Cronologia dell'evoluzione dei primati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cronologia
MontreGousset001.jpg
Preistoria

Cronologia dell'evoluzione della vita
Cronologia dell'evoluzione dei vertebrati
Cronologia dell'evoluzione dei mammiferi
Cronologia dell'evoluzione dei primati
Cronologia dell'evoluzione umana
Cronologia della preistoria
Cronologia della protostoria

Storia antica e Medioevo

Cronologia della storia antica
Cronologia della Mesopotamia
Cronologia dell'antico Egitto e Vicino Oriente
Cronologia dell'antica Grecia e Asia minore
Cronologia delle civiltà Europee
Cronologia della antica Persia, India e Asia centrale
Cronologia dell'Asia Orientale
Cronologia dell'Africa antica
Cronologia delle civiltà precolombiane
Cronologia degli eventi dell'antica Roma
Cronologia della tarda antichità
Cronologia del Medioevo

Storia moderna e contemporanea

Cronologia della storia moderna
Cronologia della storia contemporanea

 V · D · M 

1leftarrow blue.svgVoce principale: Evoluzione umana.

Sequenza dei momenti più importanti nella cronologia dell'evoluzione dei primati.

Cretaceo[modifica | modifica wikitesto]

Paleocene[modifica | modifica wikitesto]

  • intorno a 65,5 ± 0,3 milioni di anni fa (Paleocene - Daniano)[1]
    • Inizio dell'Era Cenozoica - (fino ad oggi)
    • Inizio del periodo del Paleogene - (fino a 23 milioni di anni fa)
    • Inizio dell'epoca del Paleocene - (fino a 55,8 ± 0,2 milioni di anni fa)[1]
    • Qui avviene la cosiddetta estinzione di massa del "Cretacico-Terziario" (Limite K-T), che pone fine all'Era secondaria, o Mesozoico, probabilmente dovuta all'impatto di un asteroide o un corpo cometario del diametro stimato di circa 10 km (le cui tracce si possono ritrovare nel Cratere di Chicxulub) equivalente alla detonazione di una potenza esplosiva pari a circa 5.0×1023 joules di energia, approssimativamente 100.000 gigatoni di TNT[1], nell'impatto. Questo evento disastroso provocò con molta probabilità l'estinzione dei dinosauri.
  • intorno a 65 milioni di anni fa (Paleocene - Daniano)
  • intorno a 60 milioni di anni fa (Paleocene - Selandiano)
    • Presunta presenza dei Plesiadapiformi ordine parallelo ai primati estinto nel tardo Eocene, appartenente al superordine Euarchonta comune ai primati stessi. È sicuramente l'ordine meno distante filogeneticamente dai primati, invece è dubbia la discendenza dei primati stessi da questo ordine di primatoidi estinti.
    • Comparsa dei primi primati conosciuti, ovvero delle protoscimmie del genere Teilhardina, protoprimati classificati nel sottordine Haplorrhini, famiglia Omomyidae, probabili antenate delle Simiiformes (comprendenti tutte le scimmie, platirrine e catarrine, uomo compreso), ma anche dei Tarsi. Nello stesso periodo compaiono le Adapidae, presunte antenate delle proscimmie. È proprio in questo periodo che si differenziano le proscimmie stesse (sottordine Strepsirrhini dell'ordine dei primati, comprendente lemuri, Aye aye e galagoni) dalle scimmie propriamente dette (sottordine Haplorrhini dell'ordine dei primati, comprendente tarsi e scimmie propriamente dette).

Eocene[modifica | modifica wikitesto]

Tabella temporale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia precedente:

Evoluzione dei mammiferi
250 milioni di anni fa circa
65,5 milioni di anni fa circa
Cronologia corrente:

Evoluzione dei primati
65,5 milioni di anni fa circa
35 milioni di anni fa circa
Cronologia seguente:

Evoluzione umana
35 milioni di anni fa circa
3 milioni di anni fa circa

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]