Cry Macho - Ritorno a casa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cry Macho - Ritorno a casa
CryMacho.PNG
Clint Eastwood in una scena del film
Titolo originaleCry Macho
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2021
Durata104 min
Rapporto2,39:1
Generedrammatico, western, thriller
RegiaClint Eastwood
Soggettodal romanzo di N. Richard Nash
SceneggiaturaN. Richard Nash, Nick Schenk
ProduttoreClint Eastwood, Jessica Meier, Tim Moore, Albert S. Ruddy
Produttore esecutivoDavid M. Bernstein
Casa di produzioneWarner Bros., Malpaso Productions, Ruddy Productions
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaBen Davis
MontaggioJoel Cox, David Cox
Effetti specialiSerkan Zelzele
MusicheMark Mancina
ScenografiaRonald R. Reiss
CostumiDeborah Hopper
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Cry Macho logo - Clint Eastwood film.png
Logo ufficiale del film

Cry Macho - Ritorno a casa (Cry Macho) è un film del 2021 diretto ed interpretato da Clint Eastwood.

Il film è l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo del 1975 scritto da N. Richard Nash, autore della sceneggiatura insieme a Nick Schenk.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 l'ex star del rodeo Mike Milo si è ritirato a causa di un grave infortunio alla schiena. L'anno seguente, il suo ex capo Howard Polk lo ingaggia per andare dal Texas a Città del Messico e riportare a casa il figlio tredicenne di Howard, Rafo. L'uomo accetta e, una volta entrato in Messico, incontra la madre del ragazzo, Leta, che gli dice che Rafo si è dato a una vita criminale, partecipando a combattimenti tra galli con un gallo di nome Macho. Poco dopo Mike trova Rafo, che partecipa a un combattimento di galli interrotto da un raid della polizia. Dopo la partenza della polizia, Mike dice a Rafo che suo padre vuole vederlo. Incuriosito, Rafo accetta di tornare con Mike in Texas e parte per fare i bagagli.

Una Leta ubriaca dice a Mike che vuole che suo figlio rimanga in Messico e lo minaccia. Dopo che Mike se ne va, Leta ordina a diversi suoi scagnozzi di seguirlo. Tornando in Texas da solo, Mike scopre che Rafo si è intrufolato nel suo camion. Quando Rafo gli ruba il portafoglio e condivide con lui il suo desiderio di passare del tempo con suo padre, Mike accetta di accompagnarlo al confine. Durante il tragitto i due si confidano diverse storie sulle loro vite, compreso il modo in cui gli scagnozzi di Leta maltrattavano Rafo, e discutono sul significato di essere "macho".

Durante una sosta in un ristorante Mike chiama Howard e gli dice di aver trovato Rafo. Fuori dal ristorante, uno degli scagnozzi di Leta, Aurelio, cerca di rapire Rafo con la forza, venendo affrontato da Mike; Rafo dice alla gente del posto che l'uomo sta cercando di rapirlo e questi picchiano Aurelio. Dopo che Mike e Rafo se ne vanno, il loro camion viene rubato da due ladri, ma fortunatamente i due rinvengono presto un'auto abbandonata da usare. I due, ricercati dalla polizia, si rifugiano in un ristorante, la cui proprietaria, Marta, accetta di farli restare per la notte. Il giorno seguente Mike vede come Rafo è diventato amico di Marta.

I due continuano il loro viaggio, e Mike confida a Rafo di aver perso la moglie e i figli in un incidente stradale. Mike e Rafo notano poi che l'auto che hanno trovato ha una perdita e sono costretti ad abbandonarla. Dopo essersi imbattuti in un ranch, Mike insegna a Rafo come andare a cavallo e dimostra il suo amore per gli animali. I due tornano al caffè di Marta e iniziano a passare del tempo con la sua famiglia, passando poi anche del tempo al ranch, dove si prendono cura di alcuni animali e perfezionano le conoscenze di Rafo in materia di cavalli. Durante una telefonata con Mike, Howard esprime la sua preoccupazione per il fatto che Mike è ormai in Messico da due settimane, dove si è trattenuto più del previsto, aggiungendo anche che vuole vedere Rafo in modo da convincere Leta a dargli i soldi derivanti da un affare comune.

Mike e Rafo dicono addio a Marta e iniziano il loro ultimo viaggio verso il confine. Con un nuovo veicolo, i due si fermano dopo aver notato una pattuglia che li segue, e Mike racconta a Rafo quanto Howard gli ha detto al telefono. Un Rafo arrabbiato cerca di andarsene, ma la polizia li trova e perquisisce il loro veicolo. Quando non trovano nulla, i poliziotti se ne vanno e la coppia continua il suo viaggio. Mentre guidano, Mike dice a Rafo che essere "macho" è sopravvalutato e lo incoraggia a prendere le proprie decisioni nella vita. Rafo dice che vuole ancora stare con suo padre. A quel punto Aurelio li trova, li manda fuori strada e li tiene sotto tiro, ma Macho gli salta addosso e Mike gli ruba la pistola. I due poi usano la macchina di Aurelio per arrivare al confine. Come ultimo saluto, Rafo dà Macho a Mike prima di riunirsi con suo padre. Mike rimane sul lato messicano del confine e torna da Marta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Tentativi di adattamento[modifica | modifica wikitesto]

Ad inizio anni settanta, N. Richard Nash scrisse una sceneggiatura intitolata Macho, ma la 20th Century Fox la rifiutò due volte;[2] Nash allora trasformò la sceneggiatura in un romanzo dal titolo Cry Macho, pubblicato l'11 giugno 1975.[3]

Dopo le critiche positive ricevute dal romanzo, Nash insistette per la realizzazione della sua sceneggiatura originaria, spedendola a svariate case di produzione fino alla sua morte, avvenuta nel 2000;[4] nel corso di questi anni, molti attori sono stati vicini al ruolo da protagonista, tra cui Roy Scheider, Burt Lancaster, Pierce Brosnan, Arnold Schwarzenegger e lo stesso Eastwood.[5][6]

Nel 1988 Clint Eastwood rinunciò al film per interpretare nuovamente l'ispettore Callaghan in Scommessa con la morte.[7][8] Nel 1991 la produzione del film, con protagonista Roy Scheider, iniziò in Messico ma non fu mai completata.[9][10]

Nel 2003 Arnold Schwarzenegger annunciò che Cry Macho sarebbe stato il primo film realizzato al termine del suo mandato come governatore della California nel 2011,[11] con Brad Furman alla regia e le riprese fissate nel Nuovo Messico;[12][13] il progetto fu annullato a causa di uno scandalo che colpì Schwarzenegger, che portò anche al divorzio dall'allora moglie Maria Shriver.[14]

Nell'ottobre 2020 viene annunciato che Clint Eastwood sarà regista, protagonista e produttore del film per la Warner Bros.,[15] sulla sceneggiatura di Nash e Nick Schenk, già collaboratore di Eastwood in Gran Torino (2008) e Il corriere - The Mule (2018).[16]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 4 novembre 2020 ad Albuquerque[17] per poi spostarsi nella contea di Socorro dal 16 al 30 novembre;[18] la produzione si è spostata successivamente a Belen, dove si è conclusa il 15 dicembre 2020.[17]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato diffuso il 6 agosto 2021[19] insieme al primo poster.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 17 settembre 2021 ed in contemporanea su HBO Max per i primi trentuno giorni,[19][20] mentre nelle sale cinematografiche italiane dal 2 dicembre dello stesso anno.[21]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film è stato vietato ai minori di 13 anni non accompagnati per la presenza di linguaggio e tematiche non adatte.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mirko D'Alessio, Cry Macho: il poster, Clint Eastwood sul suo uomo di parola che ricomincia a vivere, su BadTaste.it, 6 agosto 2021. URL consultato il 6 agosto 2021.
  2. ^ (EN) Unlike the movie, 'Sarava' on stage a subtle, romantic fable [collegamento interrotto], su The Boston Globe. URL consultato il 6 agosto 2021.
  3. ^ (EN) Pranay Gupte, New & Novel [collegamento interrotto], su The New York Times, 13 luglio 1975. URL consultato il 6 agosto 2021.
  4. ^ (EN) Stephen Wigler, RETURN OF A PLAYWRIGHT RICHARD NASH GOES BACK TO THE STAGE -- BUT NOT BROADWAY, su Orlando Sentinel, 3 ottobre 1985. URL consultato il 6 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2020).
  5. ^ (EN) Gabe Toro, Arnold Schwarzenegger Will ‘Cry Macho’ This Fall, su IndieWire, 5 maggio 2011. URL consultato il 6 agosto 2021.
  6. ^ (EN) Stuart Heritage, Will Cry Macho be the ultimate Clint Eastwood film?, su The Guardian, 5 ottobre 2020. URL consultato il 6 agosto 2021.
  7. ^ (EN) Jordan Hoffman, Clint Eastwood Prepares to Cry Macho, su Vanity Fair, 3 ottobre 2020. URL consultato il 6 agosto 2021.
  8. ^ (EN) Pat Saperstein, Clint Eastwood’s ‘Cry Macho’ Sets October Release, su Variety, 22 marzo 2021. URL consultato il 6 agosto 2021.
  9. ^ (EN) Jeremy Dick, Clint Eastwood Will Next Star in and Direct Cry Macho for Warner Bros., su movieweb.com, 3 ottobre 2020. URL consultato il 6 agosto 2021.
  10. ^ (EN) Myra Yellin Goldfarb, ROYALTIES STILL POURING IN FOR 'RAINMAKER' AUTHOR, su The Morning Call, 20 aprile 1991. URL consultato il 6 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2020).
  11. ^ (EN) Arnold won't be back after all, su National Post. URL consultato il 6 agosto 2021.
  12. ^ (EN) Gregg Kilday, Arnold Schwarzenegger Picks Drama ‘Cry Macho’ for Big-Screen Return (Cannes), su The Hollywood Reporter, 4 maggio 2011. URL consultato il 6 agosto 2021.
  13. ^ (EN) Arnold Schwarzenegger talks 'Cry Macho', su Entertainment Weekly, 29 aprile 2011. URL consultato il 6 agosto 2021.
  14. ^ (EN) Marlow Stern, Arnold Schwarzenegger's Canceled Film: How 'Cry Macho' Parallels His Own Scandal, su The Daily Beast, 13 luglio 2017. URL consultato il 6 agosto 2021.
  15. ^ (EN) Justin Kroll, Clint Eastwood Finds His Next Film, Coming On To Star And Direct ‘Cry Macho’ For Warner Bros., su Deadline Hollywood, 2 ottobre 2020. URL consultato il 6 agosto 2021.
  16. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Cry Macho’ Screenwriter Nick Schenk Signs With Management 360, su Deadline Hollywood, 26 febbraio 2021. URL consultato il 6 agosto 2021.
  17. ^ a b (EN) Adrian Gomez, Clint Eastwood to bring 'Cry Macho' to NM, su The Albuquerque Journal. URL consultato il 6 agosto 2021.
  18. ^ (EN) John Larson, Movie to be filmed in Socorro County; extras needed, su dchieftain.com. URL consultato il 6 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2020).
  19. ^ a b c Filmato audio Warner Bros., CRY MACHO – Official Trailer, su YouTube, 6 agosto 2021. URL consultato il 6 agosto 2021.
  20. ^ Simona Carradori, Clint Eastwood è tornato: il trailer di Cry Macho, il suo nuovo film da attore e regista, su Best Movie, 6 agosto 2021. URL consultato il 6 agosto 2021.
  21. ^ Filmato audio Warner Bros., CRY MACHO - RITORNO A CASA - Trailer Ufficiale italiano, su YouTube, 29 settembre 2021. URL consultato il 1º ottobre 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9001164120366910470004
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema