Crossing Lines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crossing Lines
Crossing Lines.JPG
Titolo originaleCrossing Lines
PaeseStati Uniti d'America, Francia, Germania, Italia
Anno2013 – in produzione
Formatoserie TV
Generedrammatico, poliziesco
Stagioni3
Episodi34
Durata45 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreEdward Allen Bernero
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
MusicheGuillame Roussel
ProduttoreHoward Griffith
Produttore esecutivoEdward Allen Bernero, Rola Bauer
Casa di produzioneTandem Communications, Bernero Productions, TF1 Production, Sony Pictures Television, Stillking Films, Rai Fiction
Prima visione
Distribuzione originale
Data23 giugno 2013
DistributoreNBC (st. 1)
Netflix (st. 2+)
Distribuzione in italiano
Dal14 giugno 2013
Alin corso
DistributoreRai 2 (st. 1)
Netflix (st. 2+)

Crossing Lines è una serie televisiva poliziesca ideata da Edward Allen Bernero e distribuita dal 2013.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un'unità speciale anti-crimine internazionale, i cui membri provengono dalle forze di polizia di varie parti del mondo, agisce per contrastare la dilagante criminalità che si sta sviluppando in Europa.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione originale Pubblicazione Italia
Prima stagione 10 2013 2013
Seconda stagione 12 2014 2015
Terza stagione 12 2015 2016

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha debuttato in anteprima mondiale su Rai 2 il 14 giugno 2013,[1] mentre negli Stati Uniti la prima stagione è stata trasmessa dal seguente 23 giugno dalla NBC, che ha poi rinunciato a trasmettere le stagioni successive. La seconda stagione è stata distribuita per la prima volta online attraverso il servizio di video on demand Amazon Instant Video, nel Regno Unito, il 15 agosto 2014, e in Italia dal 22 ottobre 2015 su Netflix.

La terza stagione è in onda in prima visione in Sud Africa dal 15 settembre 2015 su Sony Channel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crossing Lines, antoniogenna.net. URL consultato il 12 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione