Cristoforo Ambrogini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cristoforo Ambrosini (anche Ambrosini o Ambrosi) (seconda meta` del 1500 – prima meta` del 1600) è stato un pittore italiano manierista attivo a Roma nel tardo 16° - inizio XVII secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le sue sole opere conosciute sono gli affreschi della facciata della chiesa di San Giacomo a Scossacavalli a Roma (attribuiti anche a Giovanni Guerra),[1] e, sempre a San Giacomo, gli affreschi sulle pareti e sulla volta della prima cappella (dedicata alla Vergine Maria) della navata destra, cappella che fu ristrutturata nel 1600 dall'architetto Antonio Longhi.[1][2] San Giacomo fu distrutta nel 1937 per la costruzione di via della Conciliazione.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gigli (1992) p. 14
  2. ^ Filippo Titi, Nuovo studio di pittura, scoltura, ed architettura nelle chiese di Roma, Roma, 1721, p. 459. URL consultato il 5 Settembre 2015.
  3. ^ Gigli (1992) p. 12

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gigli, Laura, Guide rionali di Roma, Borgo (III), Roma, Fratelli Palombi Editori, 1992, ISSN 0393-2710 (WC · ACNP).