Cristiano Ceriello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cristiano Ceriello (Napoli, 4 luglio 1974) è un regista, avvocato e attivista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Avvocato, attivo nella difesa dei consumatori e dei contribuenti, è Presidente dell'associazione "Difesa Consumatori e Contribuenti".

Come regista ha realizzato documentari, cortometraggi e lungometraggi cinematografici. Nel 2003 ha aderito al gruppo Dogma 95 di Lars Von Trier ed ha realizzato il secondo film dogma italiano Così x caso. L'anno successivo esce con il film Colori , al quale hanno partecipato Sabrina Salerno e Tania Zamparo.[1] Successivamente è sempre sua la regia di "D." anche con Marina Suma e Miriana Trevisan. Nel 2010 gira il documentario Caccia SpA, in concorso al 64º Salerno International Film, che contiene interviste esclusive a Daniela Poggi, Tessa Gelisio e Dacia Maraini.[2] Il documentario è il secondo capitolo di una Trilogia ecologista, dopo Vegetarian Party con Red Ronnie, Pino Caruso e Ivan Cattaneo.[3] Nel 2006 ha fondato il Partito Animalista Italiano, membro della coalizione internazionale Animal Politics EU e ha contribuito alla redazione del Manifesto Animalista Europeo.

Nel 2019, il Partito Animalista Italiano, con Cristiano Ceriello capolista in tutta Italia, ha partecipato alle Elezioni Europee 2019, ottenendo a livello nazionale la percentuale dello 0,6%, risultando il decimo partito politico italiano per numero di preferenze. Seppure il Partito Animalista non ha eletto deputati vista la soglia di sbarramento al 4%, del caso se ne occupano presentando dopo poco ricorso gli "avvocati AntiItalikum" guidati dall'Avvocato Felice Besostri, che in passato ha già fatto annullare leggi elettorali come "Porcellum" e "Italicum", i quali ritengono la soglia di sbarramento contraria ai nuovi disposti del Trattato di Lisbona e della Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea. Il ricorso nel 2020 verrà deciso dal Consiglio di Stato. In caso di accoglimento, al Partito Animalista spetterebbe uno dei 3 seggi aggiuntivi che saranno assegnati all'Italia dopo il completamento della Brexit, dalle Circoscrizioni Nord-Est, Centro e Meridione. Considerando come in tutte queste tre Cristiano Ceriello è risultato il candidato più votato del Partito Animalista, in caso di accoglimento del nuovo ricorso degli "Avvocati AntiItalikum" per le Europee 2019, Cristiano Ceriello sarebbe eletto al Parlamento Europeo.[4][5] Nel 2020 ha presentato una diffida nei confronti del Presidente della Provincia di Trento, del Prefetto e del Ministro dell’Ambiente per chiedere la liberazione dell’orso M49.[6]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cristiano Ceriello filmografia.
  2. ^ Caccia SpA, su Promiseland.it.
  3. ^ Flavia Giordano, Veg per incominciare, Demetra editore, p. 124, ISBN 9788844046996.
  4. ^ Alberto Maggi, 'Bomba' sulle elezioni europee. Il ricorso che ridisegna i seggi, su Affaritaliani.it, 8 agosto 2019. URL consultato il 1º maggio 2020 (archiviato il 10 agosto 2020).
  5. ^ Ricorso al TAR del Lazio contro l'Europellum, su Irpinia24.it, 15 ottobre 2019. URL consultato il 1º maggio 2020.
  6. ^ Guido Minciotti, Trentino, fine della fuga: l’orso M49 catturato con trappola tubo, su Il Sole 24 ORE, 29 aprile 2020. URL consultato il 1º maggio 2020 (archiviato il 1º maggio 2020).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]