Cristiana Capotondi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cristiana Capotondi nel 2012

Cristiana Capotondi (Roma, 13 settembre 1980) è un'attrice e dirigente sportivo italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Arte e spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Roma e cresciuta nei quartieri di Trastevere e Monteverde da padre cattolico e madre di religione ebraica per parte paterna,[1] esordisce nella recitazione nel 1993 nella miniserie televisiva Amico mio, con Massimo Dapporto; l'anno seguente recita in Italian Restaurant, accanto a Gigi Proietti e Nancy Brilli. Nel 1996 partecipa alla serie TV S.P.Q.R., prodotta da Aurelio De Laurentiis, in cui interpreta la figlia di Cesare Appio (Antonello Fassari). Lavora poi in diversi spot pubblicitari che la rendono nota al grande pubblico, tra cui quello del Tegolino del Mulino Bianco del 1993 e quello per il gelato Maxibon, diretto da Daniele Luchetti e Luca Lucini, che segnano l'esordio televisivo di un altro noto attore, Stefano Accorsi.

Nel 1995 esordisce al cinema con Vacanze di Natale '95, accanto a Massimo Boldi e Luke Perry. Nel 1998 recita in Un nero per casa, diretto e interpretato da Gigi Proietti, e successivamente nelle miniserie TV Anni '50 e Anni '60, dirette da Carlo Vanzina. Nel 2000 interpreta, a fianco di Lino Banfi, Ben Gazzara e Stefania Sandrelli, il film TV diretto da José María Sánchez, Piovuto dal cielo, e nel 2001 recita sia nella miniserie Angelo il custode sia nella serie TV Compagni di scuola.

Negli anni seguenti ha lavorato con Stefano Accorsi ne Il giovane Casanova, per la regia di Giacomo Battiato ed è una delle protagoniste della serie televisiva Orgoglio. Per quanto riguarda la carriera cinematografica, interpreta nuovamente il ruolo della figlia di Massimo Boldi in Christmas in Love, e recita accanto a Giorgio Pasotti nel film Volevo solo dormirle addosso, diretto da Eugenio Cappuccio: per entrambi i ruoli riceve una candidatura come miglior attrice non protagonista ai Nastri d'argento. Nel frattempo si laurea, nel luglio del 2005, in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma[2].

Nel 2006 è stata co-protagonista della miniserie Joe Petrosino. Nello stesso anno riceve la sua prima candidatura ai David di Donatello come miglior attrice protagonista, per il ruolo di Claudia, in Notte prima degli esami di Fausto Brizzi con Giorgio Faletti e Nicolas Vaporidis. La Capotondi è nuovamente sul set accanto a Nicolas Vaporidis nel film Come tu mi vuoi di Volfango De Biasi. Nel 2007 è protagonista del film I Viceré di Roberto Faenza e del film Scrivilo sui muri di Giancarlo Scarchilli con Ludovico Fremont.[3] Nel 2008 è protagonista del remake televisivo del capolavoro di Alfred Hitchcock Rebecca, la prima moglie, con Alessio Boni e Mariangela Melato.

Nel 2009 ritorna sul grande schermo con il film Ex. Nel 2010 compare su Rai Uno come la principessa Sissi, nella miniserie omonima diretta da Xaver Schwarzenberger, costata ben 12 milioni di euro. Nello stesso anno gira, sotto la regia del regista Terry Gilliam, il corto The Wholly Family. Nel 2011 è stata scelta come "madrina" e testimonial della 94ª edizione del Giro d'Italia di ciclismo. Lo stesso anno recita a fianco di Fabio De Luigi nel campione di incassi La peggior settimana della mia vita e fa parte del cast del film La kryptonite nella borsa nel ruolo di Titina, per il quale riceve una candidatura come miglior attrice non protagonista ai David di Donatello.

Si cimenta anche nel doppiaggio: nel 2012 con il cartoon Hotel Transylvania in cui interpreta Mavis, la figlia diciottenne del conte Dracula, a cui presta la voce Claudio Bisio;[4] nel 2013 nel film Educazione siberiana del premio Oscar Gabriele Salvatores presta la voce a Xenya, la protagonista femminile, interpretata dall'attrice inglese Eleanor Tomlinson. Nel 2013 con Claudia Gerini e Sabrina Impacciatore prende parte all'esordio alla regia di Giorgia Farina Amiche da morire, per il quale le tre attrici ricevono il Super ciak d'oro.

Nel novembre dello stesso anno esce nelle sale l'esordio alla regia di Pierfrancesco Diliberto (in arte Pif) La mafia uccide solo d'estate di cui Cristiana è protagonista a fianco dello stesso regista. Il film vince il premio del pubblico al Torino film festival, diretto da Paolo Virzì. Nel Natale del 2013 esce nelle sale il film Indovina chi viene a Natale? con un ricchissimo cast diretto dal regista Fausto Brizzi. Nell'ambito del Festival di Sanremo 2014, condotto da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, è tra gli ospiti presente nella serata inaugurale. Nel marzo del 2014 esordisce alla regia con un cortometraggio, prodotto dalla Wildside, dal titolo Sulla poltrona del Papa in cui è anche attrice, accanto a Denis Fasolo.

Nel 2016 partecipa come ospite alla prima puntata della prima stagione di Top Gear Italia. Per la Rai interpreta l'avvocato Lucia Annibali nella miniserie Io ci sono, film TV ispirato alla vicenda dell'Annibali, avvocato di Pesaro che nel 2013 venne sfigurata con l'acido da sicari albanesi ingaggiati dall'ex fidanzato Luca Varani, condannato a vent'anni dalla Corte di Cassazione per il fatto.

Nel settembre del 2016 idea, produce e organizza fuoricinema, assieme a Corriere della sera e Anteo Spazio cinema e con la direzione artistica di Gino&Michele, Gabriele Salvatores, Lionello Cerri e Cristiana Mainardi. La manifestazione cinematografica pop milanese ottiene uno straordinario successo di pubblico, diventando un appuntamento fisso del capoluogo lombardo. Un anno dopo, nel 2017, recita nella nuova serie televisiva RAI diretta da Riccardo Milano, Di padre in figlia nel ruolo di Maria Teresa Franza, per la quale vince il Premio migliore attrice protagonista al Roma Fiction Fest.[5]

L'8 marzo del 2018 esce nelle sale il film diretto da Marco Tullio Giordana, Nome di donna, che affronta il tema delle molestie sulle donne nel mondo del lavoro.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Da sempre grande appassionata di calcio, il 24 ottobre 2018 annuncia a sorpresa la sua candidatura a vicepresidente della Lega Pro, fortemente voluta dal candidato Francesco Ghirelli, con l'obiettivo della riforma della categoria, in favore di una maggiore tutela dei calciatori coinvolti. Il 6 novembre 2018 viene eletta vicepresidente della Lega Pro.[6]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una relazione durata dieci anni con un uomo che non faceva parte del mondo dello spettacolo, si è legata ai colleghi Nicolas Vaporidis e Primo Reggiani. [7] Dal 2006 è fidanzata con l'imprenditore ed ex conduttore televisivo Andrea Pezzi.[8]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cristiana Capotondi nel 2007

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sulla poltrona del Papa, cortometraggio (2014)

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Audio-libri[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Cristiana Capotondi
  2. ^ Cristiana Capotondi - Biografia e filmografia, repubblica.it. URL consultato il 2 novembre 2014.
  3. ^ Scrivilo sui muri, su comingsoon.it. URL consultato il 9 aprile 2018.
  4. ^ HOTEL TRANSYLVANIA 2 - CLAUDIO BISIO, CRISTIANA CAPOTONDI E PAOLO VILLAGGIO VOCI ITALIANE DEL FILM, su primissima.it, 21 settembre 2015. URL consultato il 9 aprile 2018.
  5. ^ Di padre in figlia, una saga con Cristiana Capotondi e Matilde Gioli, su tvzap.kataweb.it, 6 aprile 2017. URL consultato il 9 aprile 2018.
  6. ^ Lega Pro, Ghirelli è il nuovo presidente. Cristiana Capotondi e Jacopo Tognon vice, gazzetta.it, 6 novembre 2018. URL consultato il 6 novembre 2018.
  7. ^ Capotondi: io single, casta e contenta, su corriere.it, 29 settembre 2010.
  8. ^ Cristiana Capotondi, pancino sospetto con Andrea Pezzi: «Dodici anni insieme», in Il Mattino, 18 Ottobre 2018. URL consultato il 6 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN26874702 · ISNI (EN0000 0001 1874 1630 · SBN IT\ICCU\UBOV\973257 · LCCN (ENno2008071982 · GND (DE14005829X · BNF (FRcb16270155b (data)