Cronologia della guerra civile romana (49-45 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La cronologia della guerra civile tra Gaio Giulio Cesare e gli optimates capeggiati da Gneo Pompeo Magno, elenca tutti gli accadimenti importanti degli anni compresi tra il 49 a.C., quando Cesare passò il Rubicone ed il 45 a.C. quando venne sconfitta l'ultima resistenza degli optimates in Spagna a Munda.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

49 a.C. Eventi per anno Fonti antiche
1 gennaio Il Senato Romano riceve da Cesare la proposta di lasciare il comando contemporaneamente a Pompeo. Il Senato risponde a Cesare di arrendersi immediatamente. Cesare, De bello civili, I, 1
PlutarcoCesare, 30.3
SvetonioCesare, 29.2
AppianoLe guerre civili, II, 32
7 gennaio Senatus consultum ultimum nel quale pretende che Cesare restituisca i comandi provinciali e militari. I tribuni Marco Antonio e Quinto Cassio fuggono da Roma per raggiungere a Ravenna, Cesare Cesare, De bello civili, I, 5.3-5
PlutarcoCesare, 31.2
Velleio Patercolo, II, 49.3
AppianoLe guerre civili, II, 33
Cassio Dione, XLV, 27.2 e XLVI, 11.2-4
Livio, Periochae, 109
SvetonioCesare, 31.1
Cicerone, Epistulae ad familiares, XVI, 11.2
11/12 gennaio
(notte)
Cesare guida le sue truppe attraverso il Rubicone, che segna il confine fra la sua giurisdizione della Gallia cisalpina dall'Italia. Inizia la guerra civile. PlutarcoCesare, 32.4-8; Pompeo, 60.3-4
Velleio Patercolo, II, 49.4
SvetonioCesare, 32
AppianoLe guerre civili, II, 35
Cassio Dione, XLI, 4.1
12-15 gennaio Occupazione da parte delle truppe di Cesare di Rimini, Pesaro, Fano, Ancona e Arezzo Cesare, De bello civili, I, 8.1 e 11.4
AppianoLe guerre civili, II, 35
Cassio Dione, XLI, 4.1
17 gennaio Fuga di Pompeo Cesare, De bello civili, I, 14.1-3
PlutarcoCesare, 33.4-6; Pompeo, 60.6-8
AppianoLe guerre civili, II, 37
Cassio Dione, XLI, 6.1
22 gennaio Tito Labieno raggiunge Pompeo a Teano Cicerone, Epistulae ad Atticum, VII 11.l; 12,5; 13A, 3
PlutarcoCesare, 34.5; Pompeo, 64.5
Cassio Dione, XLI, 4.2-4
23 gennaio Lucio Roscio Fabato e Lucio Cesare, una volta giunti a Teano, dove si trovava Pompeo insieme ai consoli, riferirono le richieste di Cesare. Cesare, De bello civili, I, 10
Cicerone, Epistulae ad Atticum, VII 14.l
25 gennaio I consoli, assente Pompeo, formularono una risposta da inviare a Cesare. Cesare, De bello civili, I, 10
Cicerone, Epistulae ad Atticum, VII 14.l
1-4 febbraio Occupazione di Gubbio e Osimo Cesare, De bello civili, I, 12-13
5 febbraio La legio XII raggiunge Cesare. Occupazione di Fermo e Ascoli. Cesare, De bello civili, I, 15-16
15-21 febbraio Arrivo della legio VIII. assedio e conquista di Corfinio. Cesare, De bello civili, I, 16-23
Livio, Periochae, 109
PlutarcoCesare, 34.7-8
Velleio Patercolo, II, 50.1
SvetonioCesare, 34
AppianoLe guerre civili, II, 38
Cassio Dione, XLI, 10.2
25 febbraio Pompeo raggiunge Brindisi Cesare, De bello civili, I, 24
Cicerone, Epistulae ad Atticum, IX 10.8
PlutarcoCesare, 35.2
4 marzo I consoli salpano per Durazzo con tre legioni Cesare, De bello civili, I, 25
PlutarcoCesare, 35.2; Pompeo, 62.3
AppianoLe guerre civili, II, 39
Cassio Dione, XLI, 12.1
9 marzo Cesare con 6 legioni giunge a Brindisi che viene assediata Cesare, De bello civili, I, 25
Cicerone, Epistulae ad Atticum, IX 3.2; 18.2
PlutarcoCesare, 35.2
17 marzo Pompeo riesce a fuggire da Brindisi in direzione Durazzo Cesare, De bello civili, I, 28.3
Cicerone, Epistulae ad Atticum, IX 15A
PlutarcoCesare, 35.2; Pompeo, 62.5
AppianoLe guerre civili, II, 40
18 marzo Cesare entra a Brindisi e la occupa Cesare, De bello civili, I, 28.4
PlutarcoPompeo, 62.6
Cassio Dione, XLI, 12.3
31 marzo Cesare entra a Roma PlutarcoCesare, 35.3
AppianoLe guerre civili, II, 41
Cassio Dione, XLI, 15.1
19 aprile Cesare arriva davanti a Marsiglia Cesare, De bello civili, I, 34.1
Giugno Cesare arriva in Spagna, attraversando i passi dei Pirenei
30 luglio Cesare sconfigge le forze di Afranio e di Petreio a Ilerda
2 agosto I pompeiani in Spagna si arrendono a Cesare
24 agosto Il generale di Cesare Gaio Scribonio Curione, viene sconfitto in nord Africa dai pompeiani di Publio Attio Varo affiancati da Giuba II nella battaglia del Bagrada, e si suicidò
Settembre Decimo Bruto, un cesariano, sconfigge le forze navali combinate dei pompeiani e Marsigliesi nella battaglia di Marsiglia, mentre la flotta di Cesare nell'Adriatico viene sconfitta vicino a Curicta
6 settembre Marsiglia si arrende a Cesare, che sta ritornando dalla Spagna
Ottobre Cesare si proclama dittatore di Roma.
48 a.C. Eventi per anno Fonti antiche
4 gennaio Cesare sbarca a Dyrrhachium (Durazzo)
Marzo Marco Antonio raggiunge Cesare in Epiro.
Aprile Battaglia di Durazzo
10 luglio Cesare evita a malapena una sconfitta, si ritira verso la Tessaglia
9 agosto Battaglia di Farsalo: Cesare sconfigge definitivamente Pompeo e la flotta di Pompeo in Egitto
Agosto Giulio Cesare viene nominato console per un periodo di 5 anni
28 settembre Cesare viene informato dell'assassinio di Pompeo
Settembre Scontri ad Alessandria
Ottobre Farnace, re del Ponto, sconfigge i romani di Domizio Calvino nella battaglia di Nicopolis (o Nikopol)
Dicembre Battaglia di Alessandria d'Egitto tra le forze di Cesare e dell'alleata Cleopatra e quelle rivali di Tolomeo XIII e della regina Arsinoe IV. Questi vengono sconfitti e abbandonano la città, ma durante la battaglia parte della Biblioteca di Alessandria si incendia e viene distrutta.
47 a.C. Eventi per anno Fonti antiche
Febbraio Cesare e Cleopatra sconfiggono le forze della rivale regina Arsinoe IV nella battaglia del Nilo, Tolomeo XIII rimane ucciso. Cesare rinforza le sue truppe assediate ad Alessandria
Maggio Cesare sconfigge Farnace nella Battaglia di Zela.
Maggio Cleopatra nomina coregnante il suo giovane fratello Tolomeo XIV
Agosto Cesare sventa un ammutinamento tra i suoi veterani in Roma
Ottobre Cesare sbarca in Africa, contro Metello Scipione e Labieno
46 a.C. Eventi per anno Fonti antiche
6 febbraio Cesare sconfigge le forze combinate di pompeiani e Numidi guidate da Metello Scipione e Giuba I nella Battaglia di Tapso. Catone si suicida
Novembre Cesare parte per la Spagna per gestire una nuova e emergente resistenza
Novembre Cesare viene eletto pontefice Massimo a vita, riforma il calendario e instaura il Calendario giuliano. L'anno di transizione viene allargato a 445 giorni per sincronizzare il nuovo calendario al ciclo delle stagioni. Il Calendario giuliano rimarrà in uso in Europa occidentale per altri 1600 anni, fino a che non verrà superato dal Calendario gregoriano nel 1582
Novembre Cesare indica come successore suo nipote Augusto
45 a.C. Eventi per anno Fonti antiche
1º gennaio Entra in vigore il Calendario giuliano
17 marzo Nella sua ultima vittoria, Cesare sconfigge le forze pompeiane di Labieno e Gneo Pompeo il giovane nella battaglia di Munda. Labieno muore in battaglia, Gneo Pompeo viene giustiziato. Sesto Pompeo riesce a fuggire e a prendere il comando della flotta dei pompeiani.
Marzo I veterani delle legioni di Cesare Legio XIII Gemina e Legio X Equestris vengono smobilitati. I veterani della decima legione vengono mandati alla colonia di Narbo, mentre a quelli della tredicesima verranno assegnate terre migliori in Italia.
Marzo Cesare scrive probabilmente in questo anno le sue memorie, sebbene alcune teorie suggeriscono che le abbia scritte anno per anno, negli inverni seguenti ogni campagna.
44 a.C. Eventi per anno Fonti antiche
Gennaio Cesare viene nominato Dittatore a vita.
15 marzo Idi di marzo; Cesare viene assassinato

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche