Crystal Gayle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crystal Gayle
Crystal Gayle.jpg
Crystal Gayle nel 2007
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereCountry
Country pop
Pop
Periodo di attività musicale1970 – in attività
Sito ufficiale

Brenda Gail Webb, nota come Crystal Gayle (Paintsville, 9 gennaio 1951), è una cantante statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in Kentucky, è cresciuta in Indiana. Sua sorella maggiore è la cantante Loretta Lynn. Crystal Gayle, come la sorella, è una esponente del genere country.

Il suo brano più conosciuto è Don't It Make My Brown Eyes Blue (1977). Tuttavia il suo primo album è datato febbraio 1975 ed è rappresentato dall'eponimo Crystal Gayle. Nel 1982 ha collaborato alla colonna sonora del film Un sogno lungo un giorno di Francis Ford Coppola, realizzata da Tom Waits.

È inserita nella Hollywood Walk of Fame. Tra gli altri premi ha vinto un Grammy Award, quattro Academy of Country Music Awards e quattro American Music Awards.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

È conosciuta anche per i suoi lunghissimi capelli neri.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album studio
  • 1975 - Crystal Gayle
  • 1975 - Somebody Loves You
  • 1976 - Crystal
  • 1977 - We Must Believe in Magic
  • 1978 - When I Dream
  • 1979 - We Should Be Together
  • 1979 - Miss the Mississippi
  • 1980 - These Days
  • 1981 - Hollywood, Tennessee
  • 1982 - True Love
  • 1983 - Cage the Songbird
  • 1985 - Nodoby Wants to Be Alone
  • 1986 - Straight to the Heart
  • 1988 - Nobody's Angel
  • 1990 - Ain't Gonna Worry
  • 1992 - Three Good Reasons
  • 1993 - Best Always
  • 1995 - Someday
  • 1996 - He Is Beautiful
  • 1999 - Crystal Gayle Sings the Heart and Soul of Hoagy Carmichael
  • 2000 - In My Arms
  • 2003 - All My Tomorrows
Album collaborativi
Album natalizi
  • 1987 - A Crystal Christmas
Colonne sonore
Raccolte (parziale)
  • 1978 - I've Cried the Blue Right Out of My Eyes
  • 1979 - Classic Crystal
  • 1980 - Favorites
  • 1983 - Crystal Gayle's Greatest Hits

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59269579 · ISNI (EN0000 0000 7839 4565 · LCCN (ENn91072365 · GND (DE134382455 · BNF (FRcb138943598 (data)