Cristiano Scalabrelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cristiano Scalabrelli
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 2009 - giocatore
Carriera
Giovanili
1984-1985 non conosciuta G.S.Sauro
Squadre di club1
1987-1988 Cuoiopelli 0 (0)
1988-1989 Torino 0 (0)
1989-1990 Cuoiopelli 32 (-34)
1990-1991 Napoli 0 (-0)
1991-1993 Giarre 51 (-34)
1993-1995 Fiorentina 7 (-6)
1995-1996 Lucchese 13 (-13)
1996-1997 Cosenza 12 (-15)
1997-2000 Cesena 104 (-94)[1]
2000-2001 Piacenza 0 (-0)
2001-2002 Ternana 1 (-1)
2002-2003 Forlì 26 (-18)
2003-2004 Tivoli 20 (-19)
2004-2005 Santarcangelo ? (?)
2006 Bellaria 7 (-7)
2007-2009 Murata ? (-?)
Carriera da allenatore
2012-2013GiacomensePortieri
2013-SPALPortieri
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Beach soccer Football 5-a-side pictogram (Paralympics).svg
Carriera
Nazionale
2004-2007 Italia Italia 36 (?)
 

Cristiano Scalabrelli (Manciano, 28 novembre 1970) è un allenatore di calcio, ex calciatore ed ex giocatore di beach soccer italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Gruppo Sportivo Sauro[2] e successivamente nel Cuoiopelli, Scalabrelli passa nella stagione Serie A 1988-1989 al Torino in Serie A, dove però non disputa nessun match. Nella stagione successiva ritorna alla squadra d'origine, in Serie C2, dove gioca 32 partite subendo 34 reti.

Dopo un'esperienza al Napoli come terzo portiere dietro Galli e Taglialatela[3], senza collezionare presenze, Scalabrelli si trasferisce per due stagioni al Giarre, in Serie C1, dove si mette in mostra disputando 51 presenze e subendo 34 reti[4].

Nel 1993 viene ingaggiato dalla Fiorentina, dove è il vice di Francesco Toldo[4] nella stagione della promozione in Serie A e in quella successiva. In viola totalizza 7 presenze, debuttando nella massima serie nella partita Fiorentina-Napoli 4-0 del 15 aprile 1995. Alla fine della seconda stagione passa in prestito alla Lucchese[5], in Serie B, inizialmente come titolare; alla riapertura del mercato autunnale, tuttavia, i toscani ingaggiano Giovanni Galli, e Scalabrelli viene retrocesso a riserva[5].

Nel 1996 viene ceduto definitivamente al Cosenza, sempre in Serie B, e quindi passa al Cesena, in Serie C1, dove ritrova il posto da titolare e conquista la promozione in Serie B nel 1998. Rimane in Romagna per tre stagioni consecutive, fino alla nuova retrocessione in terza serie dopo lo spareggio con la Pistoiese, e nel settembre 2000 si trasferisce al Piacenza[6]. Con la squadra di Novellino conquista la sua seconda promozione in Serie A, come riserva di Flavio Roma. A fine stagione, non riconfermato, viene ingaggiato dalla Ternana, in Serie B, collezionando la sua unica presenza in sostituzione dell'espulso Sergio Marcon nella partita della retrocessione in Serie C1 degli umbri[7].

Svincolato, scende in Serie C2 militando nel Forlì, al fianco di Massimo Agostini[8], e nel Tivoli. Dopo una stagione in Serie D nel Santarcangelo, a febbraio 2006 si accorda con il Bellaria[9], disputando le sue ultime partite in Serie C2.

Nel 2007 Scalabrelli passa al Murata di Massimo Agostini[2], squadra campione in carica del campionato sammarinese, con cui disputa il primo turno preliminare di Champions League contro i finlandesi del Tampere United[10]. Nella stagione successiva difende ancora i pali del Murata[11], giocando un nuovo turno preliminare di Champions League contro l'IFK Göteborg[12].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2012 viene ingaggiato dalla Giacomense, squadra di Lega Pro Seconda Divisione, come preparatore dei portieri[13]; l'anno successivo, insieme a tutta la squadra e allo staff tecnico, si trasferisce alla SPAL, sempre in Seconda Divisione[14]. Attualmente fa parte dello staff tecnico di Leonardo Semplici, in Serie A con la Spal.

Beach soccer[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2004 e il 2007 milita nella Nazionale di beach soccer dell'Italia, allenata da Massimo Agostini: con la maglia azzurra disputa 36 incontri, vincendo un titolo europeo nel 2005[10].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Murata: 2007-2008
Fiorentina: 1993-1994
Cesena: 1997-1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 106 (-97) se si considera lo spareggio-salvezza contro la Pistoiese.
  2. ^ a b Scalabrelli il portierone nel Piacenza da serie A, Il Tirreno, 18 dicembre 2007, pag.13
  3. ^ Fischiate pure, ci farà bene, La Repubblica, 7 agosto 1990, pag.27
  4. ^ a b Ex calciatori Giarrestory.altervista.org
  5. ^ a b Calcio news, La Repubblica, 19 ottobre 1995, pag.44
  6. ^ Rosa 2000-2001 Storiapiacenza1919.it
  7. ^ La Ternana retrocede Reggio Calabria in festa, La Repubblica, 3 giugno 2002, pag.49
  8. ^ Savona: l'era del dopo Strinati inizia a Forlì, La Repubblica, 9 marzo 2003
  9. ^ UFFICIALE: Scalabrelli al Bellaria Tuttomercatoweb.com
  10. ^ a b Champions, Aldair battezza San Marino, Il Corriere della Sera, 17 luglio 2007, pag.51
  11. ^ Rosa Murata 2008-2009 Romagnasport.it
  12. ^ Calcio: Romario non sarà col Murata di San Marino Altarimini.it
  13. ^ La Giacomense ha già delineato tutto lo staff, La Nuova Ferrara, 23 giugno 2012, pag.36
  14. ^ Seconda Divisione - L'intervista, La Nuova Ferrara, 23 novembre 2013, pag.56

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]