Cristina Calderón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cristina Calderón Harban

Cristina Calderón Harban (Robalo, 24 maggio 1928Punta Arenas, 16 febbraio 2022) è stata una scrittrice, etnografa e lessicografa cilena.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata sull'isola Navarino, fu l'ultima persona al mondo di madrelingua yagan, dopo la morte della sorella e della sorellastra. Trascorse la maggior parte della sua vita a Villa Ukika presso Puerto Williams. Con la nipote Cristina Zarraga scrisse un libro di racconti in yagan, Hai Kur Mamashu Shis, pubblicato nel 2005 [1]. Collaborò inoltre alla realizzazione di un vocabolario yagan. Nel 2009 fu proclamata tesoro umano vivente dall'UNESCO per aver contribuito a tramandare usi e costumi del suo gruppo etnico [2].

Cristina Calderón è morta ultranovantenne nel 2022, per complicazioni da Covid-19. [3] Aveva 4 figli, tra cui Lidia González (l'unica femmina), che divenne vicepresidentessa della Assemblea costituente cilena. Lasciò anche 10 nipoti.

Note[modifica | modifica wikitesto]