Crowdfunding immobiliare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crowdfunding Immobiliare IMG

Il crowdfunding immobiliare è un sistema innovativo volto a finanziare operazioni immobiliari ricorrendo a un’ampia base di finanziatori.

Le raccolte fondi avvengono perlopiù sul web, attraverso piattaforme dedicate. Da qui, il termine inglese crowdfunding che, tradotto letteralmente, significa “finanziamento da parte della folla”.

Negli ultimi anni, il crowdfunding immobiliare è stato protagonista di una crescita significativa, sia in Italia che nel resto del mondo. Basti pensare che, nel 2019, i fondi investiti in operazioni di crowdfunding immobiliare ammontavano globalmente a quasi 11 miliardi di dollari americani.

Guardando invece all’Italia, soltanto nel 2020 sono stati raccolti più di 65 milioni di euro: 42.672 investitori hanno finanziato 182 operazioni immobiliari.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Il crowdfunding immobiliare è un sistema di finanziamento collettivo, in quanto si fonda sulla possibilità di rivolgersi a un gran numero di investitori per raccogliere i fondi necessari a finanziare operazioni immobiliari. Tali operazioni possono essere di vario genere: può trattarsi ad esempio di compravendite, oppure dell’acquisizione di immobili a reddito.

È opinione comune considerare il crowdfunding immobiliare come una forma di democratizzazione di un settore che, fino a non molto tempo fa, era accessibile unicamente ai grossi investitori con la possibilità di muovere capitali importanti. Essendo il crowdfunding fondato sul principio di unire le forze di un gran numero di finanziatori, in genere il singolo investitore può partecipare alle raccolte fondi anche con una cifra modesta, che può variare indicativamente tra i 100 e i 1.000 euro. In questo modo, il crowdfunding ha esteso l’accessibilità del settore immobiliare ai piccoli investitori e risparmiatori, che in precedenza ne rimanevano esclusi.

Allo stesso tempo, il crowdfunding immobiliare è stato in grado di portare dei benefici considerevoli anche ai promotori di operazioni immobiliari. Il fatto di poter entrare in contatto con una grande comunità di potenziali finanziatori consente infatti di raccogliere grossi capitali in tempi relativamente brevi.

Differenza tra lending ed equity crowdfunding[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse tipologie di crowdfunding immobiliare[1] e, in ognuna di queste, gli investitori assumono una posizione particolare nei confronti della società proponente. Le due principali sono il lending e l’equity crowdfunding.

Con il lending crowdfunding, i finanziatori contribuiscono a finanziare operazioni immobiliari prestando il loro denaro e ottenendo in cambio un interesse remunerativo.

Con l’equity crowdfunding, invece, gli investitori acquistano delle quote della società proponente, diventandone quindi soci e partecipando di conseguenza agli utili e alle eventuali perdite.

Nel settore immobiliare, finora il lending crowdfunding si è espanso maggiormente rispetto all’equity. Se guardiamo all’Italia, nel 2020 i finanziatori che hanno scelto la tipologia lending sono stati 37.039, contro i 5.633 che si sono invece orientati sull’equity. Questo dato può essere almeno in parte spiegato dalla ragionevole prevedibilità del rendimento delle operazioni immobiliari. Essendo la prospettiva di realizzare rendimenti oltre le aspettative piuttosto remota, i finanziatori preferirebbero optare per una remunerazione fissa che non li esponga alle potenziali perdite.

Evoluzione del crowdfunding immobiliare[modifica | modifica wikitesto]

Il crowdfunding immobiliare ha sperimentato una crescita significativa nel corso degli ultimi anni. A livello globale, le piattaforme dedicate sono aumentate da 8 nel 2012 a 144 nel 2019, 38 delle quali hanno sede nell’Unione Europea. Sempre nell’UE, l’ammontare dei fondi raccolti è passato da poco più di 2 milioni di euro nel 2012 a più di 815 milioni nel 2019.

Guardando all’evoluzione italiana tra il 2017 e il 2020, non si può che evidenziare un incremento considerevole: il numero di progetti è passato da 7 a ben 182, i fondi raccolti da 1,8 a 65,3 milioni e il numero di finanziatori da 2.150 a 42.672.

Le principali piattaforme di crowdfunding immobiliare in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Se guardiamo all’ammontare di fondi raccolti in Italia nel corso del 2020[2], le piattaforme di lending crowdfunding immobiliare in cima alla classifica sono:

  • Rendimento Etico (con 14,5 milioni di euro)
  • Trusters (con 7,4 milioni)
  • CrowdEstate (con 5,5 milioni)
  • Re-Lender (con 3,5 milioni).

Riguardo invece alle piattaforme di equity, ai primi posti troviamo:

  • Walliance (con 13 milioni)
  • Concrete Investing (con 12,8 milioni)
  • Mamacrowd (con 2,7 milioni).

Rendimento Etico si conferma dunque come la piattaforma italiana di crowdfunding immobiliare che nel 2020 ha raccolto l’ammontare di finanziamenti più elevato in assoluto. Impegnata nel recupero e nella valorizzazione dei crediti immobiliari deteriorati, Rendimento Etico acquista immobili soggetti a pignoramento, evitandone la vendita all’asta e le svalutazioni che possono derivarne. La piattaforma è balzata alle cronache a marzo 2021 per aver raccolto la cifra record di 4 milioni di euro per il finanziamento di una sola operazione.

Considerando i fondi complessivamente raccolti fino a questo momento (aprile 2021), il primato nel lending spetta sempre a Rendimento Etico, che a partire dal 2019 ha raccolto 27,5 milioni. Walliance si aggiudica invece il primo posto nel settore equity e in assoluto con 38 milioni raccolti a partire dal 2017.

Aziende attive nel settore[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencate alcune tra le principali società operanti nel settore.

Modello Lending[modifica | modifica wikitesto]

Modello Equity[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crowdfunding Immobiliare: Migliori Piattaforme, Rischi e Opinioni - Crowdfuture, su crowdfuture.net. URL consultato il 30 settembre 2021.
  2. ^ Lucilla Incorvati, Crowdfunding immobiliare verso i 60 milioni, su Il Sole 24 ORE, 21 luglio 2020. URL consultato il 30 settembre 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia