.
  • guisos[117]stufati. Gli guisos o stufati argentini normalmente evidenziano visibilmente ed al piaccio pastasciutte di tipo pasta breve. Tali stufati si fanno e si consumano principalmente nei giorni freddi o nelle zone fredde. La parola guiso si impiegava nel castigliano di principi del secolo XVIII come tipo di cottura per apparire nel Diccionario de autoridades / Dizionario di autorità (edito tra gli anni 1726 e 1739) definita come "La vivanda composta e condita con brodo, spezie ed altre cose, a differenza dell'arrosto o il fritto." / «La vianda compuesta y aderezada con caldo, especias y otras cosas, a diferencia del asado o el frito.». Gli guisos / stufati argentini sono una sintesi di origine spagnolo ed italiano, si realizzano quasi sempre con le pastasciutte chiamate fideos guiseros o pasta breve come li codos o gomiti, fusilli ("fusiles" o "tirabuzones") , farfalle ("mariposas" o moñitos) , penne rigate ("mostacholes"), macarrones / maccheroni, caracolitos / treccine, dedalitos o anelletti ecc, la cosa preferita è fare gli stufati con pastasciutte semolate / semoladas poiché fanno spessi agli stufati.[118][119] Per questi stufati esistono molte variabili di una ricetta fondamentale che, oltre ad acqua dolce nella quale si bollono gli ingredienti più di 20 minuti, include pezzi di papas / patate , di zapallo o cucurbita e carota, pomodoro, cipolle, aglio, spezie, carne, salsicce / chorizos, peperone, batata, perfino, molte volte, qualcosa di riso e veccie ecc . Una delle varietà più antiche di stufato argentino è la chiamata cucino carrettiere / guiso carrero.[120]
  • estofados: in Argentina esiste anche il piatto chiamato estofado / stufato, che si differenzia dagli altri stufati per avere una prevalencia visibile di carne rossa come il taglio chiamato colita de cuadril ed o di uccelli tra i suoi componenti, per essempio, molte volte allo stufato chiamato estofado quando li sono aggregate un'importante quantità di pomodori fatti purè e spezie se lo trasforma o torna essere in una salsa chiamata tuco utilizzata per condire ed assorbire le paste.[121]
  • croquetas: sono varietà argentine della crocchetta, per questo porzione di massa fatta con un trito di diversi ingredienti che legati con besciamella, si impanano in uovo e pane grattugiato e si friggono in olio abbondante. Le croquetas più comuni dell'Argentina sono quelle che hanno nel suo componente riso, seguite per le che hanno pollo e tonno. Normalmente hanno forma rotonda od ovale.[122]
  • torreja: le torrejas argentine derivano dalla torrija della Cantabria (Spagna) benché presentino diverse varietà creole.[123][124]
Dulce de leche / Dolce di latte, è un dolce molto popolare in Argentina utilizzato per riempire torte, panqueques (pancakes alla'argentina), cioccolatini, e frittelle, o consumato sul pane tostato, e come un gusto di gelato.
  • tortilla a la francesa / tortilla alla francese: l'omelette è un piatto semplice invalso da più di un secolo in Argentina dove si prepara all'uso nostro o creolo: con un miscuglio bene frullato di uova sbattute e qualcosa di latte e spezie dopo di realizzata la frittura lo è aggiunto formaggio fresco, fette di prosciutto (prosciutto crudo e prosciutto cotto) ecc, piccoli pezzi di cipolla o di cippolette e di aglio e più raramente con altri ingredienti come il cornalito, le acciughe sotto sale, fette di champignon ecc. fino a fare un raggomitolato.[125][126]
  • tortitas fritas, piccole torte fritte, sono semplici biscotti di farina di grano mescolati con uovo e fritti in poco tempo per questo sono di forma circolare croccante e di colore giallo quasi dorato ognune di circa 2 a 3 cm di diametro e di pochi millimetri di larghezza, normalmente accompagnano alla colazione chiamata mate, nel NEA (Nordest argentino) esistono varietà como le chiamate reviro e bori bori,[127] e nella Patagonia Argentina le sopaipillas ed nell Cuyo le semitas, variante: la grossa torta parrilla (torta griglia) di la Provincia di Chaco.[128]
Pastel de papa / pastello di patata, in fase di preparazione.
Pastel de papa / pastello di patata, appena uscito del forno.
  • pastel de papa (pastello di patate, non si deve confonderlo con la tortilla di papas o fritata di patate), si tratta di una specie di torta, o in altri casi panzerotti, realizzata con una coperta di purè di patata mischiata con uovo, e riempi con carne, o con ripieni vegetariani, e spezie e formaggio, si fanno al forno, esistono tre tipi tipici: il tucumano che somiglia panzerotti circolare nell cui la coperta è il purè di patata, il bonaerense che è rettangolare e il pampeano che suolo ha la coperta di purè di patate nella sua parte superiore coperta con uovo, tutti si fanno al forno, fino a che la coperta di purè stia già "dorata" ed il suo ripieno ben cucinato senza essere bruciati.[129][130]
  • chipá un pane fatto con farina di manioca e formaggio;
  • torrone/ turrón: oltre al Nucrem ed il Mantecol sono molto consumati durante Natale i torroni di origine italiana e spagnola come quello di mandorle o quello di castagne ecc.;
  • mantecol: è una specie di torrone a partire dal halva greco, originariamente realizzato per una famiglia di origine greca (gli Georgalos) e fatto principalmente con pasta di arachide o maní.[131]
  • Nucrem: il Nucrem è un'altra specie di torrone derivata del mantecol, si caratterizza per essere con una pasta ben battuta di burro di arachidi ed acqua di rose di massa per niente crassa, più quella classica tessitura fibrosa e mescolata tra i croccanti fili di caramella e la soave pasta di arachide, e che ha un aspetto marmolato ed essere libero di grasso trans e per l'alta qualità dei suoi ingredienti e preparazione, per esempio, invece di zucchero o dolcificanti artificiali è addolcito con miele, è prodotto principalmente nella città di Río Tercero Provincia di Córdoba (Argentina).[132]
  • Bon o bon: è un marchio registrato di cioccolatino argentino coperto di cioccolato e di forma rotonda, il ripieno è una pasta di arachidi (o, in spagnolo argentino maní) che ricorda l'originale del Mantecol o la corrente Nucrem, il bon o bon è prodotto per il consumo interno e internazionale nella Provincia di Córdoba, che anche se ha un clima temperato, è uno dei principali territori produttori di arachidi.[133]
Il Pan dulce o Panettone, dolce natalizio per antonomasia argentino oriundo della Lumbardéa/Lombardia.
  • panettone: il panettone argentino deriva generalmente del milanese, benché il pane dolce argentino in molte occasioni è una sintesi dell'italiano panetonne milanese con il spagnolo pane dolce madrileno, avendo come varietà creole il pane dolce dell'isola Martín García, il panettone (la sua ricetta originale è dovuta ai italoargentini Constantino Rossi e Cayetano Brennadella) dalla Confitería del Molino/Pasticceria del Mulino,[134]il bonaerense di Balcarce ed il cordovano argentino di Arcor tra molte altre. Si consuma quasi sempre per Natale ed è chiamato col nome spagnolo pan dulce cioè "pane dolce" con canditure ed anche ciocolatto e fondant.[135]
Zucca piombo / zapallo plomo delle piantagioni di Costanzi, è il tipico curcubita o zapallo argentino per fare locro.
  • locro (Pietanza a base di mais mezzamente trittato o partito (machacado o, majado, i grani mai interi né polverizzati poiché il locro argentino si caratterizza per la sua palatabilità particolare e inconfondibile) o fagioli e carne, con varie preparazioni; alcune ricette di questo denso spezzatino risalgono al periodo coloniale spagnolo. Il locro patrio argentino tipico a differenza degli altri locros/ locri sud-americani si distingue perché il patrio argentino consta di ingredienti tipici: grani di mais bianco o granos de choclo, porotos, petto di manzo, cipolla, cipolla di inverdisco, var. zapallo plomo /zucca piombo, pomodoro, chorizo colorado / salsiccia colorata, salsiccia di manzo, patate, ají, puerro, pancetta / panceta o tosino, zampe ed orecchie di chancho / maiale. Viene servito con una salsa piccante di peperoncino rosso e paprica). Non si tratta di un semplice stufato bensì di una preparazione spessa dopo avere varie ore i grani di mais bianco o choclo e poroto nell'acqua e dopo bollirli con gli altri ingredienti, benché le locros più tradizionali normalmente siano quelli del NOA o nordovest argentino e quelli dell'il Cuyo, esistono dentro il locro patrio alcune variazioni importanti poiché nel nordest la patata normalmente è sostituita per la manioca e nel nordovest si usano peperoni di gusti più intensi. Da quello che va del presente secolo in Argentina si sta diffondendo il locro vegano argentino nel quale si sostituisce la carne per funghi e lo è tal volta aggiunto il condimento chiamato merquén.[136] La cosa concreta è che in Argentina dal XXI secolo la festa nazionale del locro si festeggia in una città della Provincia di Córdoba (Argentina) popolata principalmente per gente oriunda di Italia, la città cordôbesa di Villa María.[137]
  • bife a la criolla / bife alla creola: si denomina bife alla creola ad una specie di stufato a base di fette di carne (generalmente col taglio di carne di vacca chiamato bola de lomo / palla di lombo), fette di patata, e fette di cipolla e peperone ben cucinate con spezie, esistono molte ricette di queste piatto argentino.[140]
  • tamales (Si realizzano principalmente nel NOA (Noroeste argentino), specialmente nelle province di Tucumán, nella Provincia di Salta e nella Provincia di Jujuy dove, in questa ultima, normalmente si confondono già con le humintas).
  • prosciutto (chiamato generalmente : jamón [pr. in it.: hamon]) in Argentina si consuma in panini, in lasagne, nelle milanesas alla napoletana, insieme al formaggio fuso, insieme al formaggio fuso con il prosciutto cotto è chiamato "recado" e costituisce il ripieno di molti panzerotti (empanadas) argentini. Il prosciutto in Argentina è anche troppo consumato sulle pizze; i prosciutti argentini sono derivati dai prosciutti italiani di Parma e da quelli spagnoli di Jabugo, il più famoso prosciutto o jamón argentino è quello della Sierra de Côrdoba (Argentina) simile al jamón serrano.
  • salame e "salamines"; i tre tipi di salame più famosi dell'Argentina sono il Caroya, il Tandil e il Mercedes, tradizionalmente si distinguono due tipi di salames il picado fino/ picchiato fino e il picado grueso o picchiato grosso, i primi sono i preferiti per la picada (Argentina).[141][142];
  • chorizos, (salsicce grosse, solitamente a base di carne bovina o suina: si fanno arrosto e si mangiano nel panino chiamato choripán).[143]Nell'Argentina esistono molte varietà di chorizos, come il morbido e crudo chiamato chorizo parrillero usato in arrosti e choripanes, e perfino in bolliti, il semimorbido chorizo criollo, il piccante chorizo colorado/ salcicia colorata, il chorizo candelaria, il chorizo cantimpalo queste ultimo di origine direttamente spagnolo etc.
Choripán stilo farfalla.
  • morcillas, il panino di sanguinaccio creolo è comunemente chiamato "morcipán (aferesi di morcilla + pan[e])". Si trova anche la chiamata morcilla dulce/"sanguinaccio dolce" o morcilla vasca che contiene noci, uvette di uva ed arachide.[144]
  • longaniza: benché il suo nome sembra italiano procede di una lingua molto simile: lo spagnolo. Come il suo nome l'indica si caratterizza per essere un insaccato lungo e stringo di carne di maiale speziata, in Argentina ha molti influssi italiani per la sua preparazione.
  • sopresata: questo insaccato di origine italiano molto simile alla longaniza di origine spagnola a più di un secolo che fa ha preso lettera di cittadinanza argentina con le sue varietà creole, sottolineano le sopresatte argentine realizzate in Tandil[145] e nel delta del Paraná, come nelle province di Côrdova/ Córdoba e la di Santa Fe.
Bondiola argentina.
  • bondiola o mondiola: anche chiamata in Argentina mondiola è un insaccato di origine spagnola simile alla chiamata in italiano coppa o capicola capocollo, come l'immensa maggioranza degli fiambres o "carne fredda" ed insaccati di origine italiana ed spagnola ha una varietà tipica o creola argentina di bondiola anche chiamata "mondiola", la bondiola o mondiola come i prosciutti ed altri insaccati normalmente sono parte principale delle picadas, benché sia anche frequente che le bondiolas siano ingerite previamente cucinate ed arrostite.
  • codeguín: il codeguín è un insaccato di maiale derivato dal cotechino friuliano introdotto nell'Argentina da circa 1871 con la sua varietà della Côrdova argentina nella quelli che sono riusciti maggiore riconoscimento sono i codeguines di Caroya.[146][147]
Fette di matambre.
  • matambre: preparato originario e tipico di la regione dil Río de la Plata, il quale si consuma molto in Argentina. Il matambre si tratta di un insaccato arrotolato raggomitolato di carne come il taglio chiamato pesceto o peceto o jamón redondo,[148] quasi sempre ripieno con verdure, uovo etc e con essi cucinati già sia in acqua bollente già sia al forno che può prendersi già freddo tra ore per quello che il suo nome indica: matar el hambre / "ammazzare la fame".[149] Col matambre, se non è ancora cucinato per esempio, al forno o, se non, alla griglia, si può fare una specie di pizza chiamata matambre alla pizza.[150][151]
  • agnellino, detto chiporro e corderito, è un arrosto "in croce" sulla brace tipico della Patagonia Argentina;
  • picadas (Da non confondere con l'omonima spagnola ); le picadas argentine sono una riuscita sintesi dalla fine del XIX secolo in Argentina del antipasto italiano e delle tapas spagnole;[152] in Argentina le picadas sono solitamente accompagnate con vino e soda (acqua gassata in sifón / sifone[153] o, con birra chiara, esistono varie forme di "picadas" argentine, la cosa comune a tutte esse è che gli alimenti si servono in piatti o cavità separate per ogni ingrediente e che ogni ingrediente può "pungersi" o picarse: cioè prendere del piattello o recipiente con solo il pollice ed indice di ogni convitati (avendo previamente le mani molto bene pulite); tra tali ingredienti una picada molto semplice almeno deve constare di "cubi" di salami, di formaggi semiduri (I.e.:tipo Paté Gras o formaggi Chubut; Mar del Plata, Tafí, Goya ecc.), olive, arachide pelate, pistacchi e patate fritte molto magre in fette molto strette di non più di 1 millimetro di spessore (chips o crips) molte di queste chips possono essere rondelle di rape fritte, palitos salados o bastones[154][155]; benché possano esistere picadas con molta più varietà di ingredienti (I.e.: che possono includere rabas / calamari alla romana, polipi patagónicos, escargots, capperi, piccoli dadi di palmetti, dadi di cuscus, uova sode di quaglie, piccoli falafeli, piccoli pezzi di tortilla di papa, ciampignoni, piccoli amaretti, piccole milanese di mozzarela[156] surimi, kanikama, piccoli pezzi di pizza, di milanesa e di tortilla di patate, quesitos Adler / formaggini Adler)[157][158] tra le molte varietà di picadas oggi esistenti possono nominarsi alla picada chacarera[159], la picada Tandil[160], la picada serrana[161], la picada cordobesa, la picada porteña, la picada tradizione,[162] la picada argentina armenia (la picada argentino-armena è stata inventata per argentini di origine armena e consumata per gli argentini di origine armena e per altri argentini, con ingredienti come il lehmeyun, il hummus di ceci o melanzane, il börek, il tabulé e il kebbab),[163][164] picada de mar con la sua variante del'La Robla.[165], la chiamata picada arabe o meglio : picada argentinoarabe basata in kibbeh, falafel, melfuf e hummus.[166][167]. Esistono attualmente due tipi di picadas: le calientes o calde e le frías o fredde (le fredde sono in realtà le consumate coi suoi ingredienti a temperatura naturale ambiente).
Sándwichs de miga o panini triples di pane de briciola.
  • sándwich de miga (panini di pane di briciola), i più comuni sono fatti di fette di prosciutto e formaggio morbido, mentre sono molto diversi di ingredienti benché i panini di briciola scrostata argentini , del modo più frequente siano realizzati con formaggio e prosciutto cotto o con formaggio di feta o fetta (Una varietà argentina di formaggio cheddar) e rondelle di pomodoro e foglie di lattuga[168]. Esistono molte varietà di questi panini per esempio: i con denti di mais grattato o con sardine e rondelle di oliva, rondelle di barbabietola e pastrami o pastrón ecc, benché tutte le varietà siano quasi sempre uguali nella forma e le dimensioni (per esempio: gli sándwichs o sánguches de miga argentini sono di forma rettangolare di

approssimativamente 1 centimetro di spessore, 14 centimetri di longitudine ed otto centimetri di largo. Generalmente tra le fette dil spugnoso pane de miga e gli altri ingredienti si usa una lieve cappa di burro o di maionese. Questo è per un sandwich di briciola di un assolo piano, un sandwich di briciola tre piani o triple ha quasi il doppio di largo) ricordano, nonostante la sua forma rettangolare, molto ai tramezzini italiani ;[169] questo panino può tostarsi, quando è tostato normalmente è chiamato carlitos, per altra parte questi panini se hanno abbondante quantità di lattuga, pomodoro, uovo sodo e salsa maionese, e se si vuole, possono essere aggregatolo olive, e perfino rondelle di cipolla e basilico sono chiamati olímpicos / olimpici . Tutti questi panini quando si servono caldi solitamente sono chiamati académicos / accademici e normalmente hanno nel suo ripieno più fette di formaggio tipo Cheddar o queso de máquina / formaggio di macchina.

Panino lomito di la Provincia di Mendoza.
  • lomito / lombino, è altro panino tipico della gastronomia di Argentina per esempio, nella regione di il Cuyo e la provincia argentina di Córdoba è molto popolare. La sua forma abituale di consumo consiste in un taglio di manso delicato e morbido chiamato lomo (lombo) questo è col taglio di carne di vacca chiamato bola de lomo o di vitella sempre filettato , più fette di formaggio, prosciutto (sebbene esistono attualmente versioni vegane[170] di questo panino argentino), più uovo fritto, pomodoro e condimenti (peperone ecc) in due pani che possono stare lievemente tostati (il panino chiamato lomito / lombino è molto simile al chiamato chivito uruguaiano questo è dello stato che sorse a partire dall'argentina Provincia Orientale).
  • revuelto de huevos y tomates, si tratta di uno strapazzato di origine spagnolo (Murcia) che si cucina in molto pochi minuti dopo avere preparato gli ingredienti: uovi con pezzi di pomodori conditi a piacere livemente fritti nell'olio di oliva, si prepara quasi sempre in una padella rimuovendo gli ingredienti fino a che stiano ad a punto, senza scottarsi (Tra altri molti ingredienti possono aggiungersi pezzi di zapallitos, peperoni / pimientos, prosciutti ecc).
Revuelto Gramajo
  • revuelto Gramajo; è un pasticcio fritto di bastoni di patate, uova, piselli e prosciutto (di solito si aggiungono salse e altri ingredienti (peperoni ecc) a piacere e come il suo nome l'indica revuelto cioè strapazzato durante la leggera frittura)[171],[172];
  • palmito, cuori di palma.
  • capretto, chiamato in Argentina secondo la regione o la provincia :chivito o cabrito (non deve confondersi col panino uruguaiano chiamato anche chivito), il chivito più comune dell'Argentina è altro arrosto "in croce" sulla brace;
Pastafrola argentina.
  • pastafrola:si tratta di una torta rotonda molto piatta coperta con dolce come quello di cotogna

(membrillo) o quello di patata americano a sua volta i quali sono sottomessi per una grata di pasta, la pastafrola o pasta flora argentina deriva della pasta frolla italiana.[173][174];

  • helados (gelati) La maggior parte dei gelati argentini sono di tipo ice cream derivati dei gelati Italiani sebbene con molti sapori tipici argentini come il "dulce de leche" o "l'azzurra" crema del cielo (crema dal cielo) e la crema de torrontés e il súper dulce de leche/ super dolce di latte (questo ultimo inventato per Daniel Paradiso).[175] Tra le molte varietà di gelati argentini si trovano la cassata (come il suo nome l'indica è un dolce gelato derivato della cassata siciliana), il sambayon[176] derivato del zabaione, la coppa di gelato don Pedro, cioè una boccia di gelato di crema con una misura di whiskey in una coppa. Il sundae ecc, ed una moltitudine di creme gelate con gusti singolari come quello di Malbec, Chardonnay, nelle Valli Calchaquíes / Valles Calchaquíes, o quello di yatay nella Mesopotamia argentina. In occasioni i commensali consumano suoi gelati su cartoccio con la crema ricoperta con una lieve cappa di cioccolato liquido e perfino con una leggera tostatura infrarossa. Le creme gelate più famose dell'Argentina sono realizzate con latte di mucca Jersey-Argentina.[177][178]

Ci sono anche gelati tipici come le achilatas (sono una sorta di sorbetti fatte nel XIX secolo a base di polpa di frutta e la neve, dal XX secolo a base di ghiaccio tritato mescolato in stampi con frutti succosi, sono particolarmente tipice del Nord dell'Argentina, oggi le achilatas più famose sono quelle di Tucumán);

Postre Imperial ruso.
  • imperial ruso / Imperiale russo: benché la traduzione del nome sia "imperiale russo" è in realtà un dessert inventato all'inizio del XX secolo in Argentina in omaggio ai Romanoff. Queste dessert-torta, nella sua essenza più semplice è meringa francese farcita con crema di burro e mandorle. Si può anche aggiungere la frutta a piacere.[179];
  • arroz con leche (riso con latte, dolce tipico che, come dice il nome, è fatto con riso, latte e aromatizzato con la cannella ed anche la vaniglia e molte volte con l'aggiunto di dolce di latte. È quasi la stessa cosa che il risolatte anche se con tocchi spagnoli e gauchi.)[180], (la Provincia di Corrientes è la principale produttrice di riso in Argentina);
  • calzone alla Corbella, si impadronisce di quello che rimane di una massa spugnosa di pizza, lo è riempito con gli ingredienti preferiti e si cucina vicino alla pizza; è una varietà argentina all'uso nostro del calzone ripieno (sono molto similari alla pizza frita).
  • formaggi; L'Argentina si ubica tra i dieci primi paesi produttori di formaggi nel mondo, grazie ai suoi climi e che l'immensa maggioranza della popolazione argentina ha geni caucasici il consumo di latte di mucca e di lattei in generale è molto frequente (il consumo di formaggio in Argentina per capita è di 12 chili per anno), ma nei primi anni del presente secolo XXI la coltivazione di soia transgenica (OGM) per esportare ha ridotto le zone di pascoli per le mucche e perciò ha rarefatto la fino ad allora enorme produzione di latticini e diminuendo così l'offerta degli stessi latticini, pertanto i formaggi sono diventati più costosi, soprattutto dovuto ai delinquenti "impresari" delinquenti chiamati intermediarios (intermediari), e l'invasione silenziosa di indi boliviani, peruviani e meticci paraguaiani (tutti quelli allergici ai lattei che non siano materni) tra l'anno 2001 ed il 2015 compreso ha diminuito o ridotto un 27 per cento (27 %) il consumo di lattei i formaggi. In ogni caso l'Argentina produce gran varietà di formaggi di eccellente qualità, alcuni di essi già stabilizzati come Denominazione d'origine/Prodotti alimentari tipici ed altri prodotti artigianalmente. I formaggi ("quesos") tipici argentini più rinomati sono il reggianito argentino, il queso Chubut, il queso de Tafí, il queso de Goya, il queso Mar del Plata, il quesito de Tandil, il quesillo de cabra (formaggino di capra), il cremón, il cremosísimo (a volte usato come sostituto della mozzarella specialmente in alcune pizze argentine).[181] il Mendicrim,[182] il queso Taluhet, queso Pampita, queso Ranquel, il queso Atuel, il queso Viedma, il queso Banquete, il queso San Jorge, il queso crema, il queso fresco, il cuartirolo, il sardo argentino, e il già citato provoleta,[183] e benché non sia un formaggio originario dell'Argentina è molto frecuente il consumo di una specie di Port Salut nella sua varietà argentina. Anche se non hanno ancora stabilizzato nomi per gli ottimi formaggi di questa provincia dell'Argentina stanno guadagnando meritata fama vari formaggi prodotti nella temperata e subtropicale Provincia di Entre Ríos come quelli di Colón (Entre Ríos). Tutti questi formaggi elencati (tranne li molto morbidi o il "formaggio crema") sono comunemente utilizzati nelle picadas ed anche i formaggi fusi in piccole forme triangolari come gli Adler. Sebbene ci sia (in particolare per le pizze) la produzione di un tipo di mozzarella o muzzarella in Argentina sono anche diffuse le "musarelas" simile nella forma alla mozzarella, anche se a base di latte di pecora e mucca come le muzzarelas della piccola città di Centeno nella Provincia di Santa Fe. Altri formaggi meritori argentini sono prodotti in nelle le piccole città di Coronel Moldes (produttrice di formaggi a pasta dura e semidura per l'esportazione per la gran cooperativa SanCor) nella Provincia di Santa Fe, o formaggi cremosi formaggi di aspetto visuali simile a quello chiamato philadelphia sebbene di gusti tipicamente argentini) e Brie in Brinkmann (Provincia di Córdoba)[184], mentre la piccola città di Suipacha nella Provincia di Buenos Aires è il centro di un circuito di formaggi di capra e mucca.[185] Nella Provincia di La Pampa, più esattamente in Remecó e la Colonia Nueva Esperanza i mennoniti producono artigianamenti eccellenti formaggi di origine olandese simili al formaggio Gouda, In Buena Esperanza il formaggi tipo Gouda si realizzano con o senza pepe. Sono anche squisiti gli formaggi di pecora prodotti nella provincia di Terra del Fuoco, Antartide e Isole dell'Atlantico Sud.[186]
  • ricotta / ricota: la ricotta è una variante raffinata di quella spagnola siero di latte e la cuajada con tocchi all'italiana ed è utilizzata come riempimento di torte o di dolci, ravioli, cannelloni, c'è anche un dessert chiamato "redonditos ricotta" che ha dato il nome ad una delle band più popolari del Rock argentino: Los redonditos de ricota; è anche molto frequente in Argentina la torta di ricotta.[187][188][189]
Porzione triangolare di fugazzeta con fomaggio fuso tipo mozzarella.
Vassoio con le frittelle chiamate churros.

a volte gli ciurri/ churros argentini sono immersi in cioccolato liquido per caldo.[192]

  • lengua a la vinagreta, si tratta un taglio della lingua bovina scorticata e dopo lessa e dopo di questo tagliata a fette e preparata alla vinaigrette con aceto, aglio, prezzemolo ecc. Simile a quello che conosciamo come marini. È, come "piatto freddo", cioè quasi come un insaccato, di consumo molto frequente in Argentina.
  • cazuelas (specie la cazuela di centolla fueguina)[193];
  • carbonada, è una specie di stufato molto denso realizzato in una pentola o casseruola su un focolare di legna molte volte servito per ogni convitato in una zucca previamente lessa. Si prepara coi seguenti ingredienti : pezzi di zapallo, choclo o galoscia o mais soffice, carne, preferibilmente di vitella, benché si prepari etc con lombo, di agnello o con caprone; a questi ingredienti si aggiungono patate americano o papi ed orejones di durazno (pesche secche). Si bolle fino a che il brodo e gli ingredienti ottengano una consistenza abbastanza spessa, questo gli differenzia di un bollito, e dopo, poco prima di servirlo lo è condito generosamente con paprica, origano, timo, cipolla, aglio, prezzemolo, e perfino il peperone chiamato quitucho. Alcuni aggiungono allo stufato un getto di vino, vino rosso, o bianco torrontés, alcune gocce di succo di limone ed un pizzico di zucchero. La denominazione carbonada sembra ubbidire a che questo stufato si cucina fino a che a che tutti i legni del focolare rimangono completamente carbonizzati.[194][195]
  • torta negra, torta nera chiamata così per il suo colore, è tipica della Provincia di Chubut, e una torta originata nelle 1860 dalla inmigrazione gallessa a partire dalla bara brith;
  • chocotorta, torta di cioccolato e crema di latte o queso crema che si mangia fredda e non è preparata con cottura;[196]
Alfajores argentini: in questo modo, alfajores tripli / triples , i più celebri sono quelli della Provincia di Côrdoba, di Mar del Plata e gli della Provincia di Santa Fe.
  • tortilla a la parrilla o tortilla al rescoldo o tortilla santiagueña, si tratta di masse di farina, grasso ed acqua impastate in forma circolare e relativamente piatte che si cucinano alla griglia. È comune la sua vendita in posti di cibo ambulante.[197]
Alfajor argentino con le sue tape de amido di mais e riempimento con dolce di latte decorato con cocco grattugiato.
  • mazamorra[198][199];
  • alfajores, gli alfajores (o alfaggiori) argentini[200] sono di diverse varietà a seconda della provincia in cui sono fatti, i più noti sono quelli delle montagne della Provincia di Córdoba e le cui tappi o tapas sono leggeramente satinate con glassa ("glassé") o, se non con fondant (crema a base di zucchero fusa o fondente)[201] e i cui ripieni sono composti con vari dolci di frutti e marmellate tra cui ad esempio mele cotogne, pere, fichi e gocce di vodka argentina,[202][203][204] ecc, quelli della città di Rosario (Provincia di Santa Fe) sono glassati e generalmente ripieni di dolce di latte,[205] anche nella Provincia di Santa Fe si elaborano alfajores di pasta sfoglia di vari piani che ricordano al dolce rogel.[206] E quelli della la città di Mar del Plata e zone costiere vicine sono cosparsi di cioccolato dolce e pieni di dolce di latte;[207] sono anche generalizzati in tutta l'Argentina gli alfajores con tappi di maizena e quasi sempre ripieni di dolce di latte decorato con cocco grattato.[208]
  • pellizco i pellizcos (pizzicotti) o conitos de dulce de leche / conitti di dolce di latte sono una specie di cioccolatino conico ripieno di dolce di latte e ricoperti in cioccolato, il posto tradizionale della sua produzione è la città di Quequén, di un modo simile si fanno piccoli alfajores o alfagiori.[209]
Tipici pastelitos (tortine o dolcetti) creoli argentini cosparse di piccole confezioni chiamati "granas".
Tortitas fritas o sopaipillas con un mate al fianco poiché normalmente accompagnano il fatto di bere mate.
  • torta frita, le torte fritte o tortas fritas normalmente sono il condumio tipico per accompagnare il fatto di bere il mate, le torte fritte possono essere semplici piatte senza ripieno o possono avere diversi ripieni semplici come l'uovo (per riempirle di uovo basta introdurre nella massa di ognuna, dopo di fargli un piccolo orifizio, un uovo crudo senza guscio ad ogni torta fritta).[211];
  • colchón de arvejas / materasso di veccie o piselli: È un piatto a base di un uovo fritto o più al quale mentre si sta friggendo gli si aggiungono semi verdi di piselli.
  • berenjena en escabeche / melanzane in escabeche e fette di melanzane sottaceto.[212]
  • postre Balcarce; Il Postre Balcarce è una specie di torta realizzata principalmente con crema di latte, dolce di latte, noci ed altri ingredienti, riceve il suo nome perché la sua origine sta nella città argentina chiamata Balcarce[213];
Piononi salati argentini casalinghi o caseros.
  • pionono, è un impasto a base di pasta (farina, uova intere e zucchero in volumi uguali) costituito da un sottile foglio di pan di Spagna. La torta spugna è riempita e arrotolata in un cilindro che viene poi decorata per una migliore presentazione. Sulla base di questo stesso pan di Spagna o bizcochuelo dolce e salato o dolce e aspro sono gli piononos/piononi[214] sono fatti tagliando del cilindro originale fette non più di due centimetri (solitamente fette con un larghe d'un centimetro).
  • niños envueltos/bambini avvolti sono quasi la stessa cosa che i involtini di cavolo: cibo che diventa lesso o infornato arrotolando principalmente in una foglia di cavolo cappuccio un ripieno costituito per carne trita e riso.
  • curanto[215] Si tratta di un piatto tipico della Patagonia Argentina nella sua regione boscosa andina. Il curanto fu inventato per gli indoamericani chonk, e uno speciale bollito che si basa sulla carne e verdure cucinate lentamente in acqua con l'acqua riscaldata con pietre al rosso incandescente in un pozzo coperto con pietre e foglie di nalca o, pangue (dopo dell'invasione dei "mapuche" questi si attribuiscono l'invenzione di tale cibo).[216]
  • pan de carne / pane di carne, con origine nel polpettone, il pan de di carne comune argentino è molto simile al polpettone benché normalmente abbia più ingredienti, d'altra parte esiste un pan de carne o polpettone argentino che è fatto come un raggomitolato al quale normalmente lo sono aggiunto vegetali, prosciutto e formaggi.[217]
  • Sono molto consumati in Argentina due dessert tipici di lì:
    • Il fresco e batata, realizzato con una fetta larga di formaggio (queso) fresco o con una grossa fetta di queso Mar del Plata / formaggio Mar del Plata ed una fetta larga del abbastanza solido dolce di batata (molte volte si preferisce il dolce di batata fuso con cioccolato);[218]
    • Il postre vigilante chiamato nel Nord Ovest del Paese camionero (camionista) e nell'Uruguay postre Martín Fierro, dessert molto simile all'anteriore in quello che varia è l'uso dell'abbastanza solido dolce di cotogna cioè cotognata.
  • Nei mesi freddi, approssimativamente dalla fine di aprile fino agli inizi di settembre è frequente mangiare bolliti como il locro, e stufati anche ben calorici come lo stufato di lenticchia (guiso de lentejas), pucheros (o puccieros) che sono bolliti, di carne bovina, porotos, mais, papa (patata) e batata (patata americana), zapallo, cavolo capucio/repollo, buseca e ossobuco, ed il mondongo,[219][220] e la già citata, molto popolare in Argentina, polenta.
Zapallitos rellenos / zucchini ripieni coperti con salsa blanca / salsa bianca.
Zapallitos rellenos / zucchini ripieni coperti con salsa di pomodoro.
  • zapallitos rellenos / zucchini (della specie e varietà denominata tassonomicamente Cucurbita maxima var. zapallito) riempitivi: si tratta di una sorta di zucchini verdi di guscio abbastanza soffice naturalmente rotondi, primo sono bolliti e dopo sono dimezzati e li è estratti la polpa, poi la polpa è mescolata con altri ingredienti, di solito: carne macinata o trita e uova sbattute; ciascuno dei emisferi risultanti è "coperto" con un coperchio di formaggio cuartirolo e pangrattato, a tale "tappo" è possibile aggiungere maionese e olive nere; poi in un vassoio gli zapallitos rellenos / zucchini ripieni sono cotti in forno.[221][222]
  • huevos rellenos / uova alla diavola.
  • tomates rellenos / pomodori ripieni.
  • morrones rellenos / peperoni morroni ripieni. Sono grande peperoni della specie chiamata in spagnolo argentino col nome di morrón o testata, gli stessi sono vuotati e dopo rabboccature con differenti ripieni come per esempio un miscuglio di riso e carne trita più condimenti etc, si cucinano al forno o lessi.
  • mejillones en escabeche / cozze (della specie Mytilus edulis platensis) in marinatura, benché per due secoli nel gusto degli argentini abbia prevalso il consumo della carne di vacca, capra e pecora, nei porti marini (Mar del Plata, Viedma, Puerto Madryn, Comodoro Rivadavia, Río Grande, Ushuaia) è frequente consumare prodotti di mare come le cozze in marinatura chiamate in spagnolo argentino mejillones en escabeche,[223][224] nella preparazione di tale piatto sintetizzano le tradizioni della Liguria, della Campania e della Galizia (Spagna).
Merenda tradizionale argentina: medialunas (croissant) con il "caffè in tazzina"/ café en tacita (un doppio caffè espresso) e un bicchiere con un po' di acqua minerale.
  • Le "facturas": le infusioni in Argentina sono frequentemente accompagnate da pasticceria di origine germaniche chiamate in spagnolo argentino facturas / fatture, come il croissant (inventato a Vienna e chiamato nell'Argentina "medialuna"; cioè: mezzaluna) medialunas / cornetti. In Argentina esistono vari tipi di croissant o cornetti o medialunas : quelle di grasso, quelle di burro, quelle di massa di pasta sfogliale, le ricoperte in miele, il cornetto grosso chiamato "sacramento" etc. Esistono, dentro un'ampia varietà, due tipi principali di medialunas o mezzalune o cornetti in Argentina: i dolci ed i salmastri.[225][226]) ecc.[227][228], il "vigilante" (da no confondere con il postre vigilante), las "bolas de fraile" / "le palle di frate", i suspiro de monja / sospiro di suora o berlinesas (del tedesco nome difficile, severo, e prolungato di pronunciare tanto per gli argentini come per gli italiani o spagnoli: Berliner Pfannkuchen o Krapfen), palmeritas ecc. tale "facturas" / fatture, sono quasi sempre ripiene dell'argentino dolce di latte e parzialmente ricoperte dell'argentina crema pastelera / crema pasticcera. Le facturas ricevono le sue nomi "chuscos" , vale a dire : burloni o buffi, da fini del secolo XIX (circa 1887) quando il Sindacato dei fornai dell'Argentina (il primo sindacato argentino) era diretto per Errico Malatesta. Tra le fatture molto frequenti in Argentina si raccontano le vainillas vaniglie nome argentino dato ai biscotti savoiardi (occasionalmente in Argentina sono ricoperti con una cappa di cioccolato fuso o con una cappa di glassa o fondant, molte volte i saboiardi o vainillas sono in Argentina imbevuti con vino moscato.).[229][230][231]
  • postra o desserts varianti del cioccolato: la pianta del cioccolato non è prodotta naturalmente in Argentina in cambio bensì in paesi equatoriali, ciononostante in Argentina risaltano da molte decadi (più di 60 anni fa) le preparazioni di cioccolati in città come Mar del Plata e San Carlos de Bariloche in forma di cioccolatini, dessert, prostra come il tiramisù ecc.
Un flan con crema e dolce di latte, sostenuto sulla crema un cubanito.
  • flan, un tipo di budino di origine spagnolo molto frequentemente consumato come prostra in Argentina, realizzato e basato in un miscuglio di uova sbattute, latte ed essenza di vaniglia o vanilla, questo miscuglio si bolle a fuoco lento e dopo si raffredda e condensa in stampi con forma di cono mozzo. Normalmente è all'uso nostro poiché oltre alla caramella fusa normalmente li sono aggregati crema e dolce di latte.[232]
  • praliné: In L'Argentina si tratta di una caramella basata in una tavoletta di pasta composta tradizionalmente di un miscuglio di mandorla o nocciola o noce ed arachide candita in zucchero caramelloso.
  • garrapiñada / caramellata: L'origine di questa caramella è incerta. Di accordo all'Encyclopedia of American Food and Drink gli antichi egiziani preservavano già le noci e frutte con miele. È molto simile ad alcuni tipi di noci con miele, come il croquant di Provenza fatto con zucchero, miele e mandorle o il croccante italiano con zucchero, burro e mandorle.
  • cremona, la cremona o pane di Cremona argentino è una specie di gran vite fatta con massa di pane, burro e volte uova, le cremone in Argentina normalmente sono ripiene con crema pastelera / crema pasticcera, chorizos / salsiccie, prosciutto etc.[233][234]
Disegno di un tipico pirulín argentino.
  • nugaton: simile ad un chocolatino grosso realizzato con cacao grattato, avena in polvere, latte, zucchero e biscotti salati.
  • cubanito:in Argentina si richiamano principalmente cubanitos ad alcuni cialde o "cartocci" cilindrici e raggomitolati con le dimensioni simili a quelle di un sigaretta avana (di lì il nome "cubanitos"), tali cialde sono ripiene con dolce di latte. I cubanitos argentini sebbene possono ottenersi nei più diversi posti, si vendono principalmente nei centri turistici di stabilimenti balneare estivi. Una varietà di cubanito argentino è la ricoperta con cioccolato fuso.
  • macedonia o ensalada de frutas / insalata di frutte è un dolce argentino tipico dei giorni di estate di origine nettamente europeo benché in Argentina possa contenere molti ingredienti americani o non europei. Si impadronisce generalmente di spicchi e piccoli pezzi di mela, pesca, banana, ananá, kiwi, fragola, visciolo/guinda, 3 prugne, 1 limone e 1/2 succo di arancia. 2 pere, maracuyá etc diluiti in sciroppo e perfino saborizados o profumati con liquore.
  • bizcochos Canale / biscotti Canale: sono biscotti in forma di tostadas (toasts) asciutte e gialle, moderatamente dolci, ideali per la colazione o la merenda, hanno un tocco dolce e sono spugnosamente croccanti, si presentano in fette di un centimetro di spessore.[235]
  • pirulín: caramella dura e colorita, di fino a 10 a 15 cm di alto, di forma conica o piramidale con punta molto acuta, con un bastoncino di plastica nella base che serve per sostenerlo, e che viene avvolto in carta plastica trasparente, simile al carta cellofan, è consumata principalmente come caramella durante le vacanze nelle spiagge argentine.
  • torta Richmond: questa torta riceve il suo nome della tadizionale Pasticceria o confitería chiamata Richmond che era ubicata nella Città di Buenos Aires. Si basa su pan di Spagna di cioccolato, mousse, ripieno di fragole e copertura con crema chantilly.
  • torta de manzana / torta di mela : come il nome l'indica in questa piatta torta risaltano le rondelle di mela sistemate nella cappa superiori sotto un dolce caramellato.[236]
Rosca (bagel) di pasqua tradizionale argentina.[237]
Il Uovo di Pasqua di cioccolato più grande del mondo realizzato con 8,5 m di altezza, in San Carlos di Bariloche (Argentina).
  • chipacitos, sono brioche rotonde del volume di un polpetto ognuno fatto a partire da una massa composta con 500 grammi di fecola di manioca o tapioca, 2 uova di gallina, 250 cc di latte di mucca o di capra. Sale e pepe a gusto, e un miscuglio di formaggi: fontina, formaggio Mar del Plata e gruyerito, 500 g. burro 200 g. Modo di preparazione: setacciare la fecola e fare una corona nella mensilità, poi impastare e dopo mettere dentro il forno circa 15 a 30 minuti, a secondo la temperatura ed il colore e odore che emettono.
  • criollitos o criollitos cordobeses, o libritos(libricini) sono piccole brioche di pane cucinate con grasso di forma quadrata e con ciglia, sono preferiti per accompagnare allo mate.[238][239]

Cucina argentina di Pasqua[modifica | modifica wikitesto]

  • Cucina in pasqua: Si ingerisce attorno al giorno 21 marzo (nell'anno 2018 dell'Era Comune domenica 1 aprile) , l'immensa maggioranza della popolazione argentina si mantiene dentro la Chiesa Cattolica Romana, della quale dal 2013 l'argentino Jorge Bergoglio è il papa Cesco o Francesco / Francisco / Franciscus, tuttavia di questa caratteristica predominante cristiana cattolica romana gran parte della popolazione non pratica i riti catolicci, a dispetto di questo è molto frequente consumare piatti speciali durante la festa di pasqua: uovi di Pasqua quasi sempre realizzati con cioccolato, torta pasqualina, e previamente nei giorni di astinenza di settimana santa, il consumo di carni di pesce ed altre carni marine, di questa maniera, oltre alle empanadas o ai panzerotti di veglia (ripieni di tonno) si consumano stoccafisso o di cazón reidratati e la torta pasqualina ed i la sua semile in aspetto esterno chiamata torta gallega o empanada gallega (torta galiziana) ripiena con calamari e pesci . È anche più frequente il consumo di la rosca de pascua / bagel di pasqua derivato dalla mona de pascua spagnola.[240]

Cucina argentina di Natale[modifica | modifica wikitesto]

Ricordare che il Natale e le feste di fine di anno ed anno nuovo si celebrano in pieno dicembre ed in pieno gennaio, questo è: mentre nell'Emisfero Settentrionale è pieno inverno nell'Emisfero Meridionale è piena estate, a dispetto di ciò nell'Argentina la maggior parte della popolazione consuma i tradizionali alimenti europei (I cibi e caramelle di Natale includono: il panettone, il pionono, le macedonie o macedonias o ensaladas de frutas, i torroni come il Nucrem, il melone con fette di prosciutto e le caramellate / garrapiñadas), la lengua a la vinagreta / lingua di vacca alla vinaigrette, oppure pinzimonio, ed insalata russa, piatti benché mischiati con gelati. Gli alimenti preferiti sono il cucciolo di maiale chiamato in spagnolo lechón (lattonzolo) o se non il tacchino, ambedue cucinati previamente al forno e dopo serviti come centrotavola adornati con maionese, olive, rondelle di limone ecc, è anche piatto principale di queste feste che normalmente sono celebrate in famiglia, il chiamato gallicisticamente col nome in piemontese di vitel tonné o vitel toné / vitel thoné / vitello tonnato.[241]Sebbene attualmente sono sempre più forti le tendenze vegetariane.

Nel giorno della festa cristiana dei re Magi / reyes Magos cioè nel 6 di gennaio normalmente si degusta in famiglia la vite di Re / rosca de reyes molto simile a quella di pasqua, benché senza la decorazione di uova e, invece tradizionalmente con un regalo innesto nella sua pasta.[242]

Merendine e caramelle molto consumate fino a circa i 1960[modifica | modifica wikitesto]

  • chuenga: specie di caramella soffice gommosa che normalmente si consumava negli stadi o canchas (palestre) di calcio.[243]
  • gofio: caramella fatta con farina grossa di mais, grano od orzo e zucchero. Ha varietà chiamate choco / cioco e ñaco / gnaco nell Cuyo e nella Patagonia Argentina rispettivamente. Nella provincia di San Juan gli è detto choco, ed in la provincia di Mendoza e nella Patagonia, ñaco o gnaco.
  • liquirizia o pasta de orosús, fu una caramella tanto comune fino ai 1960 che diede nome al personaggio di fumetto creato per Dante Quinterno in 1928 e ancora celebre chiamato Patoruzú.

Derivati della Cucina globale oggi molto comuni in Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni 1960 si sono diffusi in Argentina piatti globali di origine germanica che hanno passato per l'interfase statunitense.

Si tratta di:

  • il hot dog derivato dei Würstchen tedeschi, nell'Argentina sono solitamente chiamati panchos.[244] In Argentina si distingue il sapore dell chiamato pancho callejero (hot-dog ambulante o stradale) poiché l'acqua in che si bollono è condita con alloro, alcune cucchiaiate di senape, paprica dolce, keptchup, e fino ad un cubetto di saborizante.[245]
  • il burger chiamato nell'Argentina hamburguesa o patti o pati (a partire dal presente secolo si stanno diffondendo hamburger vegetariani come quelli realizzati a partire da lenticchie, soia, sesamo ecc.).[246]
Un pachunque o panchuker.
  • pachunque o panchuker o anche chiamato pancho eléctrico / pancio elettrico , perché dil hot dog globale non potesse mancare una versione argentina che riunisce le caratteristiche del panino e del calzone e questo mix argentino di calzone e hot dog o pancho è il pachunque.

Dall inizio degli anni 90 (XX secolo) si è diffuso anche il sushi di origine nipponica benché dopo passare per la sua interfase statunitense-californiana.

Questo tipo di cibo fast food e chatarra (scoria di ferro, cibo spazzatura) è riuscito d'un importante consumo nelle principali città precísamente per essere un cibo quasi sempre industriale precotto facile da consumare.

È lontano da essere comida chatarra / cibo spazzatura (se è senza additivi artificiali, includendo tra questi allo zucchero raffinato) il:

  • Yogurt o yogur che è piuttosto consumato fin dal 1920, l'azienda oggi estinta che lo ha introdotto e a lui ha fatto primo era chiamata La Martona e i primi a diffonderlo erano nientemeno che Jorge Luis Borges e Adolfo Bioy Casares. La forma comune più salutare di ingerire yogurt in Argentina è con frutte fresche come pezzi di fragola, di pesca, anana ed altre frutte o, pizzichi di spezie come lo zènzero grattugiato.

Cibi precolombiani[modifica | modifica wikitesto]

Tamales o humitas argentine.Sono tipici delle province di Jujuy, Salta, Catamarca e Tucumán.

Eccetto i già citati locro, ed il già citato curanto, li sono aggiunti i tamales o humitas e la pancutra tutti questi cibi da più di un secolo molto influite nella sua attuale preparazione per i gusti culinari della Spagna ed Italia. Per altra parte quasi tutti questi pochi e rari cibi (oggi poco consumate, assolo per turisti o in alcuni pochi territori limitrofi) nella sua maggioranza corrispondono ad una dieta paleolitica e sono:

  • charqui o charque: è carne in fette disidratata ottenuta ricoprendo la carne di sale ed esponendola al sole. Si usa come nel nordovest o NOA dell'Argentina molte volte per preparare una specie di stufato di origini spagnole conosciuto in Argentina con il nome di chatasca.[247]
  • pacù / pacú a la parrilla / a la griglia, questo squisito pesce fluviale si cucina di diverse maniere benché magari il più apprezzato è l'arrosto su braccia molte volte condito con olio vegetale, preferibilmente olio di oliva e con aceto e spezie come il peperone ed ingerito al modo chiamato carancheado .[248][249][250].
  • carpincho eviscerato e cucinato dal suo interno con pietre riscaldate al rosso vivo.
  • ali e petti fritti o infornati di nandù / ñandú.
  • coda di yacarè / yacaré.
  • arrosto di armadillo, specialmente di mulita o di peludo.
  • arrosto di curiyù /curiyú.
  • stufato di vizcacha.
  • tortilla o fritatta di uova di nandu o nandù, o meglio di pronunciare: gnandù / ñandú .
  • carne di lama / llama arrosta o cucinata.
    • Fino ai anni 1920 le esplorazioni argentine all'Antartide come le dirette per José Manuel Moneta nell'Antartide Argentina per forza consumarono milanesi di ali di pinguino imperatore copiando gli aborigeni benché dopo tale cibo fosse abbandonato per l'affetto che svegliano i socievoli e miti pinguini.

Confiterías[modifica | modifica wikitesto]

La confitería parola dello spagnolo argentino che si traduce esattamente per l'italiana pasticceria o, ancora per meglio dire, fabbrica di confetti molte volte accompagnati per un bere breve o un copetín (traduzione fatta nel XIX secolo della parola ligure cupettin).[251] Benché fino ad almeno i 1980 in Argentina normalmente significa a stabilimenti simili a bar dove con abbastanza lusso la gente di ceto mezzo ed alto, seduta intorno a tavoli di uguali, consuma delicatessen. In Argentina, sono esistiti fino a 20 anni lussuose confiterías come le chiamate El Molino / Il Mulino o La Richmond, ed ancora sopravvivono Las Violetas /Le Violette e La Biela / La Biella, nella città di Buenos Aires, e La Oriental oggi chiamata di un modo ufficiale semplificato: Oriental, nella città di Córdoba (Argentina), quest'ultima confitería creata e fondata per l'argentino oriundo dell'Italia chiamato Eduardo Poretti.[252] In tale confiterías si sono inventati dolci, dessert e postra che sono da allora tipici di tutta l'Argentina.

Bevande tipiche[modifica | modifica wikitesto]

Infusioni e decotti[modifica | modifica wikitesto]

Mate in una tradizionale zucca (mate o porongo) a fiasco (bombilla). È molto comune tomar ("prendere" o "bere") il mate amaro, cioè senza zucchero, benché molte volte è addolcito, l'endulzante più sano è l'Stevia rebaudiana.

[253]

Il mate con la sua bombilla ed un moderno termo o thermos che mantiene l'acqua calda ad approssimativamente 80 °C.
  • yerba mate, sebbene in Argentina sia molto diffuso il consumo di caffè, il mate (ricco in salutari polifenoli -specie di antiossidanti- ) è un infuso molto comune, per questo il mate è riconosciuto come bevanda nazionale. Per abbassare l'acidità del mate, normalmente è mescolato con erbe come la peperina, la congorosa o il ansiolitico burrito[254] e la yerba carnicera[255] e talvolta condito con un pezzo di buccia d'arancia o limone, ecc. Il mate benché contenga un alcaloide simile alla caffeina chiamato mateina, a differenza del caffè è un ansiolitico naturale e salutare, e ricco di buoni nutrienti. Il mate d'altronde il nome tradizionale più comune in Argentina del mate è "yerba" (erba).[256]

Il mate si beve in quattro modi abbastanza differenti, principalmente:

    • 1) Il più tradizionale (in forma di decotto), è bevuto mediante una specie di cannuccia chiamata "bombilla" da un recipiente chiamato anche mate[257] o, se no, porongo[258] dove si mettono le foglie macinate ed essiccate al sole, e doppo triturate moderatamente, senza polverizzarle di erba mate e dopo di sistemarle adeguatamente dentro il recipiente intorno alla bombilla, li è aggiunti lentamente, da una specie di teiera chiamata pava, l'acqua a circa 80 °C, (la temperatura dell'acqua di questo decotto non deve superare i 80 °C ) , l'acqua dolce potabile per il mate non deve essere mai bollita (quemada) poiché l'acqua senza sufficiente ossigeno fa insipido a questo decotto. Il decotto di mate (come tutte le altre infusioni e decotti del mondo) non dovrebbe essere bevuto a più di 65 °C in modo che ognuno che riceve il primo mate in ronda a bere dovrebbe aspettare un po'di tempo per succhiare.[259](Questo tipo di mate normalmente è accompagnato con piccoli dolci come quelli già citati tortas fritas / torte fritte, le frittelle rotonde e dolci chiamati buñuelos o miñuelos o con facturas come le medialunas/cornetti).[260] Questo tipo di mate, se si beve senza additivi, specialmente se non è addolcito si chiama cimarrón ( selvatico ).
    • 2) Il mate cocido (mate cotto) è una specie di tè di mate.
    • 3) Il tereré è una bibita basata sulle foglie di yerba mate inzuppate in acqua dolce e perfino in succhi di frutta benché nel nordest dell'Argentina si preferisce l'erba ed il frutto dell'arbusto chiamato tassonomicamente Solanum sisymbriifolium. Il tereré non si riscalda, si beve freddo. (la sua temperatura normalmente non supera i 8 °C.), e si beve principalmente nei troppo caldi mesi di estate nelle province del Nordest Argentino.
    • 4) Mate de leche / mate di latte, infusione nella quale invece di acqua si usa il latte per preparare il mate.
    • 5) Nelle province di Tucumán, di Salta, di Jujuy e la di Catamarca si beve a volte il mate chiamato yerbiao (parola che nell'arcaizzante spagnolo argentino o castigliano significa erbato ) che non è un'altra cosa che un mate al quale lo sono aggiunto alcuni gocce di ginebra o di canna bruciata e muña muña e basilico.[261]
    • Mate gazzosa: Una gazzosa basata nell mate è Mate O , inventata per l'argentino Enrique Zanoni, con abbastanza successo nell'estate di 2015 a Parigi.[262]
  • In quanto al caffè normalmente si beve quasi sempre in modo simile alla maniera spagnola e italiana: caffè con latte[263][264], caffè in tazzina (en pocillo), caffè espresso, cappuccino etc, sono comuni il caffè con latte, il café cortado (ad una tazza di caffè caldo ben denso lo è aggiunto suolo un piccolo getto di latte, se lo rigira ed è pronto.), il caffè con crema (quasi sempre con crema di latte di mucca), e fino ad in giorni caldi il referesco di caffè chiamato mazagrán che è un'infusione di caffè dopo raffreddata ed alla quale possono essere aggiuntolo liquori (questo caffè freddo è molto anteriore al globale frappuccino che si è diffuso nelle principali città dell'Argentina dai 1990.); benché ancora sia poco frequente il ristretto. In Argentina a dispetto dell'enorme influsso italiano, è difficile trovare tavole calde dove si vendono amari, al loro posto durante tutto il secolo XX sono stati molto frequenti i "cafetines" o stabilimenti dove si vendono infusioni di caffè e, in minore misura, amari (chiamati anche "aperitivos"). Il primo caffè (caffetteria) aperto a Buenos Aires fu il 2 gennaio 1799, per il oriundo ligure Michelle Delfino / Don Miguel Delfino col nome di Café de los Catalanes / Caffè dei Catalani.[265]
  • Nell'ampio strato sociale di Ceto medio argentino, e specialmente tra le le donne durante le riunioni pomeridiane, è frequente il consumo di spesso con l'aggiunta di alcune gocce di limone.
  • cioccolato: normalmente è, in giorni caldi, frequente il suo consumo diluito in latte freddo di vacca dell'a chocolatada o latte al cioccolato tra i fanciulli di ceto medio, invece, durante i giorni freddi è tradizionale il consumo di cioccolato (con latte) caldo accompagnato con le frittelle chiamate churros. Anche, soprattutto nelle "confiterías" e restós è frequente bere il cioccolato chiamato submarino / "sottomarino" a base di una tavoletta di cioccolato nero diluita con un cucchiaino in un bicchiere grande di latte quasi bollente.[266] La diffusione di infusioni di consumo di cioccolato in Argentina sembra emergere nel anno 1799 con il viceré spagnolo Gabriel de Avilés.[267] Inoltre, il cioccolato caldo con latte è bevuto anche come una specie di bibita di festeggiamento nazionale durante le due date dell'indipendenza argentina: il 25 maggio ed il 9 luglio.

Amari (aperitivos)[modifica | modifica wikitesto]

Bibite alcoliche per fermentazione[modifica | modifica wikitesto]

  • vini, il vino è la bibita nazionale dell'Argentina[271][272]; la produzione vitivinicola in Argentina sale all'anno 1536, quando il presbitero spagnolo Juan Cedrón (o chissà Cidrón) piantò in Santiago del Estero i primi ceppi di uva moscatello e "uva paese" provenienti dalla Spagna per celebrare la messa . L'espansione della produzione argentina di vini parte nella seconda metà dal XIX secolo grazie a due fattori: un aumento della domanda interna ed il gran afflusso migratorio di italiani, spagnoli e, perfino, francesi. L'immigrazione proveniente dalla Francia fu specialmente un gran influsso in San Rafael. Per tutto questo L'Argentina è il quinto produttore mondiale di vini (nell'anno 2017 precedono l'Argentina solo Francia, Italia, Spagna e Stati Uniti), mettendo in evidenza le province di Mendoza e di San Juan per la quantità e la qualità delle sue produzioni.

I vini argentini sono varietà provenienti principalmente da vini francesi e il ceppo emblematico è il Malbec argentino[273], i vini di origine francese sono seguiti in egual misura da quelli di origine italiana (Bonarda) e quelli di origine spagnola (Tempranillo e Carlón)[274][275][276] prodotte seguendo modalità argentine con viti argentine.

Bicchieri di vino rosso o "tinto" (a sinistra) e vino bianco (a destra) argentini.

Ci sono due vini nettamente argentini: il vino bianco fruttato di colore melato chiamato Torrontés prodotto originalmente nelle Valles Calchaquíes (I.e. in Cafayate e la sua Strada del vino) della Provincia di Salta[277] e dopo nelle province di La Rioja (Argentina) e quella di San Juan con anche eccellente qualità; e il vino rosso (tinto) molto astringente vino della Costa prodotto nelle province di Santa Fe e Buenos Aires, il Vino de la Costa delle Quintas de Sarandí (Fattorie di Sarandí) come le di Berisso hanno origine nelle produzioni delle famiglie di immigrati italiani fin dal XIX secolo essendo celebrata la festa del vino della Costa principalmente nella città di Berisso.[278] Per darloro un invecchiamento o "añejamiento" accelerato, questi vini sono imbottigliati e normalmente sono sepolti nei terreni di giardini o di orti durante almeno un mese. La produzione più meridionale del vino del pianeta si trova nella valle del fiume Negro / Nero nella provincia omonima Provincia di Río Negro, ed eccellente varietali di tipo bianco Riesling nella Provincia di Neuquén ed ancora più al sud nella zona di Telsen (Provincia di Chubut).[279] Essi meritano di essere vini citati gli dalla Caroya o caroyense nella Provincia di Córdoba (Argentina) e gli di Concordia nell oriente della Provincia di Entre Ríos, e gli di Médanos nell'estremo sud-ovest della provincia di Buenos Aires. Alcune delle varietà di uve native di Argentina sono oggi la chiamata Criolla molto apprezzata a partire dalle produzioni di Sebastián Zuccardi e l'uva chinche (la'ultima molto astringente). Sottolineano anche recentemente i vini cabernet sauvignon ed i cabernet franc prodotti anche nell'Argentina. Le produzioni di Malbec sono prodotte ed innovate per argentini come Marcelo Pelleriti e la famiglia Catena o la Bianchi o la Michel Torino o la Rutini (tra altre famiglie argentine proprietarie di rinomate case vinicole o bodegas di vino).[280][281]

Vinos abocados sono vini con una piccola quantità di zucchero e che nell'assaggio non risultano dolci al palato. Questa piccola quantità di zucchero ammorbidisce molto l'acidità o astringenza. Provengono di certi varietales di uve astringenti, sono stati preferiti nella provincia argentina di Córdoba.

  • birre,[282][283] mentre se nel XVIII secolo vi erano piccole birrerie, solo alla fine del XIX secolo le birre argentine hanno grande difuzione inizialmente con origine da quelle alsaziane (Bieckert), alla fine del XIX secolo fu importante l'industria birraia nella Provincia di San Juan, una delle principali famiglie birraie fu la ticinesa di cognome Storni.[284]In seguito si è avuta una forte influenza dalle birre ceche (Pilzen), attualmente le birre preferite sono di gran lunga quelle di tipo tedesco "chiare" prodotte in Argentina, seguite con molto distacco dalle birre scure. Le birre di mestiere o artesanales sono attualmente prodotte con il 100% di lieviti argentini.[285]

Le principali città produttrici della birra Argentina sono Quilmes nella (Provincia di Buenos Aires), quelle di Río Segundo (Provincia di Córdoba), quella del Nord prodotta a San Miguel de Tucumán, le mendocine (vale a dire le della Provincia di Mendoza) e quelle di San Carlos Sud della Provincia di Santa Fe e quelli della chacre di Fernández Oro nella Patagonia (Provincia di Rio Negro). Alla fine del XIX secolo si sono diffusi birre artigianali prodotte principalmente in Traslasierra e Villa General Belgrano (Provincia di Córdoba) e nella fredda regione della Patagonia argentina, molte realizzate negli dintorni di piccole città "alpine" come San Carlos de Bariloche, Villa La Angostura, El Calafate, El Bolsón, Esquel, Trevelin, San Martín de los Andes, Junín de los Andes ecc.[286] Poiché in Argentina risiedono più di 2 milioni di argentini di origine irlandese, i giorni 17 di marzo si celebra la Festa di San Patrizio, chiamata affettuosa e colloquialmente Festa di San Pato[287], con abbondanti libagioni di birra, principalmente nelle città di Buenos Aires, Mar del Plata, Santa Fe, San Antonio de Areco, San Andrés de Giles, Carmen de Areco ecc.[288][289][290][291]

  • sidro / "sidra": nelle feste di fine di anno in Argentina è molto comune il consumo di sidri dalle mele che hanno origine nei sidri italiani della Campania e in quelli spagnoli delle Asturie.
  • In Argentina durante le notturne feste di Natale o notte buona normalmente in famiglia unita si beve sidro e nel momento di passaggio tra l'anno vecchio e l'Anno nuovo, vini spumanti come il frizzante champagne,[292] il cava di origine spagnola e l'asti di origine italiana ed altri delle chiamate espumantes o spumanti.

Bibite alcoliche per distillazione[modifica | modifica wikitesto]

Boccale o chopp di fernando.
Sifoni Drago con la valvola nella testa.

Acqua frizzante o acqua gassata o soda[modifica | modifica wikitesto]

La gente argentina è molto consumatrice di soda cioè acqua gassata, soprattutto nei pranzi d'estate e durante il lento consumo delle picadas, per tale motivo negli anni 60 del XX Secolo si inventò il sifone Drago per fare soda casalinga. La soda o acqua gassata è quasi sempre mischiata con vino rosso o tinto dietro primo riempire un quarto (¼) di bicchiere con vino e dopo di questo riempire quasi sempre ogni bicchiere con soda fredda.

Caramelle (golosinas)[modifica | modifica wikitesto]

In Argentina (2017) si consumano 4 kg pro capite /anno di caramelle (golosinas), per tale motivo le investigatrice argentine Yuliana Monroy, Sandra Rivero ed Alejandra García inventarono caramelle soffici senza conservanti, aromatizzanti, coloranti né saporizzanti.[299]

Salse[modifica | modifica wikitesto]

Polenta argentina con il suo tuco prima di essere spolverata con formaggio grattato. Notare il tipico pezzo di carne di vacca stufata nello stesso tuco.
Un chimichurri forte o con picantezza, nel cui salsa predomina il peperone rosso (aji quitucho o ají morrón rojo).
  • tuco: dal ligure o zeneize tuccu (sugo), salsa di pomodoro simile al ragù composta molte volte derivata di un estofado, oltre che dal pomodoro anche da carne bovina stufata preferibilmente col taglio di carne bovina chiamato nalga / (natica), o bensì carnaza / carniccio . O, se no, col taglio di carne bovina chiamato nell'Argentina: cuadril / (anca) e specialmente colita de cuadril / codetta di anca, con aglio, cipolla, alloro, carota in rondelle o grattata, e menta, e perfino un sorso di vino rosso ("tinto") e funghi secchi così questa salsa argentina con origini principalmente italiane e poi spagnole apporta i molto salutari licopene, il resveratrolo, carotene e varie vitamine e proteine indispensabili; il tuco si usa principalmente per condire le pastasciutte e la polenta.[300][301][302]
  • pesto: salsa basata su basilico pestato con olio di oliva, aglio, in Argentina a volte il basilico va accompagnato da prezzemolo e normalmente si serve insieme a un tipo di formaggio parmigiano grattugiato con la polenta e le paste con la salsa al pomodoro chiamata tuco;
  • chimichurri: (pron. it.: cimiciurri; salsa fredda, è una miscela a base di olio, aceto, aglio, cipolla, peperoni, origano, basilico), il chimichurri si usa principalmente per condire gli asados (arrosti) ed i choripanes / cioripani benché sia una salsa di uso molto versatile. Nella salsa verde argentina chiamata chimichurri si dà importanti varietà, la cosa più frequente è distinguere tra la chimichurri soave di gusto che è il più comune e la chimichurri forte.
  • salsa golf: salsa fredda e cremosa rosata di colore e di sapore soave che è una miscela di maionese e purè morbido di pomodori o ketchup,[303] piatto tipico argentino sono i palmitos (palmetti) con salsa golf (in generale i cilindrici e bianchi palmetti sono avvolti con fete di prosciutto argentino), tra altre preparazioni culinarie tipiche argentine realizzate con salsa golf può degustarsi la pizza di palmitos/palmetti con salsa golf;[304] e la insalata Richmond, preparata con gamberi, rondelle di mela, uova sode in rondelle, sedano, palmi e la maturazione, o meglio, condimentazione fatta con salsa golf. La salsa golf non deve essere confusa, a dispetto del suo colore, con la salsa rosa.
Salsa golf in bicchieri preparata per condire alimenti.
  • salsa criolla; tipica salsa argentina fatta con: ají, rondelle di cipolla, fette di aglio e pimento, ed anche pepe nero saltati in padella. La salsa criolla / salsa creola (come dice il nome) è una sintesi di salse spagnole e italiane con (forse) minimi contributi africani e nativi indoamericani. In occasioni la salsa criolla sostituisce al chimichurri per condire generosa e salubremente ai choripanes / cioripani.[305]
  • fileto o filetto: a dispetto del suo nome è una salsa italoargentina senza carne, basata principalmente in pomodoro con cipolla ed origano.[306]
  • salsa parisien /salsa parigienne ; la salsa parisien argentina riceve il suo nome di ristorante (dove fu inventata) della città di Buenos Aires chiamato "París" (nome spagnolo di Parigi) e si basa su crema di latte, champignon, petto di pollo, cipolle di inverdisco, noce moscata ecc.[307]
  • salsa portuguesa (salsa portoghese): basata in 3 pomodori o 1 brik di purè di pomodoro. Olio d'oliva. 2 cipolle di inverdisco o cipolla normale. 2 denti aglio. 1 cucchiaiata di peperone macinato. 1 cucchiaiata di origano. 1 cucchiaiata di prezzemolo secca o fresca picchiata. 1 cucchiaiata di zucchero mascabo.
  • salsa cuatro quesos /salsa quattro formaggi, la cui ingrediente principali sono la panna ed i seguenti formaggi:1 etto o 100 gr. di formaggio mozzarella o cuartirolo, 1 etto di formaggio gruviera / gruyer o pategras, 1 etto di formaggio reggianito, 1/2 etto o 50 gr. di formaggio azzurro o roquefort (questa salsa è ideale per accompagnare qualunque pasta o carne arrosta).[308]
  • salsa rosa (argentina), non deve essere confusa, a dispetto del suo colore, con la salsa golf neanche deve confondersi con la salsa rosa di tipo italiana perché la salsa rosa italiana normalmente è fredda e molto simile all'argentina salsa golf e poiché la salsa rosa argentina è una specie di tuco basato in due ingredienti principali: pomodori e panna o crema di latte col condimento di diverse spezie, aglio e perfino l'aggiunto di olio di oliva ecc. Si usa calda per accompagnare paste.[309]

Sono anche salse molto frequenti la salsa a la boloñesa, la salsa pomarola o pommarola argentina[310], la salsa scarparo (in Argentina la salsa scarparo normalmente è definita come un miscuglio di tuco con pesto),[311] per le paste e la polenta.[312] Altre salse che sono molto frequenti in Argentina che possono consumarsi fredde sono la salsa provenzal / salsa provenzale basata quasi sempre in un miscuglio, fino a formare un'emulsione, di olio di oliva, più agli , cipolla e prezzemolo tritatti che è molto simile all'aioli spagnola (chiamata nella'Argentina: alioli),[313] i.e.: pollo a la provenzal / pollo alla provenzale[314] e la salsa di peperone affumicato (salsa de ají ahumado). Salsa de tomates con arvejas y cuadraditos de papa / salsa di pomodori con veccie e quadrati di patata (si usa principalmente per condire carni, milanese ecc).[315]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f LA CUCINA ARGENTINA, su infoargentina.net. URL consultato il 27 aprile 2018.
  2. ^ [http://www.agrodolce.it/speciali/cucina-argentina-2/
  3. ^ Considerare che ognuna delle regioni dell'Argentina ha in complesso estensioni simili all'insieme di vari Paesi dell'Europa Occidentale e Centrale.
  4. ^ Tortilla di patate argentina
  5. ^ Cucina Argentina, su agrodolce.it. URL consultato il 27 aprile 2018.
  6. ^ Nella regione andina di América del Sud la parola locro è un nome generico per diversi stufati e pietanze spessi che possono essere molto differenti, per esempio l'insieme di locros di Argentina è molto differente a quelli di Perú o di Equatore nei suoi ingredienti.; Ricette di locro argentino, su es.wikibooks.org. URL consultato il 27 aprile 2018.
  7. ^ (ES) Las 14 recetas sanjuaninas más tradicionales, su tiempodesanjuan.com. URL consultato il 27 aprile 2018.
  8. ^ (ES) Patay o pan de algarrobo, su taringa.net. URL consultato il 27 aprile 2018.
  9. ^ Chupín la cui etimologia è la parola originata dal ligure ciuppin.
  10. ^ (ES) Los Pulperos de la Bajamar – Las Grutas Patagonia, su cordobes.com, 28-12-2009. URL consultato il 27 aprile 2018.
  11. ^ (ES) Siete platos tradicionales de Tierra del Fuego, su clarin.com, 16-4-2017. URL consultato il 27 aprile 2018.
  12. ^ La carne in Argentina normalmente è tradizionalmente più cucinata, cioè, meno sugosa che in Europa ed in altre zone del pianeta.
  13. ^ Nell'Argentina la migliore carne bovina è alimentata naturalmente grazie agli immensi foraggi, poiché tale carne ha poco colesterolo dil chiamato brutto, (ma da approssimativamente l'anno 2005 troppo di feedlot per favorire la coltivazione di soia transgenica, la soia quasi non è consumata dagli argentini poiché è alimento solo di esportazione, è diventato molto comune il bestiame alimentato in feedlot di carne più crassa e meno saporita).
  14. ^ Las parillas / Le griglie, con una descrizione grafica figurativa dell'origine del chulengo
  15. ^ Bifes express con zapallo al horno
  16. ^ Cuochi Argentini /Cocineros Argentinos: Asado con cuero y triple costillar a la estaca / Arrosto con cuoio e triplo costillar al bastone
  17. ^ Cuochi Argentini: Spettacolare arrosto allo spiedo/ Espectacular asado al asador
  18. ^ a b tagli di carne argentine/ Cortes de carne argentinos
  19. ^ Ojo de bife Archiviato il 22 aprile 2017 in Internet Archive.
  20. ^ Come fare verdure arrostite alla griglia / Cómo hacer verduras asadas a la parrilla
  21. ^ Dieci cose che non devi fare mai quando prepari un arrosto / Diez cosas que jamás debes hacer cuando preparas un asado
  22. ^ [1]
  23. ^ Pollo-al-spiedo-rotisero.html Pollo allo spiedo rostisato / Pollo al espiedo rostizado[collegamento interrotto]
  24. ^ Cuochi Argentini: Pollo e arrosto speziato al spiedo
  25. ^ Entro le varietà di pagnotte di briciola bianca più consumate in Argentina si raccontano, oltre al pan francés / pane francese e del pane casero, la rosetta sferica con molta più briciola che l'italiana, il piccolo miñón / mignon, il pane molto piatto e circolare appena infornato chiamato figazza ed anche chiamato pane di pita, la tortuga / tartaruga, il pane felipe, il pane fondín o di locanda, il pane flauta, il flautín, i pani chiamati milonga, il baguetín, ciabatta, il pan peludo, il pan lactal / pane lattale o pancarré ecc.
  26. ^ I più famosi pane casalinghi o fatti in casa sono attualmente gli santiagueños cioè gli fatti nella Provincia di Santiago del Estero con la mollica o briciola bianca mescolata con cicciolo o "chicharrón",
  27. ^ Come fare un forno argentino di fango
  28. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Pane casalingo argentino di campo / Pan casero argentino de campo
  29. ^ farina leudante e che cosa significano gli zeri marcati nel contenitore / harina leudante y qué significan los ceros marcados en el contenedor
  30. ^ Provoleta alla griglia un classico argentino/ Provoleta a la parrilla un clásico argentino.
  31. ^ Provoleta alla griglia con crosta dorata e croccante / Provoleta a la parrilla con costra dorada y crocante
  32. ^ Provoleta oro in formaggio / Provoleta: oro en queso
  33. ^ Tutta la pasta argentina / Toda la pasta argentina, glossario di paste / glosario de pastas
  34. ^ Il mistero di alcuni piatti argentini, perché si chiamano così
  35. ^ Tallarines a la parisien
  36. ^ Cuochi argentini: Salsa parigienne / salsa parisien
  37. ^ Nell'Argentina durante gli anni 1950 si inventò una macchina casalinga per fabbricare rapidamente diversi tipi di pastasciutte, tale macchina si denomina "pastalinda."
  38. ^ Riccete: fideos verdi con pastalinda
  39. ^ Cuochi Argentini: Tagliatelle rosse/ Fideos rojos con ají morrón
  40. ^ tagliatelle rosse / fideos rojos con pastalinda
  41. ^ https://www.pedidosya.com.ar/restaurantes/buenos-aires/pippo-menu
  42. ^ Tarteletti con sugo di arachidi / Tarteletis con salsa de maní
  43. ^ Gnocchi alla gaucito / Ñoquis a la gauchito
  44. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Gnocchi di patata del giorno 29 / ñoquis de papas del día 29
  45. ^ Cuochi Argentini: gnocchi di ricotta con diffenti ripieni / ñoquis de ricota con diferentes rellenos
  46. ^ Cuochi Argentini: gnocchi alla romana / ñoquis a la romana
  47. ^ La storia della pizza argentina, di dove uscì la mezza massa
  48. ^ Nell'Argentina esiste una varietà di pizza chiamata precisamente pizza napolitana (sic) tuttavia del nome normalmente ha molta più mozzarella che la propriamente napoletana, poiché così è il gusto argentino.
  49. ^ Che cosa differenzia alla pizza di Napoli / Nápoles delle pizze argentine
  50. ^ Pizza casera argentina
  51. ^ pizza con prosciutto e morroni / Pizza con jamón y morrones
  52. ^ Pizze argentine con uova
  53. ^ Recetas argentinas: pizza de prosciutto e peperoni / de jamón y morrones
  54. ^ Le olive sono prodotte principalmente nella Provincia di La Rioja, dove si trova a partire dal XVII secolo, una varietà di oliva grossa tipica chiamata Arauco.
  55. ^ Cocineros argentinos / Cuochi argentini: Pizza al molde
  56. ^ Cocineros argentinos / Cuochi argentini: Pizza de cancha
  57. ^ Pizza a la griglia / Pizza a la parrilla
  58. ^ cose che dovete sapere per fare una perfetta pizza alla griglia
  59. ^ Hamburpizza e altre pizze argentine
  60. ^ Panorama: come preparare una pizza calabrese casalinga / cómo preparar una pizza calabresa casera
  61. ^ Pizza di palmetti con salsa golf
  62. ^ Pizza con palmetti e salsa golf
  63. ^ Cuochi Argentini: Pizza di manioca / Pizza de mandioca
  64. ^ Visitemos Misiones Pizza di manioca / Pizza de mandioca
  65. ^ Pizza de erba mate / Pizza de yerba mate
  66. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Pizza attorcigliata con olive / Pizza enroscada con aceitunas
  67. ^ Incredibile pizza in cono / Increible pizza en cono
  68. ^ Inventó pizza en cono
  69. ^ Conopizza
  70. ^ Cuochi Argentini: Pizzette / Cocineros Argentinos: Pizzetas
  71. ^ Paparella o formaggio di patata / Paparella o queso de papa
  72. ^ http://www.revistasusana.com/1994813-como-hacer-la-torta-rogel-de-maru-botana Como fare la torta rogel ricetta di Maru Botana]
  73. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Dolce di latte casalingo argentino / Dulce de leche casero argentino
  74. ^ Cuochi Argentini; carni: Bistecca alla creola / Bife a la criolla
  75. ^ Sapevi che il bife di chorizo (=salsiccia) si denomina così magari perché questo taglio, visto di profilo, ha una curvatura che ricorda ad una salsiccia.
  76. ^ Ricette dell'Argentina / Recetas argentinas: bistecca alla piastra / bife a la plancha
  77. ^ istruzioni per cucinare alla piastra una bistecca o bife in quattro passi/ instrucciones para cocinar un bife a la plancha en cuatro pasos
  78. ^ Le 5 milanese preferite per gli argentini / Las 5 milanesas preferidas por los argentinos
  79. ^ Cuochi Argentini: Lingua al prinzimonio / lengua a la vinagreta
  80. ^ Perché alla fine di secolo XIX e durante la prima metà del secolo XX in questi stabilimenti si giocava alle bochas o bolas il nome "boliche" soppianto quasi totalmente al previo pulpería.
  81. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Milanese soufflé / Milanesas soufflé
  82. ^ Milanese di mondongo all'aglio e prezzemolo con riso bianco / Milanesas de mondongo al ajo con arroz blanco y peregil
  83. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: milanesi di riso con insalata fresca / milanesas de arroz con ensalada fresca
  84. ^ La milanese alla napoletana fu inventata nella città di Buenos Aires dall'argentino di origine calabrese Jorge La Grotta nella prima metà del secolo XX.
  85. ^ Cuochi argentini / Cocineros argentinos: Milanese alla napolitana con patatine / Milanesa a la napolitana con papas fritas
  86. ^ La vera storia della milanese alla napoletana / La verdadera historia de la milanesa a la napolitana
  87. ^ La Gaceta (giornale):Tucumán rende omaggio a Chacho il re della milanese
  88. ^ Classici argentini: scaloppine alla marinaia / Clásicos argentinos: escalopes a la marinera
  89. ^ La polenta o pulenta apporta tante calorie nei mesi freddi dell'Argentina che la parola "pulenta" -per metafora- in lunfardo ha passato a significare forza o forza vitale e, in generale, qualcosa di valore.
  90. ^ Cuochi Argentini /Cocineros Argentinos: Distinti tipi di polenta argentina;ricette / Distintos tipos de polenta argentina;recetas
  91. ^ All'uso nostro - Polenta taragna con salchicha a la salsa pommarola
  92. ^ La Nación: polenta con formaggio e tuco / polenta con queso y salsa de tomates
  93. ^ polenta sovraccarica anitfreddo/ polenta recargada antifrío
  94. ^ polenta all tavolo con stufato / polenta a la tabla con estofado
  95. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: albóndigas de carne y pan / polpette di manzo e pane
  96. ^ L'etimologia della parola empanada / impanata, è di origine latina, deriva di tra e pane / inter-panis, cioè: in pane poiché i primi panzerotti europei erano come panini che si realizzavano cucinando il pane col suo ripieno, ancora attualmente in certe zone rurali argentine si producono pani ripieni.
  97. ^ Las siete mejores empanadas de Argentina / Le sette migliori empanade dell'Argentina
  98. ^ Il migliore panzerotto creolo argentino / La mejor empanada criolla argentina
  99. ^ Pinterest it. Cucina argentina: ricette di "empanadas" argentine.
  100. ^ Penserotti gourmet argentini / Empanadas gourmet argentinas
  101. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Sfiha / fatay / empanadas "árabes" argentinas.
  102. ^ empanadas-arabes-argentinas
  103. ^ Ricetta della Trippa alla milanese o busecca
  104. ^ Come preparare una buseca argentina
  105. ^ Ricetta di buseca argentina
  106. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos Casseruola di mondongo / Cazuela de mondongo
  107. ^ Riccette di Argentina / Recetas de Argentina: bollito di mondongo
  108. ^ Cuochi Argentini: Risotto di fungi per il nuovo Juan Bracelli / Cocineros Argentinos: Risotto de hongos por el nuevo Juan Bracelli
  109. ^ Risotto di carciofo all'aglio / Risotto de alcaucil al ajo
  110. ^ Tipi di riso più frequentemente coltivati in Argentina nell'anno 2017 / Tipos de arroz más frecuentemente cultivados en Argentina en el año 2017
  111. ^ Supra il riso
  112. ^ Di origine spagnola benché in Argentina sia frequente trovare la tipica ricetta di tortilla di patate spagnola come cibo abituale anche esistono per esempio versioni argentine che includono, piccole quantità di veccia e di peperone, ed i naturisti e dietologi argentini suggeriscono soppiantare come ingrediente principale la patata (papa) per la patata americana (batata).
  113. ^ Cuochi Argentini: tortilla di patate argentina/Cocineros argentinos: tortilla de papas argentina
  114. ^ Cuochi Argentini/Cocineros Argentinos:frittata agli spinaci / tortilla de espinacas
  115. ^ Cuochi Argentini /Cocineros Argentinos Patate soufflé dell Palazzo de la Patata Friguta / Papas soufflé del Palacio de la Papa Frita.
  116. ^ Così si preparano i patate soufflé del Palazzo della Patata Frigguta / Así se preparan las papas soufflé del Palacio de la Papa Frita
  117. ^ sono Guisos
  118. ^ guiso de fideos / stufato di pastasciutte
  119. ^ Guisito: ti fai uno stufato facile ed a buon mercato o economico / Guisito: hacete un guiso fácil y barato
  120. ^ Guiso carrero
  121. ^ Ricette argentine Estofado con carne / Stufato con manzo
  122. ^ Cuochi Argentini: Crochetas di pastasciutte con formaggio / Croquetas de fideos con queso
  123. ^ Cuochi Argentini: torrejas di riso / torrejas de arroz
  124. ^ Torrejitas di pastasciutte / Torrejitas de fideos
  125. ^ Pigüé: Festa della omellette gigante
  126. ^ Cuochi Argentini: varietà di ommelets argentine / Cocineros Argentinos: variedad de ommelets argentinas
  127. ^ ricetta per fare reviro misionero argentino Archiviato il 6 giugno 2017 in Internet Archive.
  128. ^ Ricette sanjuaninas tradizionale: tomaticán, semitas ecc
  129. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Pastello di patate per giorni piuviosi / Pastel de papas para días lluviosos
  130. ^ Maru Botana: Torta di patate (da no confondere con la "tortilla" de origine spagnola) / Pastel de papas
  131. ^ Ricetta per fare mantecol casalingo
  132. ^ La verità sul Nucrem ed il Mantecol / La verdad sobre el Nucrem y el Mantecol
  133. ^ Storia del cioccolatino Bon o Bon
  134. ^ Confitería del Molino
  135. ^ Pane dolce argentino per Le Feste.
  136. ^ [2]
  137. ^ Villa María servì il locro patrio più grande dal mondo
  138. ^ Cocineros argentinos/Cuochi argentini : Bagna cauda santafesina
  139. ^ Calchín Oeste Festa della Bagna Cauda
  140. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Bistecca (stuffatti) a la creola tradizionale / Bife (estofado) a la criolla tradicional
  141. ^ Salame argentino
  142. ^ Il salami più allungo del mondo, nell'anno 2017, realizzato nella città argentina di Tandil
  143. ^ cioccolatino di erba mate o yerba mate, il "chori(zo) del secolo XXI" ed altri alimenti di origine argentina reinventati per il chef argentino Javier Bricchetto a partire da piatti tradizionali argentini.
  144. ^ ricetta per preparare sanguinaccio basco / receta para preparar morcilla vasca
  145. ^ Cagnoli, produzioni d'insacatti in Tandil
  146. ^ Carlos Fernando Barioglio Diccionario ISBN 987-9452-56-9 o url=http://books.google.com.ar/books?id=QjNaWBf6tbMC&
  147. ^ Festa del Codeguino a Caroya / Fiesta del Codeguín en Colonia Caroya
  148. ^ recette con peceto o pesceto
  149. ^ Panino di matambre raggomitolato
  150. ^ matambre alla pizza
  151. ^ matambre alla pizza
  152. ^ E compresi i pinchos o pintxo di origine basca.
  153. ^ Il sifone per soda preferito è un'invenzione argentina: il sifone Drago)
  154. ^ piccoli bastoni di un pollice di longitudine che si realizzano all passare i bastoni di mozzarella per farina, uovo e pane grattugiato,doppo questo portare alla gelataia e dopo friggere ben fredde.
  155. ^ nabos fritos /rape fritte
  156. ^ Hacela fácil: milanesas de mozzarella / Falla facile: milanese di mozzarella
  157. ^ Formaggini Adler /Quesitos Adler
  158. ^ Revistacanal: Ricette per una "picada / picatta" originale / recetas para una picada original
  159. ^ [3]
  160. ^ [4]
  161. ^ [5]
  162. ^ [6]
  163. ^ picadas argentoarmenias
  164. ^ Picada Caliente Armenia
  165. ^ [7]
  166. ^ Picada argentinoaraba per mangiare con la mano
  167. ^ Nel Nordovest dell'Argentina (Province di La Rioja (Argentina), Santiago del Estero, Catamarca e la di Salta.), tra fini del secolo XIX e dimezzati del secolo XX fu abbastanza importante l'immigrazione di libanesi e siriani con passaporto dell'impero Ottomano e per quel motivo chiamati turcos / turchi.
  168. ^ [benché esistano molte varietà di verdure, legumi ed ortaggi che normalmente sono inglobate in uno stesso nome, in Argentina le lattughe più comuni sono le lattuga "arrepollada" (cavolata) e la lattuga romana
  169. ^ Cuochi argentini / Cocineros argentinos: sándwiches de miga / panini di miga argentini
  170. ^ Lombino argentino ma senza carne / Lomito argentino mas sin carne
  171. ^ Recetas de Argentina: revuelto Gramajo
  172. ^ [8]
  173. ^ Cuochi Argentini: pastafrola classica / pastafrola o pastaflora clásica
  174. ^ Pinterest it.: Ricette di pasta frola argentina
  175. ^ [9]
  176. ^ todo postres Arg./Tutto postra sambayon
  177. ^ Il migliore gelato del mondo / El mejor helado de mundo
  178. ^ I Pérez Companc arrivano al quartiere di Recoleta (Buenos Aires) / Los Pérez Companc llegan al barrio de Recoleta
  179. ^ Cocineros Argentinos: Imperial ruso
  180. ^ Cuochi Argentini/Cocineros Argentinos: Riso con latte con dolce di latte /Arroz con leche y dulce de leche
  181. ^ Arrivò il cremosísimo
  182. ^ Andrés (Andrea) Mendizabal continua l'eredità di suo nonno / Andrés Mendizabal sigue el legado de su abuelo
  183. ^ Dieci cose che sicuramente non sapevi sul mondo dei formaggi dell'Argentina
  184. ^ Formaggio crema (ed altri) di Brinkmann / Queso crema (y otros) de Brinkmann
  185. ^ Ruta del queso
  186. ^ / il manchego dalla Terra del Fuoco
  187. ^ Cuochi Argentini/ Cocineros Argentinos: Deliziosa tarta di ricotta in 5 passi / Deliciosa tarta de ricota en 5 pasos
  188. ^ Cuochi Argentini: Torta di ricotta di panetteria / Tarta de ricota de panadería.
  189. ^ Cuochi Argentini: torta de ricotta e dolce di latte / tarta de ricota y dulce de leche
  190. ^ filet de merluza a la romana /filetto di merluzzo alla romana
  191. ^ Cuochi argentini / Cocineros argentinos: ciurri fatti in casa / churros caseros de Lanús
  192. ^ Cuochi Argentini: Crema pasticiciere / Crema pastelera
  193. ^ Centolla fueguina del Beagle
  194. ^ http://caserissimorecetas.blogspot.com.ar/2014/04/carbonada-criolla-argentina.html Carbonada criolla Argentina]
  195. ^ Incredibile carbonada
  196. ^ Cuochi argentini/Cocineros argentinos: chocotorta
  197. ^ [10]
  198. ^ Cuochi Argentini/Cocineros Argentinos: mazamorra
  199. ^ Mazamorra Argentina: ricetta di un dolce creolo tradizionale della epoca coloniale spagnola / Mazamorra Argentina:receta de un postre criollo tradicional de la época colonial española Archiviato il 18 febbraio 2017 in Internet Archive.
  200. ^ / Quale l'origine è dell'alfajor e come si trasformò in una icono nazionale / Cuál es el origen del alfajor y cómo se convirtió en un ícono nacional
  201. ^ Ricetta di fondant-passo-a-passo-e-suo-applicazioni.
  202. ^ Cuochi Argentini: Alfaggiori cordobesi (argentini) classici / Alfajores cordobeses (argentinos) clásicos
  203. ^ Gli alfajores cordôbeses / cordovani argentini normalmente hanno anche nel suo dolce alcune gocce di vodka prodotto nella stessa provincia argentina di Côrdoba, la vodka fu introdotta e prodotta ad inizi di secolo XIX (1919) per una famiglia russotedesca nella Valle di Traslasierra, più precísamente nella piccola località cordôbesa di Nono, attualmente la vodka argentina più conosciuta, premiata internazionalmente, è la chiamata Nikov, tale brand di vodka argentino recive il suo nome dell'abbreviazione del nome di pila di Nikolaj von Rennenkampf.
  204. ^ Vodka (argentina) Nikov: storia
  205. ^ Cuochi Argentini: Alfaggiori santafesini sovraccaricati
  206. ^ Alfaggior santafesino che ricorda alla postra rogel.
  207. ^ Cuochi Argentini: alfaggiori marplatensi / Alfajores marplatenses
  208. ^ Cuochi Argentini: alfaggiori di maizena / Cocineros Argentinos: alfajores de maicena
  209. ^ conitti di dolce di latte o pellizcos e alfajores de chocolate
  210. ^ Cuochi Argentini: Pastelitos caseros o pastelitos criollos
  211. ^ Torte fritte ripiene / Tortas fritas rellenas
  212. ^ Melanzane sottoactto alla'Argentina
  213. ^ Cocineros Argentinos: Postre Balcarce
  214. ^ [ Tutto indica che il nome spagnolo che sembra molto italiano deriva da un omaggio al papa Pio IX
  215. ^ Cuochi Argentini: Curanto: un leggendario cibo patagonico / Curanto: un legendario alimento patagónico
  216. ^ De Buena Mesa / Di Buona Mensa: ricette di curanto / De buena mesa: recetas de curanto
  217. ^ [11]
  218. ^ Ricetta di dolce di batata casalingo / Receta de dulce de batata casero
  219. ^ Il mondongo argentino è simile ma non identico alla tripa o trippa spagnola e al menudo (in Argentina, invece, si chiama spesso menudo/minuto a piccole porzioni di animali che non hanno nulla a che fare con la trippa, come, per esempio, un menudo di pollo).
  220. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: stufato di mondongo / guiso de mondongo
  221. ^ Cuochi argentini / Cocineros argentinos : zucchini ripieni / zapallitos rellenos
  222. ^ Zucchine ripieni di carne macinata di manzo
  223. ^ Squisite e classiche cozze alla provenzale / Exquisitos y clásicos mejillones a la provenzal
  224. ^ Cozze in marinatura casalinghi / Mejillones en escabeche caseros
  225. ^ Col cornetto o croissant grande chiamato "sacramento" si fanno anche panini che portano lo stesso nome: sacramento, (I "sacramenti" ripieni sono chiamati torpedos = siluri).
  226. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos Don Herrera: Sacramenti ripieni di prosciutto e formaggio
  227. ^ Cuochi Argentini: Sacramenti il passo a passo/ Sacramentos: el paso a paso
  228. ^ Cuochi Argentini/Cocineros Argentinos: Sacramenti ripieni de prosciutto e formaggio / Sacramentos rellenos de jamón y queso
  229. ^ Fatture classice argentine / Facturas clásicas argentinas
  230. ^ Cuochi Argentini:Fatture casalinghe argentine / Facturas caseras argentinas
  231. ^ [12][collegamento interrotto]
  232. ^ [13]
  233. ^ [14]
  234. ^ [15]
  235. ^ [16]
  236. ^ Molto facile e fresca torta di mela
  237. ^ Ricetta di rosca di pascua argentina.
  238. ^ Pani criollitos
  239. ^ Pani libritos
  240. ^ Cuochi Argentini: Bagel di pasqua / Cocineros Argentinos: Rosca de pascua
  241. ^ Vitel thoné navideño / Vitello tonnato di Natale argentino
  242. ^ [http http://www.cocinerosargentinos.com/recetas/8/3315/Panadera/Rosca-de-Reyes-tradicional-rellena-y-con-golosinas.html Vite di Re tradizionale, ripiena e con caramelle]
  243. ^ Chuenga
  244. ^ Uno dei significati in spagnolo argentino della parola Pancho è il ipocoristico vezzeggiativo del nome Francesco, magari perché uno dei primi venditori di hot dogs in Argentina si chiamava Francisco.
  245. ^ [17]
  246. ^ hamburger-di-verdura-e-sesamo / hamburguesas-de-verduras-y-sesamo
  247. ^ Ricetta di chatasca
  248. ^ [ Il verbo dil spagnolo o castigliano argentino caranchear proviene dalla forma di mangiare dell'uccello rapace comunemente chiamato carancho e significa mangiare tra vari commensali ed alternatamente porzioni di un stesso piatto.
  249. ^ Cómo preparar pacú a la parrilla / Come preparare pacú alla griglia.
  250. ^ [18]
  251. ^ Copetines
  252. ^ Eduardo Poretti, un argentino acquisito il mestiere di pasticciere. Poretti sfruttò saggiamente quell'attività in quello che è oggi el Paseo de La Oriental (Passeggiata dell'Orientale) nelle strade 9 di Julio 43 -47.
  253. ^ Fans dil mate / Fans del mate.
  254. ^ [19]
  255. ^ Yerba carnicera
  256. ^ Ma dalla fine del 1960 i consumatori di marijuana o canapa usano la parola "yerba" in modo gergale per riferirsi anche a tale droga (la marijuana o canapa o cannabis), cosicché bisogna fare attenzione quando si è invitati a consumare "yerba". Quindi: si deve distinguere tra l'erba o yerba Ilex paraguariensis con la quale si realizza il mate che è una salutare infusione dalla cattiva (eccetto nei suoi usi medicinali prescritti con ricetta medica) cannabis sativa chiamata anche e falsamente "yerba" ("erba") per i tossicodependenti.
  257. ^ In generale il recipiente chiamato mate deriva di una zucchetta vuotata, asciugata e guarita con un orifizio superiore relativamente angusto.
  258. ^ Il porongo è realizzato con la stessa zucchetta più grande e benché intagliata o tagliata in modo che ha più volume ed una bocca larga egli quale gli fa ideale per versarloro l'acqua 80 gradi centigradi.
  259. ^ Si beve un mate? (seconda parte) /¿se toma un mate? (segunda parte)
  260. ^ / Gli accompagnamenti per il mate più popolari / Los acompañamientos para el mate más populares
  261. ^ [20]
  262. ^ Mate "chic", invento argentino a Parigi
  263. ^ Il caffè con latte molte volte è accompagnato da due mezzelune (croissant), fino alla prima metà del secolo XX più che i croassant erano preferite le focaccine o ensaimadas, le focaccine o ensaimadas più famose sono quelle prodotte nella città di San Pedro (Buenos Aires) fatte per gente oriunda della isola spagnola di Maiorca
  264. ^ [21]
  265. ^ Café de los Catalanes
  266. ^ Cioccolate sottomarino / Chocolate submarino
  267. ^ Avilés doppio viceré benché senza vanità (fumi) / Avilés doble virrey aunque sin humos
  268. ^ erbe principalmente utilizzate negli amari o aperitivi argentini
  269. ^ El club del vermut. ar Ferroquina o Ferrochina / Hierroquina
  270. ^ Il Amaro Serrano / El amargo serrano fu una invenzione di un rafaelino
  271. ^ https://web.archive.org/web/20150502132616/http://www.unbuenvino.com.ar/post/224/ley-26870-vino-bebida-nacional/
  272. ^ http://latinamericahoy.es/2012/06/06/el-vino-en-america-latina/
  273. ^ La parola composta francese significa "cattivo picco" dal momento che il ceppo originale francese era molto astringente, mentre in Argentina si produce un "Malbec" di sapore delicato e di un bel colore rosso.
  274. ^ [questo è originato nella zona spagnola di Benicarló e dopo tipificati in Argentina col nome di Carlón.
  275. ^ Che era il vino carlón / Qué era el vino carlón
  276. ^ Tutto supra il vino carlón (ogni spiegazione sul vino carlón)
  277. ^ Vino Torrontes
  278. ^ Berisso: festa vino della costa
  279. ^ Provincia di Chubut, Telsen, benvenuti / Provincia de Chubut, Telsen, bienvenidos
  280. ^ Voi di che parte stai? /¿vos de qué lado estás?.
  281. ^ Marcelo Pelleriti: l'enologo che unì la cosa migliore del vino col rock / Marcelo Pelleriti: el enólogo que unió lo mejor del vino con el rock.
  282. ^ È tale l'influsso della cultura italiana popolare in Argentina che è molto frequente in Argentina usare il nome italiano birra invece della parola spagnola cerveza per questa bibita.
  283. ^ Birra de Argentina,storia /Cerveza de Argentina, historia
  284. ^ San Juan al Mundo / San Giovanni al Mondo: La cerveza sanjuanina / La birra sangiovannina
  285. ^ Lieviti patagonici argentini / Levaduras patagónicas argentinas
  286. ^ Cervezas de Río Negro / Birre del Fiume Nero
  287. ^ Pato in spagnolo è la parola comune per designare al simpatico papero, nell'Argentina oltre a mantenere il significato di papero, Pato è un ipocoristico o soprannome affettuoso o vezzeggiativo di Patrizio o di Patrizia.
  288. ^ Alicia Prado: Origini irlandesi nell pagus di Areco/ Orígenes irlandeses en el pago de Areco
  289. ^ Breve storia di San Patrizio ed agenda di eventi in tutto il Paese Argentino
  290. ^ conosce come saranno i festeggiamenti per san Patrizio in Mar del Plata
  291. ^ Festa irlandesa en Santa Fe: San Patricio nella staggione Belgrano
  292. ^ Il genuino champagne è prodotto anche in Argentina poiché cantine francese come Chandon lo producono di eccellente qualità nella Provincia di Mendoza seguendo strettamente i metodi medievali europei francesi tradizionali e con licenza di origine. Ovviamente benché il champagne sia un vino molto consumato in Las Fiestas o Le Feste dell'Argentina, dovuto ai suoi prezzi, è consumato a partire dal ceto mezzo alto.
  293. ^ Nell anno 2018 i ragazzi argentini Gianfranco Fiora y Franco Francioni inventarono un robot che fa il cocktail perfetto tra un Fernet e un bevanda Cola per fare un fernando
  294. ^ [22]
  295. ^ [23]
  296. ^ Perché si deve bere canna con ruta il primo giorno di agosto / Por qué se debe tomar caña con ruda el primer día de agosto
  297. ^ Academia Argentina de Gastronomía, Hesperidina el aperitivo made in Argentina
  298. ^ Liquore di dolce di latte / Licor de dulce de leche
  299. ^ Golosinas saludables / Caramelle salutari
  300. ^ tuco o tuccu della nonna fina / tuco de la abuela fina
  301. ^ tallarines fatti in casa con sugo di pomodoro o "tuco"
  302. ^ Il tuco della domenica
  303. ^ Academia Argentina de Gastronomía: Il salsa golf: scienza argentina applicata alla cucina / La salsa golf: ciencia argentina aplicada a la cocina
  304. ^ Ricette e cocina: Pizza di palmetti e salsa golf / Pizza de palmitos y salsa golf
  305. ^ Recetas de Argentina; Salsa criolla
  306. ^ Salsa fileto
  307. ^ Cuochi Argentini / Cocineros Argentinos: Salsa parigienne (Argentina) / Salsa parisien (Argentina)
  308. ^ Ricette argentine: Salsa cuatro quesos / salsa quattro formaggi. .
  309. ^ Salsa rosa (argentina) per paste.
  310. ^ Salsa pomarola argentina
  311. ^ Fusilli o fusiles con salsa scarparo
  312. ^ La polenta o pulenta apporta tante calorie nei mesi freddi dell'Argentina che la parola "pulenta" -per metafora- in lunfardo ha passato a significare qualcosa di valore o forza o forza vitale.
  313. ^ la salsa provenzal / salsa provenzale ha la sua etimologia nella parola latina composta pro vencere; la provenzal al modo argentino è una salsa frequente negli antichi eserciti romani basata principalmente nella combinazione molto salutare: in aglio, olio di oliva, basilico.
  314. ^ Cuochi argentini: Pollo alla (salsa) provenzale / Pollo a la (salsa) provenzal
  315. ^ [http://www.cocinerosargentinos.com/recetas/11/878/Carnes/-Bifes-a-la-criolla-con-papas-y-arvejas.html Cuochi Argentini:Bistecche alla creola con patate e veccie / Bifes a la criolla con papas y arvejas]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Teofila Benavento: La perfetta cuoca argentina / La perfecta cocinera argentina (1901). Buenos Aires, dalla prima edizione nel 1901, viene consultata 1931: Editorial Peuser 1931 e, ovviamente, allora: quella del 1940.
  • Blanca Cotta, Cocina Argentina (por Blanca Cotta), Grupo Clarín, 1999. ISBN 9789504947844
  • Gato Dumas, Las Recetas del Gato Dumas, Editorial Sudamericana, 2000. ISBN 950-07-0312-2.
  • Juana Manuela Gorriti: La cucina eccletica / La Cocina ecléctica (Félix Lajouane editor [1890]).
  • Margarita Elichondo, La comida criolla: Memoria y recetas. Biblioteca de Cultura Popular, Ediciones de EL SOL, 2003. ISBN 950-9413-76-3.
  • Mario José Silveira, Cocina y Comidas en el Río de la Plata, Universidad Nacional del Comahue, 2005, ISBN 9789871154814.
  • Petrona Carrizo de Gandulfo: El libro de Doña Petrona / Il libro di la Signora Petrona, Cía. Gral. Fabril S.A. (Anno 1953) ISBN 9789875022294
  • Pietro Sorba, Nueva cocina argentina, Buenos Aires, Editorial Planeta, 2012. ISBN 9789504929819.
  • Víctor Ego Ducrot, Los sabores de la Patria, Grupo Editorial Norma, 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85031783
Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina